Clicca qui per scaricare

Riorganizzare il welfare locale. Il modello del governance network e l’esperienza dei Piani di Zona lombardi
Titolo Rivista: STUDI ORGANIZZATIVI  
Autori/Curatori: Eugenio Salvati 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 67-92 Dimensione file:  372 KB
DOI:  10.3280/SO2020-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel corso degli ultimi anni i sistemi di welfare europei a livello sia nazionale che locale, hanno subito delle rilevanti trasformazioni prodotte dai cambiamenti socio-demografici, dall’emersione di nuovi bisogni e dalla contrazione/diminuzione delle risorse disponibili. In questo quadro l’assetto organizzativo del welfare che pertiene gli attori coinvolti, le risorse impiegate, i rapporti di collaborazione, la programmazione e l’erogazione dei servizi ha assunto ancora più rilevanza. Questo è ancor più evidente a livello locale, dove la territorializzazione del welfare ha spostato la programmazione/erogazione dei servizi verso il livello di governo più prossimo ai cittadini, in vista di una maggiore personalizzazione delle prestazioni. Questo processo di territorializzazione cosa ha comportato sia in termini di assetti organizzativi sia di disegno delle policy? Con quale strumento analitico può essere interpretato? Lo strumento analitico del governance network sembra fornire gli strumenti più adatti per comprendere una delle nuove traiettorie dell’organizzazione del welfare a livello locale, cogliendo il passaggio dalla semplice logica della messa in rete a quella della costruzione di strumenti di governance più articolati, stabili ed efficaci. Stabilito il quadro teorico e quindi la chiave interpretativa, l’articolo prenderà in esame come caso studio l’esperienza peculiare dei Piani di Zona in Regione Lombardia con particolare attenzione al percorso evolutivo culminato con la più recente linea di indirizzo per la programmazione regionale emanata dal governo regionale lombardo. L’idea è che tale cambiamento possa essere efficacemente spiegato utilizzando gli strumenti analitici forniti dal framework della governance network.


Keywords: Welfare locale, Piani di Zona, comportamento organizzativo; formazione dei network e analisi; innovazione sociale; programmazione

  1. Bifulco, L. (2010). “Strumenti per la programmazione negoziale. I Piani sociali di zona ei Contratti di quartiere”, Rivista italiana di politiche pubbliche, (2): 31-57,, DOI: 10.1483/32672
  2. Bifulco, L. (2014), “Citizenship and governance at a time of territorialization: the Italian local welfare between innovation and fragmentation”, European Urban and Regional Studies, 23(4): 628-644,, DOI: 10.1177/0969776414531969
  3. Bifulco, L., Centemeri, L. (2007), “La partecipazione nei piani sociali di zona: geometrie variabili di governance locale”, Stato e Mercato, 80: 222-244,, DOI: 10.1425/25231
  4. Bifulco, L., Centemeri, L. (2008), “Governance and participation in local welfare: the case of the Italian Piani di Zona”, Social policy and administration, 3: 211.227,
  5. Bifulco, L. Facchini, C. (2013), Partecipazione sociale e competenze. Il ruolo delle professioni nei Piani di Zona, Milano: Franco Angeli.
  6. Bolgherini, S., Dallara, C., Profeti, S. (2019), “A shallow rationalisation?‘ Merger mania ‘and side-effects in the reorganisation of public-service delivery”, Contemporary Italian Politics: 1-25,, DOI: 10.1080/23248823.2019.160365
  7. Börzel, T. (1998), “Organizing Babylon. On the different conceptions of policy networks”, Public Administration, 76: 253-273,, DOI: 10.1111/1467-9299.00100
  8. Bouckaert, G., Peters, B., Verhoest, K. (2010), The coordination of public sector organizations: shifting patterns of public management, Basingstoke, Palgrave Macmillan.
  9. Bertin, G. (2012) (a cura di), Piani di Zona e governo della rete, Milano: Franco Angeli.
  10. Cataldi, L., Gargiulo, E. (2010), “I Piani di Zona nella Provincia di Torino tra percorsi di istituzionalizzazione, veti politici e imperativi tecnici”, Autonomie locali e servizi sociali, 3: 403-419.
  11. Cataldi, L., Girotti, F. (2012), “Dentro la scatola nera dei processi di pianificazione zonale. Modelli di gestione, prospettive di istituzionalizzazione e arene di potere”, Autonomie locali e servizi sociali, 35(2), 199-218,, DOI: 10.1447/38937
  12. Fedele, M., Moini, G. (2006), “Cooperare conviene? Intercomunalità e politiche pubbliche”, Rivista Italiana di Politiche Pubbliche, 1: 71-98,, DOI: 10.1483/2175
  13. Franzoni, F., Anconelli, M. (2016), La rete dei servizi alla persona. Dalla normativa all’organizzazione, Roma: Carocci.
  14. Gori, C. (2010) (a cura di.), Come cambia il welfare lombardo: Una valutazione delle politiche regionali, Rimini: Maggioli.
  15. Gualini, E. (2006), “The rescaling of governance in Europe: new spatial and institutional rationales”, European Planning Studies, 14 (7): 881-904,, DOI: 10.1080/09654310500496255
  16. Haveri, A. (2006), “Complexity in local government change”, Public Management Review, 8(1): 31-46,, DOI: 10.1080/14719030500518667
  17. Hovik, S., Hanssen, G. (2015), “The impact of network management and complexity on multi-level coordination”, Public Administration Review, 93 (2): 506-523,
  18. Kazepov, Y. (2010) (a cura di), Rescaling social policies: towards multilevel governance in Europe, Ashgate Publishing, Ltd.
  19. Kazepov, Y., Barberis, E. (2013), Il welfare frammentato. Le articolazioni regionali delle politiche sociali italiane, Roma: Carocci.
  20. Klijn, E.H. (1996), “Analyzing and managing policy processes in complex networks: a theoretical examination of the concept policy network and its problems”, Administration and Society, 28: 90-119,, DOI: 10.1177/009539979602800104
  21. Klijn, E.H., Koppenjan, J.M.F. (2000), “Public management and policy networks: foundations of a network approach to governance”, Public Management, 2(2): 135-158,, DOI: 10.1080/14719030000000007
  22. Klijn, E.H., Koppenjan, J. (2012), “Governance network theory: past, present, future”, Policy and Politics, 40 (4): 587-606,, DOI: 10.1332/030557312X655431
  23. Klok, P. J., Denters B., Boogers M., Sanders M. (2018), “Intermunicipal Cooperation in the Netherlands: The Costs and the Effectiveness of Polycentric Regional Governance”, Public administration review, 78(4): 527-536,
  24. Lecy, J. D., Mergel, I. A., Schmitz, H. P. (2014), “Networks in public administration: current scholarship in review”, Public Management Review, 16(5): 643-665,, DOI: 10.1080/14719037.2012.743577
  25. Lewis, J.M. (2011), “The future of network governance research: strength in diversity and synthesis”, Public Administration, 89 (4): 1221-1234,
  26. Madama, I. (2013), “Beyond continuity? Italian social assistance policies between institutional opportunities and agency”, International Journal of Social Welfare, 22 (1): 58-68,
  27. McGuire, C., Agranoff, R. (2011), “The limitations of public management networks”, Public Administration, 89 (2): 265-284,
  28. Moulaert, F., MacCallum, D., Mehmood, A., Hamdocuh, A. (2013), The international handbook of social innovation, Cheltenham: Edward Elgar.
  29. Murray, R., Caulier-Grice J., Mulgan, G. (2010), The open book of social innovation, London: National endowment for science, technology and the art.
  30. Peters, B. (1998), “Managing horizontal government: the politics of co-ordination”, Public Administration, 76(2): 295-311,, DOI: 10.1111/1467-9299.00102.
  31. Ponzo I. (2014), “Il welfare di comunità applicato alla cura”, Paper presentato al convegno ESPANET, Torino.
  32. Powell, M., Barrientos, A. (2004), “Welfare regimes and the welfare mix”, European journal of political research, 43(1): 83-105,
  33. Previtali, P., Salvati, E. (2018), “Social planning and local welfare. The experience of the Italian area social plan”, International Planning Studies, 24 (2): 180-194,, DOI: 10.1080/13563475.2018.1528864
  34. Regione Lombardia (2014), “Un welfare che crea valore per le persone, le famiglie e la comunità - Linee di indirizzo per la programmazione sociale a livello locale 2015-2017”, Deliberazione di Giunta Regionale del 19 dicembre 2014, n. 2941.
  35. Regione Lombardia (2017), “Linee di indirizzo per la programmazione sociale a livello locale 2018-2020”, Deliberazione di Giunta Regionale del 28 dicembre 2017, n. 7631.
  36. Rhodes, R.A.W. (1996), “The New Governance: Governing without Government”, Political Studies, 44 (4): 652-667,
  37. Salvati, E. (2016), “L'evoluzione della pianificazione zonale. Il caso dei Piani di Zona in Regione Lombardia”, Autonomie locali e servizi sociali, 3: 499-514,, DOI: 10.1447/85715
  38. Saruis, T., Colombo, F., Barberis, E., Kazepov, Y. (2019), “Istituzioni del welfare e innovazione sociale: un rapporto conflittuale?”, La Rivista delle Politiche Sociali, 1: 23-38.
  39. Stoppino, M. (2001), Potere e Teoria Politica, Milano: Giuffrè.
  40. Thelen, K., Steinmo, S. (1992). Historical institutionalism in comparative perspective. In Steinmo, S., Thelen, K. - Longstreth F. (a cura di), Structuring politics: historical institutionalism in comparative analysis, Cambridge: Cambridge University Press.
  41. Turrini, A., Cristofoli, D., Frosini F., Nasi, G. (2010), “Networking literature about determinants of network effectiveness”, Public Administration, 88 (2): 528-550,
  42. van Popering-Verkerk, J., van Buuren, A. (2016), “Decision-making patterns in multilevel governance: the contribution of informal and procedural interactions to significant multilevel decisions”, Public Management Review, 18(7): 951-971,, DOI: 10.1080/14719037.2015.1028974.

Eugenio Salvati, in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2020, pp. 67-92, DOI:10.3280/SO2020-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche