Clicca qui per scaricare

Dipendiamo. Un trattamento sistemico di gruppo per la cura della dipendenza affettiva
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Maria Chiara Gritti 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 117 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 47-72 Dimensione file:  203 KB
DOI:  10.3280/TF2018-117004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La dipendenza affettiva è una delle patologie più diffuse della nostra epoca. L’indagine teorica su questo disagio rivela una scarsità di contributi da parte della prospettiva sistemica che attualmente non ha ancora proposto uno spe- cifico modello di intervento su tale patologia. Partendo da questi presupposti, il presente elaborato si propone di illu- strare un trattamento sistemico di gruppo per la cura della dipendenza affet- tiva chiamato "Dipendiamo" che si caratterizza per tre elementi di novità: l’ap- plicazione di interventi tesi a promuovere sia la dimensione intrapsichica che interpsichica dell’individuo, l’impiego prevalente di tecniche non verbali di matrice sistemica e la strutturazione di un intervento breve e facilmente repli- cabile. Attualmente il protocollo è già stato sperimentato su undici gruppi di pazienti donne con dipendenza affettiva sia all’interno di un Consultorio Familiare che in ambito privato1. I follow-up realizzati hanno confermato l’ef- ficacia del trattamento su gran parte del campione partecipante che ha ripor- tato significativi miglioramenti in diverse aree quali riduzione della sintoma- tologia in campo affettivo, sviluppo di competenze personali e attivazione di risorse nella rete familiare.


Keywords: Cura dipendenza affettiva; trattamento sistemico di gruppo; integrazione tra risorse individuali e familiari; tecniche sistemiche; setting gruppale.

  1. Baiocco R., Giannini A.M., Laghi F. (2005). Contributi alla validazione di un nuovo strumento per la misurazione dell’alessitimia: la Scala Alessitimica Romana (SAR). Bollettino di Psicologia Applicata, 241: 44-55.
  2. Blasco Castellò, J. (2005). Dependencia emocional. Madrid: Alianza Editorial.
  3. Campos J.J., Frankel C.B., Cambras L. (2004). On the Nature of Emotion Regulation. Child Development, 75(2): 377-394.
  4. Canevaro A. (1999). La relazione di aiuto. Roma: Carroccio.
  5. Canevaro A., Bonifazi S. (2011). Il gruppo multifamiliare. Un approccio esperien- ziale. Roma: Armando.
  6. Canevaro A., Selvini M., Lifranchi F., Peveri L. (2008). La terapia individuale siste- mica con il coinvolgimento dei familiari significativi. Psicobiettivo, 28: 143-166., 10.1400/11363DOI: 10.1400/11363
  7. Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (2011). Il genogramma. Percorso di autocono- scenza, integrato nella formazione di base dello psicoterapeuta. Terapia Familiare, 97: 5-29., 10.3280/TF2011-09700DOI: 10.3280/TF2011-09700
  8. DuPont R.L. (1998). Addiction: a New Paradigm. Bullettin of Menninger Clinic, 62(2): 231-242.
  9. Giddens A. (1995). La trasformazione dell’intimità. Bologna: Il Mulino.
  10. Guerreschi C. (2011). La dipendenza affettiva. Ma si può morire anche d’amore? Milano: FrancoAngeli.
  11. Hall E., Hall C., Leech A. (1993). Apprendere la fantasia. L’“immaginazione guida- ta” nella classe. Trento: Erickson.
  12. Iacone S., Verde L. (2010). L’amore ai tempi del Genoma. Psiconline. Miller D. (1994). Donne che si fanno del male. Milano: San Paolo.
  13. Norwood R. (1989). Donne che amano troppo. Milano: Feltrinelli. Onnis L. (2004). Il tempo sospeso. Milano: FrancoAngeli.
  14. Peabody S. (2005). Addiction to Love: Overcoming Obsession and Dependency in Relationships. Berkeley, California: Celestial Arts.
  15. Pennebaker J.W., Kiecolt-Glaser J.K., Glaser R. (1988). Disclosure of traumas and immune function: Health implications for psychotherapy. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 56(2): 239-245., 10.1037/0022-006X.56.2.23DOI: 10.1037/0022-006X.56.2.23
  16. Piperno R., Fierro T., Paniccia M., Cantelmi T. (2003). Il trattamento sistemico-relazioinale del disturbo di panico. Terapia Familiare, 72: 27-60.
  17. Rigliano P. (2004). Doppia diagnosi Tra tossicodipendenza e psicopatologia. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Ruggiero G., Iacone S., Fargnoli C. (2009). Schiavo son dei vezzi tuoi: la codipen- denza tra clinica e ricerca. Storie e Geografie Familiari, 2.
  19. Shapiro F. (2013). Lasciare il passato nel passato. Tecniche di autoaiuto nell’EMDR. Roma: Astrolabio.
  20. Selvini M. (2008). Undici tipi di personalita. L’integrazione della diagnosi di perso- nalita nel pensiero sistemico complesso. Ecologia della Mente, 31: 29-55.
  21. Selvini M. (2014). L’integrazione della diagnosi di personalità e dei funzionamenti post-traumatici nel pensiero sistemico. Ecologia della Mente, 37/1: 49-59., 10.1712/1507.1655DOI: 10.1712/1507.1655
  22. Selvini M., Sorrentino A.M., Gritti M.C. (2012). Promuovere la resilienza “indivi- duale-sistemica”. Un modello a sei fasi. Psicobiettivo, 3: 59-91., 10.3280/PSOB2012-00300DOI: 10.3280/PSOB2012-00300
  23. Selvini Palazzoli M., Boscolo L., Cecchin G., Prata G. (1975). Paradosso e contropa- radosso. Milano: Raffaello Cortina.
  24. Sorrentino A.M. (2008). Il genogramma come strumento grafico per ipotizzare il funzionamento mentale del paziente. Terapia Familiare, 88: 59-92., 10.1400/11378DOI: 10.1400/11378
  25. Wedding D., Niemiec R.M. (2003). The clinical use of films in psychotherapy, Journal of Clinical Psychology, 59: 207-215.
  26. Wright P.H., Wright K.D. (1990). Measuring codependents’ close relationships: a preliminary study. J. Subst. Abuse, 2: 335-344., 10.1016/S0899-3289(10)80005-DOI: 10.1016/S0899-3289(10)80005-

Maria Chiara Gritti, in "TERAPIA FAMILIARE" 117/2018, pp. 47-72, DOI:10.3280/TF2018-117004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche