L’Unione Europea a una svolta: welfare sociale o know how militare?

Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA)
Autori/Curatori: Antonino Spadaro
Anno di pubblicazione: 2019 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 125-143 Dimensione file: 274 KB
DOI: 10.3280/CEU2019-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo mira ad evidenziare, accanto alle notevoli diversità di welfare esistenti in Eu-ropa e ai limiti intrinseci del PEDS (Pilastro Europeo dei Diritti Sociali), la contraddittorietà dei gravosi impegni assunti dall’Unione Europea sul duplice fronte della tutela dei diritti sociali e della ricerca in campo militare. Vista l’esiguità del proprio bilancio, l’Unione - oggi molto attiva con PESCO, PSDC, EI2 (European Intervention Initiative) e EDF (European Defence Fund) - è a una svolta e, se non incrementa il proprio bilancio, dovrà scegliere fra ‘welfare sociale’ o ‘know how’ militare. Se punta sul secondo rischia di perdere la sua ‘anima’ ed accentuare la distanza dai popoli europei, sempre più in crisi economica ed euro-scettici.

Antonino Spadaro, L’Unione Europea a una svolta: welfare sociale o know how militare? in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 2/2019, pp 125-143, DOI: 10.3280/CEU2019-002005