Clicca qui per scaricare

Excursus storico-bibliografico dello studio del fenomeno mafioso in psicologia clinica
Titolo Rivista: SETTING 
Autori/Curatori: Luciana Calvarese, Dominga Gullì, Girolamo Lo Verso 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 41-42 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 101-118 Dimensione file:  448 KB
DOI:  10.3280/SET2016-041004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Come l’articolo in discussione sottolinea, gli studi psicologico-clinici sulla mafia intrapresi dal gruppo di ricerca dell’Università degli Studi di Palermo coordinato dal prof. Lo Verso iniziano nel 1994 con uno studio sul caso Vitale (Lo Verso, 1995) e partono dalla visione del fenomeno mafioso come oggetto di studio e ricerca animate da tensione etica, ma anche scientifica, in una prospettiva interdisciplinare di dialogo tra approcci diversi: quello giuridico giudiziario e quello psicodinamico gruppo analitico. Ad oggi leggiamo nell’articolo il modello gruppo analitico soggettuale (Lo Verso, 1989, 1994; Giannone, Lo Verso, 1996; Fiore, 1997; Lo Verso, Di Blasi, 2012) rappresenta la chiave di lettura che più ha potuto comprendere e interpretare i processi mentali che caratterizzano la psiche mafiosa. Ciò in quanto le analisi psicodinamiche hanno trovato che la mafia è un sistema etnico, una modalità di essere delle famiglie, un’organizzazioneidentità che si interseca e si coniuga con la realtà locale, la cui configurazione antropopsichica si qualifica per la coincidenza tra derivate culturali, comunitarie, familiari ed individuali. Lo psichismo mafioso si svela come modalità organizzatrice delle relazioni tra il soggetto e la realtà, caratterizzate dal loro essere dogmatico e fondamentalista (Lo Verso, 1998), cioè strutturato su rigide fondamenta affettive dell’individualità, e come matrice inconscia di pensiero che ‘in-forma’ di sé molti aspetti della vita quotidiana. Nello studio delle peculiarità psicologiche che caratterizzano lo "psichismo mafioso", il fondamentalismo riveste un ruolo di primaria importanza. Insomma, la nascita psichica è un processo relazionale di identificazione che il nuovo nato ha con la realtà familiare, antropologica, biologica che lo concepisce ed alleva. Tale mondo gruppale esterno ed, insieme, interno è presente nell’inconscio di ogni uomo e contribuisce, insieme all’esperienza, a strutturarlo (Lo Verso, Di Blasi, 2012). La ricerca e la clinica supportano l’ipotesi della funzione, da parte della famiglia mafiosa, di saturazione del processo evolutivo della famiglia biologica e di condizionamento del processo evolutivo grazie al suo fondamentalismo psichico, che non riconosce e non incentiva nessun tipo di soggettività, generatività e autonomia di pensiero: "È... come se la psiche individuale fosse colonizzata dalla psiche collettiva del proprio familiare, che è transgenerazionale ed allargato sino a ricomprendere la famiglia mafiosa nella quale l’individuo si identifica pienamente". Il lavoro psicologico-clinico sulla mafia deve molto ai contributi di Giovanni Falcone, ideatore di un metodo d’indagine che, riconoscendo il valore della relazione ed alimentato dal bisogno autentico di comprensione del fenomeno da combattere, si fonda sul dialogo con l’altro come persona nella sua peculiarità e complessità, se vogliamo con una metodologia ed un atteggiamento clinici. La psicologia degli ex-mafiosi diventati collaboratori di giustizia conferma quanto ipotizzato sulla famiglia e sull'identità mafiosa: Un dato principale che emerge dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia è la differenziazione che essi operano tra gli aspetti ‘ideali’ di Cosa Nostra, che fondavano il senso della loro appartenenza individuale all’organizzazione, e quelli ‘reali’, lo stravolgimento cioè del ‘codice d’onore’, nei quali non si riconoscono più (Lo Verso, 1998). Gli studi si allargano, negli anni ’90 e 2000, a gruppi con magistrati mossi, all’analisi delle perizie psichiatriche e delle deposizioni giudiziarie, al lavoro clinico nei Servizi soprattutto con i figli di famiglie mafiose, contribuendo allo stu dio della psiche mafiosa come vero e proprio soggetto/oggetto della ricerca e della clinica e della mafia come vero e proprio organizzatore psichico. Nasceranno esperienze di setting e tecniche specifiche per la psicoterapia, ormai valutabili e codificabili, come il gruppo di elaborazione clinico-sociale, che permetteranno una sia pur provvisoria risposta alla domanda del clinico: che cosa significa per uno psicoterapeuta aiutare un paziente a svelare la propria storia quando questa è attraversata da omicidi, tradimenti, morti bianche, di uomini noti alla cronaca giudiziaria? Che cosa significa per la relazione clinica in atto, sentirsi osservati dalla mafia? (Giunta, Lo Verso, 2011). In La Mafia in Psicoterapia (Lo Verso, 2013) i casi clinici concreti riportati attestano che la mafia è psicopatologia nella misura in cui produce spersonalizzazione nei suoi membri, angoscia e paranoia nella polis in cui opera, crollo della stima di sé, ansia, paura nelle sue vittime e impossibilità di sviluppo psicosociale e politico-economico.


