Clicca qui per scaricare

Defining Urban Design, alcune riflessioni storiografiche
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori:  Patrizia Bonifazio, Federico Deambrosis 
Anno di pubblicazione:  2018 Fascicolo: 87 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 19-26 Dimensione file:  1151 KB
DOI:  10.3280/TR2018-087003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Negli ultimi decenni, il termine ‘urban design’ è stato utilizzato con crescente frequenza da un numero sempre maggiore e variegato di attori, ampliando la gamma delle sue accezioni. Una dilatazione che oggi rende la definizione del termine niente affatto scontata. Anche in ambito storiografico, alcune sintesi recenti hanno adottato prospettive fortemente inclusive tendenti a sfumare le soglie tra urban design e altre pratiche progettuali. Muovendo da tale constatazione, le righe che seguono richiamano schematicamente la vicenda italiana e internazionale negli anni postbellici per riflettere su alcune questioni che si ritengono nodali per perimetrare il ‘territorio’ dell’urban design.


Keywords: Bibliografia; cronologie; biografie

  1. Alfieri B., 1958, Gyorgy Kepes. Ivrea: Centro Culturale Olivetti.
  2. Andriello V., 1994, ≪Kevin Lynch e la cultura urbanistica italiana≫. Urbanistica, 102: 134-152.
  3. Andriello V., 2002, ≪La citta vista attraverso gli occhi degli altri≫. In: Di Biagi P. (a cura di), I classici dell’urbanistica moderna. Roma: Donzelli: 145-160.
  4. Appadurai A., 1996, Modernity at Large. Cultural Dimension of Globalization. Minneapolis, mn: University of Minnesota.
  5. Bonifazio P., 2013, ≪Repertori per la costruzione di un catalogo della citta dei ceti medi. Catalogo Bolaffi dell’architettura italiana, 1963-1966≫. Territorio, 64: 118-120., 10.3280/TR2013-064020DOI: 10.3280/TR2013-064020
  6. Bonifazio P., 2015, ≪L’esperienza del Piano della Grande Tunisi dello Studio De Carlo-Quaroni. Scale e ruoli. Prime riflessioni≫. In: Albrecht B., Magrin A. (a cura di), Esportare il centro storico, catalogo della mostra: 333-338.
  7. Calzolari V., 1956, ≪Gli elementi della scena urbana≫. La Casa, 3: 132-155.
  8. Cassetti R., 2012, La citta compatta. Dopo la Postmodernita. I nuovi codici del disegno urbano. Roma: Gangemi.
  9. Costa X., 1997, ed., Sert. Arquitecto en Nueva York, catalogo della mostra. Barcelona: macba/Actar.
  10. Deambrosis F., De Magistris A., 2015, ≪Tempo libero e progetto. Prospettive italiane tra gli anni ’50 e ’60≫. Territorio, 73: 114-120., 10.3280/TR2015-073017DOI: 10.3280/TR2015-073017
  11. Durbiano G., Robiglio M., 2003, Paesaggio e architettura nell’Italia contemporanea. Roma: Donzelli.
  12. Fabbri M., 1983, L’urbanistica italiana dal dopoguerra a oggi: storia, ideologie, immagini. Bari: De Donato.
  13. Ferrari M., 2005, Il progetto urbano in Italia: 1940-1990. Firenze: Alinea.
  14. Giedion S., 1956, Architektur und Gemeinschaft. Reinbeck bis Hamburg: Rowohlt (trad. it., 1961, Breviario di architettura. Milano: Garzanti; poi 2008. Torino: Bollati Boringhieri).
  15. Giordani P.L., 1976, ≪Alla ricerca del ‘design peduto’≫. In: Cullen G., Il paesaggio urbano, morfologia e progettazione. Bologna: Calderini, vii-lxxiv.
  16. Gregotti V., 1993, La citta visibile: frammenti di disegno della citta ordinati e catalogati secondo i principi dell’architettura della modificazione contestuale. Torino: Einaudi.
  17. Marchigiani E., 2002, ≪I molteplici paesaggi della percezione≫. In: Di Biagi P. (a cura di), I classici dell’urbanistica moderna. Roma: Donzelli: 163-190.
  18. Menduni E., 1999, L’Autostrada del Sole. Bologna: Il Mulino.
  19. Mumford E., 2000, The ciam Discourse on Urbanism, 1928-1960. Cambridge, ma: mit Press.
  20. Mumford E., 2008, Josep Lluis Sert: The Architect of Urban Design, 1953-1969. New Haven, ct: Yale University Press.
  21. Mumford E., 2009, Defining Urban Design: ciam Architects and the Formation of a Discipline, 1937-69. New Haven, ct: Yale University Press.
  22. Nasr J., Volait M., 2003, eds., Urbanism: imported or exported?. Chichester: Wiley-Academy.
  23. Passeron J.C., Revel J., 2015, eds., Penser par cas. Paris: ehess.
  24. Pevsner N., 1956, The Englishness of English Art. New York: Praeger.
  25. Protasoni S., 1992, ≪Il gruppo Italiano e la tradizione del moderno≫. Rassegna, 52: 28-39.
  26. Quaroni L., 1956, ≪Citta e quartiere nella attuale fase critica della cultura≫. La Casa, 3: 9-67.
  27. Quaroni L., 1957, ≪Il paese dei barocchi≫. Casabella continuita, 215: 24-27.
  28. Riondino A., 2006, Ludovico Quaroni e la didattica dell’architettura nella facolta di Roma tra gli anni ’60 e ’70. Il progetto della Citta e l’ampliamento dei confini disciplinari. Roma: Gangemi.
  29. Scrivano P., 2013, Building transatlantic Italy: architectural dialogues with postwar America. Farnham: Ashgate.
  30. Shane D.G., 2011, Urban Design Since 1945: A Global Perspective. Hoboken, nj: Wiley.
  31. Tafuri M., 1964, Ludovico Quaroni e lo sviluppo dell’architettura moderna in Italia. Milano: Edizioni di Comunita.
  32. Tafuri M., 1986, Storia dell’architettura italiana: 1944-1985. Torino: Einaudi.
  33. Terranova A., 1981, a cura di, La citta fisica. Roma-Bari: Laterza.
  34. Torre A., 2011, Luoghi. La produzione di localita in eta moderna e contemporanea. Roma, Donzelli.
  35. Tyrwhitt J., 1962, ≪Education for Urban Design≫. Journal of Architectural Education, 17, 3: 100-101.
  36. Zuccaro Marchi L., 2017, The Heart of the City: Legacy and Complexity of a Modern Design Idea. Abingdon-on-Thames: Routledge.

Patrizia Bonifazio, Federico Deambrosis, in "TERRITORIO" 87/2018, pp. 19-26, DOI:10.3280/TR2018-087003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche