Clicca qui per scaricare

Profili finanziari del regionalismo differenziato
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Dario Stevanato 
Anno di pubblicazione:  2019 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 95-110 Dimensione file:  300 KB
DOI:  10.3280/ES2019-003009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A norma dell’articolo 116, comma 3, della Costituzione, ciascuna Regione può chiedere, elettivamente nelle materie a legislazione concorrente, ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, sulla base di un’intesa con lo Stato da recepire con legge ordinaria. Tale previsione, introdotta con la riforma del Titolo V del 2001, è rimasta fino ad oggi inattuata. Tuttavia, a seguito delle recenti iniziative assunte da alcune Regioni, il tema è finito al centro del dibattito politico, sollevando preoccupazioni in ordine alle potenziali conseguenze del regionalismo "asimmetrico" sugli attuali assetti ordinamentali. Nel presente articolo ci si soffermerà sui profili finanziari collegati al trasferimento di funzioni alle Regioni richiedenti: com’era prevedibile, si è accesa una disputa sui criteri di ripartizione del gettito fiscale tra territori, la cui soluzione sembra ancora lontana.


Keywords: Federalismo fiscale, autonomia differenziata, regionalismo asimmetrico, residuo fiscale, perequazione, compartecipazioni
Jel Code: H77, R50

Dario Stevanato, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 3/2019, pp. 95-110, DOI:10.3280/ES2019-003009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche