Clicca qui per scaricare

La società in house può gestire una DMO anche aprendo il capitale sociale ai privati
Titolo Rivista: RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO DEL TURISMO 
Autori/Curatori: Alceste Santuari 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 28 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  29 P. 71-99 Dimensione file:  176 KB
DOI:  10.3280/DT2020-028005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Una società in house può svolgere legittimamente attività e servizi turistici. Gli azionisti privati partecipano al capitale della società a condizione che non esercitino alcun controllo diretto sulle sue decisioni e attività strategiche. L'articolo include un'analisi di una recente decisione presa dalla Corte suprema amministrativa italiana, che affronta i poteri regionali nella creazione di DMO (Destination Management Organizations) per realizzare l'interesse pubblico


Alceste Santuari, in "RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO DEL TURISMO" 28/2020, pp. 71-99, DOI:10.3280/DT2020-028005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche