Le relazioni fra la Francia imperiale e la Persia (1807-1809): il trattato di Finkenstein e la missione di Claude-Mathieu de Gardane

Titolo Rivista: STORIA URBANA
Autori/Curatori: Massimiliano Vaghi
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 160 Lingua: Italiano
Numero pagine: 27 P. 29-55 Dimensione file: 162 KB
DOI: 10.3280/SU2018-160002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Generalmente l’alleanza fra Napoleone e il sovrano persiano Fath Ali shah Qajar (trattato di Finkenstein e missione di Claude-Mathieu de Gardane) è considerata un episodio secondario dalla storiografia occidentale in rapporto al contesto dell’ampio spettro delle attività diplomatiche napoleoniche. Tuttavia, essa merita un’attenzione particolare perché testimonia da un lato un aspetto importante della "politica orientale" dell’imperatore dei francesi, e dall’altro mostra come la Persia entra in un’epoca che la trascina inesorabilmente nell’arena delle rivalità internazionali fra le potenze europee. Con l’alleanza franco-persiana, ancora una volta, dopo l’Egitto, Napoleone porta i limiti del suo pensiero politico e strategico lontano dai confini dell’Europa. In questo articolo si mette in luce da un lato il problema della vera o presunta continuità della politica franco-imperiale in Asia meridionale rispetto a quella della Monarchia, e dall’altro le conseguenze indirette del trattato di Finkenstein e della missione di Gardane: la Russia, in particolare, entra definitivamente nel "grande gioco" dell’Asia meridionale, che per tutto il XVIII secolo era stato un teatro pressoché esclusivo della rivalità anglo-francese.

  • Charles de Bussy e gli avventurieri "francesi" in India (1746-­1806) Massimiliano Vaghi, in SOCIETÀ E STORIA 174/2022 pp.673
    DOI: 10.3280/SS2021-174001

Massimiliano Vaghi, Le relazioni fra la Francia imperiale e la Persia (1807-1809): il trattato di Finkenstein e la missione di Claude-Mathieu de Gardane in "STORIA URBANA " 160/2018, pp 29-55, DOI: 10.3280/SU2018-160002