Clicca qui per scaricare

Effective Workplace Health Promotion in the Network Society: the Role of Communication
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Gea Ducci, Lella Mazzoli 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 150 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 218-233 Dimensione file:  115 KB
DOI:  10.3280/SL2018-150012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


This contribution is focused on the key role played by communication in Workplace Health Promotion in the context of network society. According to the main WHP models, ascriptive policies have tended to be superseded by ones based on greater participation and involvement of workers in organizations. This emplies engaging and dialogical communication methods towards workers, taking into account the use of social and participatory web with a multi-channel approach. It’s possible to identify different levels of communication that are so relevant in the WHP processes, considering the changed medial context in which Health Communication is developing today. From the analysis of a specific case (a multinational pharmaceutical company), conducted through in-depth interviews with some key management figures, critical reflections and some indications emerge to understand and manage an effectively communication in this field.

La crescente attenzione nei confronti della Workplace Health Promotion si evince dall’adozione di nuove politiche comunitarie che offrono modelli di riferimento e approcci sempre più multisettoriali e multiattoriali. La rete internazionale European Network Workplace Health Promotion investe di importanti responsabilità organizzazioni sanitarie, pubbliche amministrazioni e imprese/aziende profit. A fronte di tale tendenza, nel presente contributo si offre una riflessione sul ruolo centrale che assume la comunicazione. In particolare si mette in luce il modo in cui i diversi attori utilizzano i media tradizioni e i media digitali (sociali e partecipativi), per promuovere sani stili di vita negli ambienti di lavoro, in una realtà sociale caratterizzata da un ecosistema mediale in continua evoluzione. Tale analisi si colloca nell’ambito degli studi sulla Health Communication nella network society, in cui le fonti informative online che riguardano salute-benessere sono molteplici e in cui emerge un nuovo attore: l’e-patient. I cittadini stessi generano contenuti e condividono esperienze in rete, costruendo il proprio patchwork mediale, sempre più in modalità mobile. Un’attenzione particolare è rivolta all’approccio di comunicazione multicanale nella promozione di corretti stili di vita in ambiente lavorativo, che si reputa necessario per ottimizzarne i risultati (in concomitanza all’attivazione di servizi dedicati - mensa biologica, palestra aziendale, ecc. -). Organizzazioni sanitarie, PA e aziende attivano infatti una strategia di comunicazione efficace quando tengono conto delle peculiarità del contesto ambientale e culturale dell’organizzazione; quando scelgono una pluralità di strumenti e linguaggi propri del contemporaneo e corrispondenti alle esigenze/caratteristiche degli interlocutori; quando attivano il public engagement (es.: progetto regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, ecc.). A tale proposito, si illustra l’analisi di un caso aziendale avanzato, condotta con metodo di ricerca di stampo qualitativo, attraverso lo svolgimento di interviste in profondità a figure-chiave di un’importante azienda multinazionale (responsabili/dirigenti del settore comunicazione e rappresentanti dei diversi livelli/profili professionali).
Keywords: Promozione della salute negli ambienti di lavoro, engagement dei lavoratori, comunicazione per la salute, welfare aziendale, benessere

  1. Affinito L., Ricciardi W. (2016). E-Patient e Social Media. Come sviluppare una strategia di comunicazione per migliorare salute e sanita. Roma: Il Pensiero Scientifico Editore.
  2. Boccia A. (2012). Stati di connessione. Pubblici, cittadini e consumatori nella (Social) Network Society. Milano: FrancoAngeli.
  3. Bonazzi G. (2006). Come studiare le organizzazioni, 2a ed. Bologna: il Mulino.
  4. Bradley W., Sparks L., O’Hair D. (2013), Health Communication in 21st Century. London: Wiley & Sons.
  5. Capra P., Dettoni L., Suglia A., a cura di (2016). Promuovere salute nei posti di lavoro. Evidenze, modelli e strumenti. Report Dors (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute). Torino: Regione Piemonte.
  6. Cipolla C., Maturo A., a cura di (2014). Sociologia della salute e web society. Milano: FrancoAngeli.
  7. Cohen E. (2010), The Empowered Patient: How to Get the Right Diagnosis, Buy the Cheapest Drugs, Beat Your Insurance Company, and Get the Best Medical Care Every Time. New York: Ballantine Trade Paperback Original.
  8. Ducci G. (2017). Relazionalita consapevole. La comunicazione pubblica nella societa connessa. Milano: FrancoAngeli.
  9. DuPrè A. (2014), Communicating about health: current issues and perspectives. Oxford: Oxford University Press.
  10. Fattori G., Bonì M., Daghio M.M. (2016). La Salute tra Educazione e Marketing Sociale. Sistema Salute, vol. 60, n. 1: 55-62. Perugia: Cultura e salute editore.
  11. Ferguson T. (2007). e-Patients. How they can help us heal healthcare. White Paper. San Francisco: Society of Participatory Medicine.
  12. French J., ed. (2017). Social marketing and public health. Theroy and practice. Oxford: Oxford University Press.
  13. Hector D., St. George A. (2013). Scoping review for the Nsw get healthy@work organizational support service: a component of the Nsw Healthy Workers Initiative. Sidney: The University of Sidney.
  14. Ito (2008). Introduction. In: Varnelis K., ed., Networked publics. Cambridge, MA: MIT Press.
  15. Jenkins H. (2007). Cultura convergente. Milano: Apogeo.
  16. Mazzoli L. (2017). Il patchwork mediale. Comunicazione e informazione fra media tradizionali e media digitali. Milano: FrancoAngeli.
  17. National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) (2008). Essential elements of effective workplace programs and policies for improving worker health and wellbeing. NIOSH Publication No. 2010-140. -- Testo disponisbile sul sito: www.cdc.gov/niosh/docs/2010-140/pdfs/2010-140.pdf (9 settembre 2017).
  18. O’Donnell M.P. (2002). Health promotion in the workplace. Albany, NY: Delmar Thomson Learning Inc.
  19. Ontario Workplace Health Coalition (OWHC). OWHC’s Approach to Workplace Health. -- Testo disponibile sul sito: www.owhc.ca/about_promo_model.html (9 settembre 2017).
  20. Peltomäki et al. (2003), Social context for workplace health promotion: feasibility considerations in Costa Rica, Finland, Germany, Spain and Sweden, Health Promotion International, vol. 18, issue 2: 115-126. Oxford University Press: Oxford.
  21. Rongen A. et al. (2013). Workplace Health Promotion. A meta-analysis of effectiveness. American Journal of Preventive Medicine, vol. 44, n. 4: 406-415.
  22. Rubinelli S., Camerini L., Schulz J. (2010). Comunicazione e salute. Milano: Apogeo.
  23. Santoro E. (2012). Web 2.0 e Social Media in medicina. Milano: Il Pensiero Scientifico Italiano.
  24. Segal L. (1999). Issues in the Economic Evaluation of Health Promotion in the Workplace. Australia: Centre for health program evaluation.
  25. Thompson T., Parrott R., Nussbaum J., ed. (2010). Handbook of Health Communication (2nd ed.). Taylor and Francis.
  26. Ducci G. (2016). Comunicazione pubblica e performance nella sanità digitale: trasparenza e accountability per un empowered patient. Sociologia della comunicazione, 5: 120-135. Milano: FrancoAngeli.

Gea Ducci, Lella Mazzoli, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 150/2018, pp. 218-233, DOI:10.3280/SL2018-150012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche