Clicca qui per scaricare

Pratiche relazionali nella seconda accoglienza per richiedenti asilo
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI 
Autori/Curatori: Tiziana Tarsia 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  21 P. 127-147 Dimensione file:  256 KB
DOI:  10.3280/SP2018-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo contributo offre uno sguardo sull’importanza che la costruzione del reticolo personale del richiedente asilo e del rifugiato ha nel suo percorso di adattamento al contesto di ricezione. Il punto di vista è quello degli operatori della seconda accoglienza: quale funzione svolgono gli operatori del servizio nella costruzione della rete del beneficiario? A cosa servono le regole adottate dalle équipe interprofessionali? Che tipo di relazione di aiuto si genera? Queste alcune delle domande da cui nasce questo lavoro di ricerca sul campo realizzato in Sicilia e Calabria attraverso focus group e interviste in profondità realizzati con coordinatori dei progetti Sprar e con i professionisti impiegati nella seconda accoglienza dei migranti forzati in Italia.


Keywords: Seconda accoglienza; Rifugiati; Reticolo personale; Operatori sociali; Equipe interprofessionale.

  1. Bennett, M.J. 2003. Principi di comunicazione interculturale. Milano: FrancoAngeli.
  2. Bianchi, L. 2018. Il doppio vincolo dell’accoglienza dei minori in Italia. Educazione Interculturale, 1., 10.14605/EI1611803DOI: 10.14605/EI1611803
  3. Boudon, R. 1985. Il posto del disordine. Bologna: Il Mulino.
  4. Bourdieu, P. 2009. Ragioni pratiche. Bologna: Il Mulino.
  5. Busilacchi, G. 2011. Approccio delle capacità, teoria dell’azione e welfare state. In M. Paci e E. Pugliese a cura di 2011. Welfare e promozione delle capacità, pp. 51-74. Bologna: Il Mulino.
  6. Di Lernia, F. 2008. Ho perso le parole. Potere e dominio nelle pratiche di cura. Bari: La Meridiana.
  7. Di Nicola, P. 2006. Le dinamiche di costruzione del capitale sociale, l’esperienza dell’associazionismo nella realtà veronese. In P. Donati e I. Colozzi 2006, Terzo settore e valorizzazione del capitale sociale in Italia: luoghi e attori, pp. 167-190. Milano: FrancoAngeli.
  8. Di Nicola, P., Stanzani, S. e Tronca, L. 2010. Reticoli di prossimità e capitale sociale a Verona. In P. Donati e M. Archer a cura di 2010. Riflessività modernizzazione e società civile. Sociologia e politiche sociali, 1, pp. 113-155., 10.3280/SP2010-001006DOI: 10.3280/SP2010-001006
  9. Donati, P. 2007. L’approccio relazionale al capitale sociale. Sociologia e capitale sociale, 1, pp. 9-39.
  10. ― 2010. La società dell’umano. Bologna: Marietti.
  11. Eastmond, M. 2011. Egalitarian Ambitions, Constructions of Difference: The Paradoxes of Refugee Integration in Sweden. Journal of Ethnic and Migration Studies, 2, pp. 277-295., 10.1080/1369183X.2010.52132DOI: 10.1080/1369183X.2010.52132
  12. Elia, A. 2014. Rifugiati in Calabria. Risposte locali a disuguaglianze globali. Soveria Mannelli (CS): Rubbettino.
  13. Folgheraiter, F. 2011. Fondamenti di metodologia relazionale: la logica sociale dell’aiuto. Trento: Erickson.
  14. Fumagalli, M. e Arrigoni, F. 2015. Gli operatori sanitari e la demenza: case management e programmi di intervento. Maggioli: Santarcangelo di Romagna (RN).
  15. Gobo, G. 1999. Le note etnografiche: raccolta e analisi. Quaderni di sociologia, 21, pp. 144-167.
  16. Goffman, E. 2003. Espressione e identità. Gioco, ruoli, teatralità. Bologna: Il Mulino.
  17. ― 2008. Relazioni in pubblico. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Gori, C. 2018. «Vasi sempre più gravi» e «bisogni in competizione». La definizione degli interventi nel welfare locale sotto pressione. Etnografia e ricerca qualitativa, 1, pp. 142-164., 10.3240/8969DOI: 10.3240/8969
  19. Guggenbuhl-Craig, A. 1983. Al di sopra del malato e della malattia. Il potere assoluto del terapeuta. Raffaello Cortina: Milano.
  20. Jones, K., Cooper, B. e Ferguson H. a cura di 2009. Lavoro per bene. Buone pratiche nel servizio sociale. Trento: Erickson.
  21. Lewin, K. 1980. I conflitti sociali. Milano: FrancoAngeli.
  22. Mannheim, K. 1999. Ideologia e utopia. Bologna: Il Mulino.
  23. Morin, E. 1977. Il metodo: ordine disordine organizzazione. Milano: Feltrinelli.
  24. ― 1991. Le vie della complessità. In G. Bocchi, M. Ceruti, La sfida della complessità, pp. 49-60. Milano: Bruno Mondadori.
  25. Nigris, D. 2013. Come osservare, ascoltare, leggere il mondo. Esercizi etnografici. Milano: Franco Angeli.
  26. Nussbaum M. e Sen A. 1993. The quality of life. Oxford: Clarendon.
  27. Prandini, R. 2006. I servizi relazionali per la famiglia. In E. Scabini e G. Rossi, Le parole della famiglia, pp. 199-212. Milano: Vita & Pensiero.
  28. ― 2013. La persona come medium e forma di politica sociale. Un cambiamento di paradigma per i servizi di welfare? Sociologia e Politiche Sociali, 3, pp. 43-78., 10.3280/SP2013-00300DOI: 10.3280/SP2013-00300
  29. Prandini, R. e Orlandini, M. 2015. Personalizzazione vs individualizzazione dei servizi di welfare: fasi, attori e governance di una semantica emergente. Studi di sociologia, 4, pp. 353-373.
  30. Putnam, R.D. 2004. Capitale sociale e individualismo. Crisi e rinascita della cultura civica in America. Bologna: Il Mulino.
  31. Raineri, M.L. 2004. Il metodo di rete in pratica. Studi di caso nel servizio sociale. Trento: Erickson.
  32. Riva, V. 2013. Etnografia del servizio sociale. Professionalità e organizzazione nel lavoro dell’assistente sociale. Milano: Via & Pensiero.
  33. Schirripa, V. 2017. Lo sprar come bottega di saperi professionali. Studium Educationis, 3, pp. 85-89.
  34. Servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati 2015, Manuale operativo per l’attivazione e la gestione di servizi di accoglienza integrata in favore di richiedenti e titolari di protezione internazionale e umanitaria, Roma.
  35. Servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati 2017, I percorsi di inserimento socioeconomico nello SPRAR. Metodologie, strategie, strumenti, Roma.
  36. Scarcelli, D. 2015. Medicalizzazione della devianza. Controllo sociale e social work. Sociologia del diritto, 1, pp. 37-64.
  37. Schutz, A. 1974. La fenomenologia del mondo sociale. Bologna: Il Mulino.
  38. Sorgoni, B. 2011. Pratiche ordinarie per presenze straordinarie. Accoglienza, controllo e soggettività nei centri richiedenti asilo in Europa. Lares, 77, pp. 15-34.
  39. Spinelli, E. 2013. Immigrazione e servizio sociale. Conoscenze e competenze dell’assistenza sociale. Roma: Carocci.
  40. ― 2015. Welfare e immigrazione: un rapporto complesso. La rivista delle politiche sociali, 2-3, pp. 113-126.
  41. Tarsia, T. 2018a. Lo sprar come campo d’esperienza. Ambiente relazionale e pratiche professionali. In M. Omizzolo a cura di 2018, L’asilo come diritto. Richiedenti, strutture e operatori: ricerche e riflessioni. Roma: Aracne.
  42. ― 2018b. Saperi degli operatori e dei contesti nei percorsi di uscita dagli sprar. Argomenti, 9, pp. 67-97. DOI.org/10.14276/1971-8357.1276.
  43. ― 2015. Inventare i servizi Sprar nell’area dello Stretto: una ricognizione. In M. Colombo a cura di 2015, Annuario CIRMiB, Brescia.
  44. Viel, G. 2015. Servizio sociale e complessità. Santarcangelo di Romagna (RN): Maggioli.
  45. Weick, K. 1993. Organizzare. La psicologia sociale dei processi organizzativi. Milano: Isedi.
  46. ― 1997. Senso e significato nell’organizzazione. Milano: Raffaello Cortina.
  47. Woolcock, M. 2001. Place of Social Capital in Understanding Social and Economic Outcome. Canadian Journal of Policy Research, 2, pp.65-88.

Tiziana Tarsia, in "SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI" 3/2018, pp. 127-147, DOI:10.3280/SP2018-003007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche