Clicca qui per scaricare

La cultura della sicurezza e il ruolo formativo delle Università nella prospettiva della "Terza Missione"
Titolo Rivista: SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI 
Autori/Curatori: Chiara Cilona 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 3 Organizzazioni, innovazione e sicurezza sul lavoro Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 122-134 Dimensione file:  240 KB
DOI:  10.3280/SISS2018-003009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Promuovere la salute e la sicurezza negli ambienti di lavoro è un obiettivo am-bizioso ma imprescindibile per gli organismi deputati alla formazione e allo sviluppo sociale, quali le Università. La finalità è "accompagnare culturalmente" le organizzazioni verso modelli in cui si esalta il ruolo della conoscenza e logiche produttive improntate sulla responsabilità diffusa, sulla valorizzazione della persona e sulla minimizzazione dei rischi fisici, psicologici e sociali sul lavoro. La dimensione comunicativa (formazione, dialogo, ascolto e interazione) diventa la dinamica principale capace di influire direttamente sullo sviluppo della prevenzione aziendale, per la costruzione delle buone prassi e della cultura della sicurezza. Questo ruolo formativo delle Università rientra nella cosiddetta "Terza Missione", che attribuisce al sistema universitario un ruolo di interlocutore dinamico con il tessuto produttivo e la comunità territoriale, per un modello di sviluppo sociale basato sull’innovazione, sulla formazione social embedded che valorizza le persone e le organizzazioni per una migliore qualità della vita e livelli maggiori di benessere.


Keywords: Sicurezza sul lavoro; benessere organizzativo; formazione per la sicurezza sul lavoro; Terza Missione.

  1. Agi-Censis. (2017). Rapporto 2017. La cultura dell’innovazione: testo disponibile al sito: -- https://images.agi.it/pdf/agi/agi/2017/12/18/085649233-6a59d4bb-32e8-4578-887c-669b2385fada.pdf.
  2. Alberici A. (2002). Imparare sempre nella società della conoscenza. Milano: Bruno Mondadori.
  3. Bauman Z. (2002). Modernità liquida. Bari: Laterza.
  4. Barone M., Fontana A. (2005). Prospettive per la comunicazione interna e il benessere organizzativo. Milano: FrancoAngeli.
  5. Bertagni B., La Rosa M. e Salvetti F., a cura di (2006). Società della conoscenza e formazione. Milano: FrancoAngeli.
  6. Bonazzi G. (2002). Come studiare le organizzazioni. Bologna: il Mulino.
  7. Butera F. (2009). Il cambiamento organizzativo. Bari: Laterza.
  8. Campagna L., Pero L. (2017). Partecipazione e innovazione per aumentare la produttività, Sviluppo e Organizzazione, n. 276, Maggio/Giugno/Luglio.
  9. Cesareo V., Vaccarini I. (2006). La libertà responsabile. Soggettività e mutamento sociale. Milano: Vita e pensiero.
  10. Cilona C. (2017). The challenge of the Third Mission of Italian Universities: A New Path for Inclusive Growth and the Development of the person, QTimes WebMagazine, anno IX, 2.
  11. Clerici P., Guercio A., Quaranta L. (2016). La gestione dell’elemento umano nelle organizzazioni per la salute e sicurezza sul lavoro HMS-OHS (Human Management System
  12. for Occupational Health and Safety), Inail, maggio.
  13. Cocozza A. (1996). La sfida della partecipazione. Relazioni industriali e gestione delle risorse umane nell'impresa. Milano: FrancoAngeli.
  14. Cocozza A. (2006). Direzione Risorse Umane. Politiche e strumenti per l’organizzazione e la gestione delle risorse umane. Milano: FrancoAngeli.
  15. Cocozza A., a cura di (2010), Persone, organizzazioni, lavori. Milano: FrancoAngeli.
  16. Colasanti N., Frondizi R., Huber A., Bitetti L. (2017). Le università diventano incubatori. Tre casi di innovazione sociale, Sviluppo & Organizzazione, 276, maggio/giugno/luglio.
  17. Europfound (2015), Third European Company Survey - Direct and indirect employee participation.
  18. Giddens A. (1993). New rules of sociological method: A positive critique of interpretative sociologies. Stanford CA: Stanford University Press.
  19. La Rosa M. (2002). Sociologia dei lavori. Milano: FrancoAngeli.
  20. La Rosa M. (2006). Economia, lavoro, organizzazione: nuovi paradigmi, nuovi scenari. Milano: FrancoAngeli.
  21. Leccese V., Stolfa F. (2016). La cultura della sicurezza fra organizzazione e formazione. Diritto della Sicurezza sul Lavoro, n. 1.
  22. Olimpo G. (2010). Società della conoscenza, educazione, tecnologia. TD-Tecnologie Didattiche, 50, pp. 4-16.
  23. Panzarani R., a cura di (2004). Gestione e sviluppo del capitale umano. Le persone nel bilancio dell’intangibile di un’organizzazione. Milano: FrancoAngeli.
  24. Porter M.E., Mark R.K. (2011). Creating Shared Value, Harvard Business Review 89, 1-2.
  25. Quaglino G.P. (2005). Fare formazione. I fondamenti della formazione e i nuovi traguardi. Milano: Cortina Raffaello Editore.
  26. Schein E.H. (2000). Culture d’impresa. Come affrontare con successo le transizioni e i cambiamenti organizzativi. Milano: Cortina Raffaello Editore.
  27. Sammarco F. (2009). La sicurezza del lavoro e i principi di responsabilità sociale. In: Tiraboschi M. e Fantini L., a cura di, Il testo unico della salute e sicurezza sul lavoro dopo il correttivo (D.Lgs. n.106/2009). Milano: Giuffrè Editore.
  28. Vespasiano F. (2006). La società della conoscenza come metafora dello sviluppo. Milano: FrancoAngeli.
  29. Weick K.E. (1997). Senso e significato nell’organizzazione. Alla ricerca delle ambiguità e delle contraddizioni nei processi organizzativi. Milano: Cortina Raffaello Editore.

Chiara Cilona, in "SICUREZZA E SCIENZE SOCIALI" 3/2018, pp. 122-134, DOI:10.3280/SISS2018-003009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche