Per un progetto nazionale di psicologia di cure primarie

Titolo Rivista PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori Michele Liuzzi
Anno di pubblicazione 2020 Fascicolo 2020/2 Lingua Italiano
Numero pagine 18 P. 158-175 Dimensione file 313 KB
DOI 10.3280/PDS2020-002008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo riporta un’esperienza di intervento di psicologia di cure primarie a Torino, nel quale vengono affrontati i temi più rilevanti, le caratteristiche, i punti di forza e le criticità di tali progetti. L’intento è quello di fornire informazioni e dati al fine di dare un ulteriore contributo al dibattito all’interno della comunità scientifica che porti alla creazione di servizi di psicologia di cure primarie a livello nazionale. Vengono presentati gli aspetti cruciali che caratterizzano il modello, accessibilità, gradualità, efficacia clinica e costo–efficacia. Accessibilità poiché tali servizi devono essere posizionati sul territorio, vicini ai luoghi di vita dei cittadini, flessibili e inclusivi. Gradualità poiché gli in-terventi debbono essere appropriati come intensità rispetto alle esigenze di salute. Efficacia cli-nica poiché è fondamentale dare il giusto trattamento al determinato disturbo del paziente. Co-sto-efficacia poiché gli interventi debbono essere appropriati al problema del paziente, tempe-stivi in modo da anticipare patologizzazione e cronicità, e inoltre devono svolgere una funzione di filtro per i servizi secondari e i dipartimenti di emergenza. Vengono altresì presentati alcuni risultati rispetto al medical cost offset di tali interventi, in particolare sugli effetti pre-post che l’intervento ha generato su prescrizioni farmacologiche, numero di invii ai servizi specialistici, e numero di visite dal medico di famiglia. Questi progetti nelle realtà internazionali più avanzate sono da tempo operanti, e le recenti vicende (Decreto Calabria) sono una testimonianza di quanto sia necessario realizzare tali ser-vizi. L’autore porta quindi alcune proposte in tal senso.;

Keywords:Psicologia di cure primarie; cura collaborativa; accessibilità; appropriatezza; co-sto-efficacia; medicina di famiglia.

  1. Aress (Agenzia regionale per i servizi sanitari Piemonte) (2012). Indirizzi per l’implementazione dell’assistenza psicologica nelle cure primarie in Piemonte. Scheda P.A.S. 2012 – n. 4.1.7.
  2. Atti del convegno SIPSA (2019). Prospettive di Psicologia della salute. Edizioni Melagrana, epub.
  3. Bray J., (2010). The future of psychology practice and science. American Psychologist, 65(5): 355-369.
  4. Goldberg D.P. and Blackwell B. (1970). Psychiatric illness in general practice. A detailed study using a new method of case identification. Br. Med. J., 1: 439-443.
  5. Kroenke K., Spitzer R.L. and Williams J. (2001). The PHQ-9: validity of a brief depression severity measure. J. Gen. Intern. Med., 16(9): 606-613.
  6. Lemma A., Fonagy P. e Target M. (2011). Psicoterapia Dinamica Interpersonale Breve. Milano: Cortina.
  7. Liuzzi M. (2010). Per una psicologia di cure primarie. Milano: CIS Editore.
  8. Liuzzi M. (2016). La psicologia nelle cure primarie. Bologna: Il Mulino.
  9. Lussetti M., De Lillai R., Mandrucci M., Taranto L., Paradisi G., Scotto R. e Cardamone G. (2011). Il trattamento dei Disturbi Mentali Comuni (DMC): una nuova rivoluzione?, www.nuovarassegnastudipsichiatrici.it
  10. Molinari E., Pagnini F., Catelnuovo G., Lozza E. e Bosio A.C. (2014). Nuove frontiere per la psicologia clinica: lo psicologo in farmacia. Giornale Italiano di Psicologia, XLI, 1: 191-193.
  11. NICE (2009). Treatment and Management of Depression in Adults. Clinical Guideline 90. London: National Institute for Health and Clinical Excellence, in www.nice.org.uk.
  12. Solano L. (2011). Dal sintomo alla persona. Milano: FrancoAngeli.
  13. Spitzer R.L., Kroenke K., Williams J.B.W. and Löwe B., (2006). A brief measure for assessing generalized anxiety disorder: The GAD-7. Archives of Internal Medicine, 166 (10): 1092-7. 
  14. Unterrichter R.E. (2015). Lo psicologo per i cittadini. Teoria ed esperienze nel servizio di base. Roma: Carocci.

  • Analysis of General Practitioners’ Attitudes and Beliefs about Psychological Intervention and the Medicine-Psychology Relationship in Primary Care: Toward a New Comprehensive Approach to Primary Health Care Attà Negri, Claudia Zamin, Giulia Parisi, Anna Paladino, Giovanbattista Andreoli, in Healthcare /2021 pp.613
    DOI: 10.3390/healthcare9050613

Michele Liuzzi, Per un progetto nazionale di psicologia di cure primarie in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 2/2020, pp 158-175, DOI: 10.3280/PDS2020-002008