Elementi di scienze comportamentali nella comprensione (e comunicazione) dei rischi di protezione civile

Titolo Rivista: PRISMA Economia - Società - Lavoro
Autori/Curatori: Daniela Di Bucci
Anno di pubblicazione: 2018 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 13 P. 46-58 Dimensione file: 177 KB
DOI: 10.3280/PRI2018-003004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Negli ultimi anni, le scienze comportamentali stanno diventando progressivamente parte della cultura della protezione civile. Infatti, in questo campo, la loro poten-ziale applicazione copre diverse aree di interesse. Qui viene presentata una pano-ramica delle esperienze, già concluse e ancora in corso, incentrate su un’analisi approfondita dei contributi forniti da questo ramo di conoscenza: (i) alla com-prensione dei rischi della protezione civile, incluso il processo decisionale sul livello accettabile di rischio; (ii) al concreto raggiungimento dei risultati per una comuni-cazione del rischio più efficace, ad esempio chiarendo la natura probabilistica che caratterizza la valutazione dei pericoli e dei rischi; (iii) a rendere le comunità più resilienti ai disastri che possono verificarsi, prestando particolare attenzione ai gruppi sociali più vulnerabili.

  1. Berns G.S., Laibson D., Loewenstein G., (2007) “Intertemporal choice – toward an integrative framework”, Trends Cognit Sci, vol. 11 (11), pp. 482-488
  2. Di Bucci D., Savadori L., (2018) “Defining the acceptable level of risk for civil protection purposes: a behavioral perspective on the decision process”, Natural Hazards, vol. 90, pp. 293-324.
  3. Di Bucci D., Dolce M., Savadori L., (2019) “Deciding (or not) on the acceptable level of seismic risk: first behavioral considerations on the L’Aquila trial”, BGTA, An International Journal of Earth Sciences, vol. 60 (2), pp. 337-358. DOI 10.4430/bgta0247.
  4. Dolce M., Di Bucci D., (2014) “Risk management: roles and responsibilities in the decision-making process”, in Silvia Peppoloni & Max Wyss (Eds.), Geoethics: Ethical Challenges and Case Studies in Earth Science. Section IV: Communication with the Public, Officials and the Media, Chapter 18, 211-221. Elsevier
  5. Dolce M., Di Bucci D., (2015) “Civil Protection Achievements and Critical Issues in Seismology and Earthquake Engineering Research”, in A. Ansal (Ed.), Perspectives on European Earthquake Engineering and Seismology, Volume 2. Springer series “Geotechnical, Geological and Earthquake Engineering”, 39, Chapter 2. 21-58. DOI 10.1007/978-3-319-16964-4_2
  6. Gigerenzer G., (2006) “Out of the frying pan into the fire: behavioral reactions to terrorist attacks”, Risk Anal, vol. 26, pp. 347-351
  7. Gigerenzer G., Todd P.M., The ABC Research Group, (1999) Simple heuristics that make us smart. Oxford University Press, Oxford
  8. Gilovich T., Griffin D., Kahneman D., (2002) Heuristics and biases. The psychology of intuitive judgment. Cambridge University Press, Cambridge
  9. Kahneman D., (2003) “A perspective on judgement and choice”, Am Psychol, vol. 58, pp. 697-720.
  10. Kahneman D., (2011) Thinking, fast and slow, Macmillan, Basingstoke
  11. Kahneman D., Slovic P., Tversky A., (eds) (1982) Judgment under uncertainty: heuristics and biases, Cambridge University Press, Cambridge, New York
  12. Kahneman D., Tversky A., (1979) “Prospect theory: an analysis of decision under risk”, Econometrica, vol. 47 (2), pp. 263-291
  13. Loewenstein G., Thaler R.H., (1989) “Anomalies: intertemporal choice”, J Econ Perspect, vol. 3 (4), pp. 181-193
  14. Smith A., (1776) An inquiry into the nature and causes of the Wealth of Nations (known as The Wealth of Nations), Strahan W. & Cadell T., (eds) London
  15. Speranza E., Savadori L., Dolce M., (2019) “A behavioral approach for seismic risk mitigation”, BGTA, An International Journal of Earth Sciences, vol. 60, DOI 10.4430/bgta0248
  16. Stanovich K.E., West R.F., (1998) “Individual differences in rational thought”, J Exp Psychol Gen, vol. 127, pp. 161-188
  17. Sunstein C.R., (2014) “The limits of quantification”, Calif Law Rev, vol. 102(6), pp. 1369-1422
  18. Thaler R.H., Sunstein C.R., (2008) Nudge: improving decisions about health, wealth, and happiness, Yale University Press, New Haven
  19. Tversky A., Kahneman D., (1973) “Availability: a heuristic for judging frequency and probability”, Cognit Psychol, vol. 5, pp. 207-232
  20. Tversky A, Kahneman D (1974) “Judgment under uncertainty: heuristics and biases”, Sci New Ser, vol. 185 (4157), pp. 1124-1131344
  21. Woo G., (2013) Scienza e coscienza delle catastrofi, Editore Doppiavoce

Daniela Di Bucci, Elementi di scienze comportamentali nella comprensione (e comunicazione) dei rischi di protezione civile in "PRISMA Economia - Società - Lavoro" 3/2018, pp 46-58, DOI: 10.3280/PRI2018-003004