Keywords: Mafia, fondamentalismo, psichismo mafioso.

  1. Calabrese L., Gullì D., Giunta S., Giordano C. (2014). La ‘Ndrangheta attraverso lo sguardo dei magistrati: una ricerca empirica, Atti XVI Congresso Nazionale AIP Pisa, Sezione di Psicologia clinica e dinamica, vol. XVI. Calandra F., Giorgi A. (2015). Io non pago. La stra-ordinaria storia di Gianluca Maria Calì. Milano: Deixis.
  2. Coppola E., Formica I. (2015). ‘Ndrangheta and The Strett: Experential Group with Reggio Calabria Flyng Squad Policeman. The Journal of new paradigm research, 71.
  3. Coppola E., Giordano C., Giorgi A., Lo Verso G., Siringo F. (2011). Trame di Sviluppo. Il volontariato e la ricerca psicologica per il cambiamento nei territori difficili. Milano: FrancoAngeli.
  4. Coppola E., Giorgi A., Lo Verso G. (2008). Beni Relazionali e Gruppi di Acquisto Solidale. Psychomedia Telematic Rewiew.
  5. Coppola E., Giunta S., Lo Verso G. (2010). La ‘Ndrangheta tra la realtà detentiva e l’identità organizzativa: una ricerca psicologica-clinica, Rivista Telematica di Psicologia Clinica, 1.
  6. Coppola E., Formica I. (2014). La ‘Ndrangheta e la strada. Gruppo esperienziale con gli agenti dell’unità mobile di Reggio Calabria. Narrare i gruppi, 9(1).
  7. De Rosa C., Giunta S. (2010). Strozzateci tutti. Roma: Aliberti.
  8. De Rosa C., Galesi L. (2013). Mafia da legare. Pazzi sanguinari, matti per convenienza, finte perizie, vere malattie: come Cosa Nostra usa la follia. Milano: Sperling & Kupfer.
  9. Di Blasi M., Cavani P., La Grutta S., Lo Baido R., Pavia L. (2014). Crescere in terre di mafia. Narrare i gruppi, 9(1).
  10. Di Forti F. (1971). Le radici profonde della mafia. Roma: Siva.
  11. Di Lorenzo S. (1996). La grande madre mafia. Psicoanalisi del potere mafioso. Parma: Pratiche Editrice.
  12. Di Maria F., Formica I. (2005). La mafia interiore. Micromega, 3.
  13. Di Maria F., Formica I., Lo Coco G. (2007). La mafia ieri, oggi, domani. Riattraversare la storia: dal “già noto” al “non ancora”. Psicologia di comunità, 3.
  14. Fiore I., Lo Coco G. (1999). Aspetti psicodinamici del pentitismo mafioso. Aggiornamenti Sociali, 1.
  15. Lo Cascio G. (1986). L’immaginario mafioso. La rappresentazione sociale della mafia. Bari: Dedalo.
  16. Fiore I. (1997). Le radici inconsce dello psichismo mafioso. Milano: FrancoAngeli.
  17. Fiore I. (1998). La famiglia del pensare mafioso. Milano: FrancoAngeli.
  18. Formica I., Coppola E. (2012). La ‘ndrangheta a Reggio Calabria: fenomenologia, rappresentazioni mentali e vissuti di magistrati e forze dell’ordine. Atti XIV Congresso Nazionale Psicologia, Chieti.
