Patrimonio diffuso, comunità locali. La "riscoperta": per una ipotesi di valorizzazione dell’ipogeo di Calaforno

Titolo Rivista: ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE
Autori/Curatori: Marianna Figuera
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 5-23 Dimensione file: 359 KB
DOI: 10.3280/ASSO2018-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel contributo si propone una ipotesi di valorizzazione per un sito unico nel panorama preistorico siciliano: l’ipogeo di Calaforno. Il rinnovato interesse scientifico nei confronti di questo monumento si è manifestato tramite una serie di attività (scavi archeologici, rilievi e scansioni laser, allestimento di una mostra) che ha finito per coinvolgere con entusiasmo anche la collettività a livello locale. Da qui nasce l’idea di valorizzare in maniera innovativa l’ipogeo e, di riflesso, l’intero territorio di Giarratana caratterizzato dalle molteplici evidenze archeologiche, ma escluso dai maggiori circuiti turistici. Si suggerisce, quindi, di affiancare ai canali tradizionali alcune tecnologie digitali, per permettere un coinvolgimento più ampio e attivo dei fruitori allo scopo di rendere una realtà minore come questa competitiva con i grandi attrattori turistici.

Marianna Figuera, Patrimonio diffuso, comunità locali. La "riscoperta": per una ipotesi di valorizzazione dell’ipogeo di Calaforno in "ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE" 1/2018, pp 5-23, DOI: 10.3280/ASSO2018-001001