«Nettuno furente!». La cronaca di un naufragio del 1883 nel porto di Riposto

Titolo Rivista: ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE
Autori/Curatori: Salvatore Spina
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 84-105 Dimensione file: 181 KB
DOI: 10.3280/ASSO2018-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le calamità naturali sono testimonianza e specchio delle profonde difficoltà dell’unificazione nazionale italiana. Troppo giovane e incapace di ascoltare le differenze territoriali, il neo Governo non riusciva a tradurre le sue potenzialità in un sistema amministrativo in grado di mettere in rapido collegamento i suoi livelli territoriali, con l’evidente incapacità di gestire le calamità che colpivano le sue regioni. E Riposto, città nata dal mare e ad esso profondamente legata, patisce le conseguenze di questo vuoto amministrativo e normativo, quando, il 23 gennaio 1883, una tempesta mise a repentaglio la vita dei suoi marinai e dei tanti trafficanti europei che, su quella rada, costruivano le proprie fortune.

Salvatore Spina, «Nettuno furente!». La cronaca di un naufragio del 1883 nel porto di Riposto in "ARCHIVIO STORICO PER LA SICILIA ORIENTALE" 2/2018, pp 84-105, DOI: 10.3280/ASSO2018-002005