  19. Formica I., Calandra F., Lampasona R., Lo Verso G. (2015). Extortion offence and psychopathology the analysis of the experience of a mafia victim. Atti del XVII
  20. Congresso Nazionale Psicologia clinica e dinamica, vol. XVII, Milazzo.
  21. Formica I., Gugliotta S.C., Lisciandrello S. (2004). Pre-adolescenza e legalità: una ricerca-intervento a Palermo. Psicologia Scolastica, 3.
  22. Giannone F., Ferraro A. M. (2014). Le Vittime del racket. Imprenditori e commercianti alle prese con Cosa Nostra, ‘Ndrangheta e Camorra. Narrare i Gruppi, 9(1).
  23. Giordano C., Lo Verso G. (2014). Il boss mafioso ieri e oggi. Caratteristiche psicologiche e dati di ricerca. Narrare i gruppi, 9(1).
  24. Giordano C. (2010). Studi psicologico-clinici sulla psicologia mafiosa. Rivista di psicologia clinica, 2.
  25. Giordano C., Giunta S., Lo Verso (2011). Le ricerche sullo psichismo mafioso. In: Lo Verso G., Di Blasi M. Gruppoanalisi soggettuale. Milano: Raffello Cortina.
  26. Giorgi A., Giunta S., Coppola E., Lo Verso G. (2009). Territori in controluce. Ricerche psicologiche sul fenomeno mafioso. Milano: FrancoAngeli.
  27. Giorgi A. (2007). Oltre il pensare mafioso: sviluppo umano e beni relazionali. Rivista di Psicologia Clinica, 3.
  28. Giorgi A., Giunta S. (2005). Siti sulle mafie italiane. Rivista Aggiornamenti Sociali, 56.
  29. Giunta S., Campo R., Flocca F., Gianfortone N. (2005). Identità e culture fondamentaliste. In: Narrare il gruppo. Prospettive cliniche e sociali. Armando Editore, vol. 3.
  30. Giunta S., Flocca F. (2003). Il Femminile in Cosa Nostra. Psychomedia.
  31. Giunta S., Flocca F., Giordano C., Lo Verso G. Gli agenti di scorta in Sicilia: mafia e/o burnout? Un’indagine sulla prevenzione del burnout. In: Atti del V Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Clinica dell’ AIP, Bari 26-27 Settembre 2003, Grafica 080-Modugno (Ba), pp. 171.
  32. Giunta S., Licari G., Lo Verso G. (2004). La psiche mafiosa: stato dell’arte ed ipotesi per la ricerca. In: Narrare il gruppo. Prospettive cliniche e sociali. Armando Editore, vol. 1.
  33. Giunta S. (2012). Un percorso attraverso la psicologia del fenomeno mafioso. International Journal of Psychoanalysis and Education – IJPE, IV(2): 9.
  34. Giunta S. (2012). Valutazione DSSVF. Sezione femminile della Casa Circondariale San Pietro di Reggio Calabria. Reggio Calabria: Città del Sole Edizioni.
  35. Giunta S., Lo Verso G. (2012). Nel nome del padrino. International Journal of Psychoanalysis and Education – IJPE, IV(2): 9.
  36. Giunta S., Lo Verso G. (a cura di) (2011). La mafia, la mente, la relazione. Quaderno report, 15.
  37. Giunta S., Lo Verso G., Mannino G. (2013). Il mondo mafioso: tra pratica clinica ed interventi nella polis. Genova: CSR.
  38. Gozzoli C., Giorgi A., Lampasona R. (2014). Segni dell‘Ndrangheta in Lombardia: studio di un artefatto culturale. Narrare i gruppi, 9(1).
  39. Gullì D., Calabrese L., Giunta S., Ruvolo D. (2014). Iconografie mentali e territoriali dello psichismo mafioso nei servizi di salute mentale messinesi, Volume degli Atti, vol. XVI. Pisa: University Press.
