Clicca qui per scaricare

Arcipelago carcere - "Prison" archipelago
Titolo Rivista: SETTING 
Autori/Curatori: Giovanna Tatti 
Anno di pubblicazione:  2016 Fascicolo: 41-42 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 173-189 Dimensione file:  440 KB
DOI:  10.3280/SET2016-041008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Partendo dall’assunto che il setting è imprescindibilmente influenzato e strutturato dalle rappresentazioni che l’Istituzione ha del lavoro clinico e da quelle che il clinico ha della Istituzione in cui opera, con questo scritto si intende riflettere sulle dinamiche difensive, soprattutto di natura scissionale, che attraversano e caratterizzano un istituto di detenzione. Sarà allora fondamentale posizione astinente e un pensiero psicoanaliticamente orientato che non colluda con queste dinamiche. Le difficoltà sono molteplici, a partire dalla strutturazione del setting, dove tutto va creato da zero, compresa la domanda: committente e utente non coincidono; e parte del lavoro del clinico consiste nel capire se e in che modo l’utente può rendersi paziente. Quando questo avviene, si crea uno spazio prezioso per la comprensione di sé, e di come si sia arrivati a commettere reati anche di notevole gravità. La "ristrutturazione" della personalità diventa elemento fondante del trattamento, laddove l’ingresso in carcere produce o induce un processo di de-strutturazione. Si propone una breve storia clinica che illustra il ruolo del trauma e della vittimizzazione e il necessario lavoro sulla "prima vittima" allo scopo di evitare vittimizzazioni ulteriori.


Keywords: Carcere, Istituzione totale, reati sessuali, setting carcerario, spersonazione- spoliazione, trauma.

  1. Limiti M. (2014). La scissione carceraria ovvero la tematica collusiva nel contesto penitenziario. Setting, 37/38: 103-115.
  2. Corbella S. (2003). Storie e luoghi del gruppo. Raffaele Cortina Editore.
  3. De Masi F. (2012). Lavorare con pazienti difficili. Bollati Boringhieri.
  4. Gay P. (1996). Reenactment and eating disorders. Sexual Addiction & Compulsivity, 3(3): 250-257.
  5. Goffmann (1961). Asylums. Le Istituzioni totali: i meccanismi dell’esclusione e della violenza.
  6. Meltzer (1973). Revisione strutturale della teoria delle perversioni e delle tossicomanie.
  7. Miller D. (1996). Challenging self-harm through transformation of the trauma story. Sexual Addiction & Compulsivity, 3(3): 213-227.
  8. Racamier (1979). De psychanalyse en psychiatre. Edition Payot.
  9. Schwartz M.F. (1996). Reenactments related to bonding and hypersexuality. Sexual Addiction & Compulsivity, 3(3): 195-212.
  10. Schwartz M. F., Galperin L.D. (1996). Reenactment, trauma and compulsive behavior. Sexual Addiction & Compulsivity, 3(3): 15-160.
  11. Solms M. e Panksepp J. (2012). The “Id” Knows More than the “Ego” Admits. Brain Sci., 2: 147-175.
  12. Stern D. (2004). The Present Moment in Psychotherapy and Everyday Life. Norton Series on Interpersonal Neurobiology.
  13. Sullivan J.M., Evans K. (1996). Trauma and chemical dependence: a summary overview of the issue and an integrated treatment approach. Sexual Addiction & Compulsivity, 3(3): 228-249.
  14. Van der Kolk B. (2014). The body keeps the score. Penguin ed. Regolamento penitenziario D.P.R. 30 giugno 2000, Art. 27.

Giovanna Tatti, in "SETTING" 41-42/2016, pp. 173-189, DOI:10.3280/SET2016-041008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche