La narrazione nella relazione educativa: le parole dell’intercultura
Journal Title: EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY 
Author/s: Lavinia Bianchi 
Year:  2020 Issue: Language: English 
Pages:  10 Pg. 270-279 FullText PDF:  0 KB
DOI:  10.3280/ess1-2020oa9254
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 

 
Open Access article
Click here to read the article.



Le narrazioni della migrazione si caratterizzano per complessità, intensità e molteplici finalità tra loro composite: di natura amministrativa (l’audizione davanti alla Commissione Territoriale per la richiesta di Protezione Internazionale), sociale (il colloquio sociale per l’apertura della cartella e per la progettazioneorientamento), educativa (i colloqui educativi per la progettazione dei PEI1 e del PDI) e psicologica (i colloqui terapeutici individuali di gruppo e i vari setting etnopsicologici). Troppo spesso sospesi tra narrazioni tossiche e strumentalizzazioni spettacolarizzanti (Fiorucci, 2017) i discorsi della migrazione rappresentano, invece, una possibilità educativa ed educante, una risorsa potenzialmente efficace per una solida e restitutiva relazione educativa. Questa riflessione teorica è frutto di analisi autoetnografica, dei memo narrativi (Charmaz, 2014) raccolti dal 2011 al 2018 nella pratica educativa in accoglienza e nella ricerca Dottorale relativa all'educazione dei Msna costruita tra il 2015 e il 2018.

Lavinia Bianchi, in "EDUCATION SCIENCES AND SOCIETY" 1/2020, pp. 270-279, DOI:10.3280/ess1-2020oa9254

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content