  40. Ingroia A. (2007). Dal terrore delle stragi all’angoscia del silenzio. In: Marino G.C. La Sicilia delle stragi. Roma: Newton Compton Editori.
  41. Ingroia A. (2008). Cosa nostra come sistema di potere criminale. In: Dino A., Pepino L., Sistemi criminali e metodo mafioso. Milano: FrancoAngeli.
  42. Lo Coco G. (1999). Famiglia e crisi del pensiero familiare nello psichismo mafioso. Terapia Familiare, 56.
  43. Lo Coco G. (1999). Gruppoanalisi e pensiero mafioso: letture di un fondamentalismo. Gruppi, 1.
  44. Lo Verso G. (1994). Mafia e follia. Il caso Vitale. Psicoterapia e Scienze Umane. Torino: Bollati Boringhieri.
  45. Lo Verso G. (1998). La mafia dentro. Milano: FrancoAngeli.
  46. Lo verso G., Lo Coco G., Mistretta S., Zizzo G. (a cura di) (1999). Come cambia la mafia. Esperienze giudiziarie e psicoterapeutiche in un paese che cambia. Milano: FrancoAngeli.
  47. Lo Verso G., Lo Coco G. (2002). La Psiche Mafiosa. Storie di casi clinici e collaboratori di giustizia. Milano: FrancoAngeli.
  48. Lo Verso G., Lo Coco G. (2004). Working with patients involved in the mafia. In: Prestano C. (edit by). Lo Verso English Paper. Palermo: Edizioni Anteprima.
  49. Lo Verso G., Coppola E. (2009). Mafia e sanità. In: Dino A. Criminalità dei potenti e metodo mafioso. Milano: Mimesis.
  50. Lo Verso G. (2013). La mafia in Psicoterapia. Milano: FrancoAngeli.
  51. Lo Verso G. (2004). La mafia fa male alla salute: le storie delle figlie di boss. Diario, IX(25).
  52. Lo Verso G. Di Blai M. (2012), La Gruppoanalisi soggettuale. Milano: Cortina.
  53. Lo Verso G., Licari G., Giorgi A. (2014). La psicologia del fenomeno mafioso. Ricerche e studi sulla mafia, sulla ‘ndrangheta e sulla Camorra. Narrare i gruppi, 9(1).
  54. Mannino G., Giunta S., Buccafusca S., Cannizzaro G., Lo Verso G. (2014). Le strategie comunicative di Cosa Nostra: una ricerca empirica. Narrare i gruppi, 9.
  55. Mannino G., Giunta S., Buccafusca S., Cannizzaro G., Lo Verso G. (2015). Communications strategies in Cosa Nostra: an empirical research. World Futures. The Journal of New Paradigm Research.
  56. Mannino G., Gullì D., Giunta S., Di Blasi M. (2015). Mafia women: mental representation of the mafia and correlate psychopathological an exploratory study, Atti XVII Congresso Nazionale AIP, Sez. di Psicologia clinica e dinamica, Milazzo, vol. XVII.
  57. Mugno S. (2014). Quando Giovanni Falcone incontrò la mafia. I primi processi del magistrato a Cosa Nostra nel Palazzo di Giustizia di Trapani e altri singolari vicende. Trapani: Di Girolamo Editore.
  58. Schimmenti A., Caprì C., La Barbera D., Caretti V. (2014). Mafia and Psychopathy.
  59. Schimmenti A., Giunta S., Lo Verso G. (2014). Mafia women: a study of language and mental representations of women engaged with mafia members. International Journal Of Criminology and Sociology, p. 267-274.
  60. Sciascia L. (1964). Appunti su mafia e letteratura. Nuovi Quaderni del Meridione, 2(5).
  61. Giordano C., Lo Coco G., Giunta S., Lo Verso G. (2005). Essere figli nella famiglia mafiosa. Un’indagine attraverso il DSSVF. In: Di Vita A. M:, Salerno A. La valutazione della famiglia. Dalla ricerca all’intervento. Milano: FrancoAngeli.

Luciana Calvarese, Dominga Gullì, Girolamo Lo Verso, in "SETTING" 41-42/2016, pp. 101-118, DOI:10.3280/SET2016-041004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche