Clicca qui per scaricare

Il Sessantotto ha cinquant’anni. Note di storiografia
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Marica Tolomelli 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 293  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  20 P. 190-209 Dimensione file:  198 KB
DOI:  10.3280/IC2020-293008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In occasione del cinquantesimo anniversario dei tumultuosi eventi culminati nel Sessantottola storiografia italiana " e non solo, evidentemente, ma è su questa che il saggio si sofferma" si è mostrata indubbiamente vivace anche se forse non proprio scoppiettante quanto aoriginalità. Sul piano editoriale questa vivacità si è manifestata nella pubblicazione di un considerevolenumero di studi di cui non è possibile rendere conto in maniera esaustiva in questasede data l’eterogeneità degli approcci, dei livelli analitici e delle interpretazioni proposte.Svilupperò pertanto alcune considerazioni in merito a una scelta ragionata di testi in mododa rendere conto di alcune delle direttrici più significative della ricerca in merito sia agli approccimetodologici sia alle interpretazioni e alle chiavi di lettura che ne emergono. In ordinealfabetico trattasi di: Michele Battini, Un sessantotto, Milano, 2018; Guido Crainz (a curadi), Il Sessantotto sequestrato. Cecoslovacchia, Polonia, Jugoslavia e dintorni, Roma, 2018;Marcello Flores, Giovanni Gozzini, 1968. Un anno spartiacque, Bologna, 2018; Monica Galfré,La scuola è il nostro Vietnam. Il ’68 e l’istruzione secondaria italiana, Roma, 2019; PaoloPombeni, Che cosa resta del ’68, Bologna, 2018; Francesca Socrate, Sessantotto. Due generazioni,Roma-Bari, 2018.


Keywords: Sessantotto, Storiografia italiana, Movimenti socialiFifty years later: a discussion of Italian historiography about 1968

Marica Tolomelli, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 293/2020, pp. 190-209, DOI:10.3280/IC2020-293008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche