Clicca qui per scaricare

La tutela dei cittadini dell’Unione europea contro la povertà e l’esclusione sociale: il diritto ad un reddito minimo garantito tra criticità e proposte di adeguamento
Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA) 
Autori/Curatori: Alessandro Nato 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 93-119 Dimensione file:  272 KB
DOI:  10.3280/CEU2018-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il reddito minimo garantito è una pietra miliare del modello sociale europeo e consiste nell’erogazione ad intervalli regolari di un sostegno pari al "minimo vitale" per consentire ai beneficiari di condurre una vita dignitosa. Esso è un diritto sancito implicitamente all’art. 34, paragrafo 3 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione e si estrinseca in differenti schemi attuativi predisposti dagli Stati membri dell’UE. Pur dimostrandosi uno strumento utile, nel difficile contesto della crisi economica il reddito minimo ha palesato una certa inadeguatezza nel contrastare efficacemente il fenomeno della povertà. Il presente contributo esamina, da un lato, le dinamiche in atto a livello dell’Unione, indagando l’attuale sistema europeo di lotta alla povertà e all’esclusione sociale e le recenti proposte in discussione, quali ad esempio il contributo del Pilastro europeo dei diritti sociali; dall’altro, approfondisce gli elementi di criticità degli schemi di reddito minimo negli Stati membri.


Alessandro Nato, in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 1/2018, pp. 93-119, DOI:10.3280/CEU2018-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche