Riflettere sul confine: interno ed esterno. Considerazioni conclusive

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Jorge Canestri
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 6 P. 85-90 Dimensione file: 128 KB
DOI: 10.3280/PSI2019-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Queste osservazioni si centrano sull’"inclusione dell'altro" di cui parla Jürgen Habermas (1996) e seguono il filo dell’analisi che Emile Benveniste dedica al duplice significato della parola "ospite" in latino: colui che accoglie e colui che viene ospitato. Ma perché hostis e ho-spes? Hostis in latino corrisponde al termine gotico gasts, ma il significato gotico di gasts è ospite, mentre in latino vuol dire nemico. Il passaggio da hostis a hospes, derivante nel mondo romano da un processo socio-economico-politico, è di notevole importanza; definisce un tipo di relazione e articola le nozioni di ospitalità, alterità e identità in un unico concetto. Nel pensiero psicoanalitico, la nozione di identità assume il nome di sentimento del sé (selbstgefühl). Conosciamo bene le caratteristiche di fragilità, precarietà e relatività che conno-tano questo sentimento. La psicoanalisi, Freud per primo, ha proposto di analizzare le "fasi particolari dello sviluppo del sentimento del sé (selbstgefühl) e le loro vicissitudini", a partire da uno stadio mentale molto precoce. È la condizione di maggiore o minore integrazione del soggetto e di maggiore o minore ac-cettazione della alterità costitutiva dell’identità che consente di dare ospitalità e praticare l’aequamentum, la parità nell’accettare la differenza. Habermas afferma al riguardo che: «l’uguale rispetto per chiunque (jedermann) non ri-guarda coloro che sono simili a noi, ma la persona dell’altro (gli altri) nella sua specifica diver-sità. E la responsabilità solidale verso l’altro inteso come uno di noi [..]». Concludo suggerendo che il nostro concetto di confine e la divisione tra interno ed esterno dovrebbe e debba essere rivisto considerandone le profonde implicazioni sull’uso della tecno-logia.

  1. Habermas J. (1996). Die Enbeziehung des Anderen. Frankfurt: Suhrkamp.
  2. Hobsbawm J. (2017). Fully Connected. Surviving and Thriving in an Age of Overload. Lon-don-New York: Bloomsbury.

Jorge Canestri, Riflettere sul confine: interno ed esterno. Considerazioni conclusive in "PSICOANALISI" 1/2019, pp 85-90, DOI: 10.3280/PSI2019-001009