L’amministrazione Carter e la "questione comunista" in Italia: elaborazione e azione politica, 1976-1978
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Alice Ciulla 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 293  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 254-279 Dimensione file:  0 KB
DOI:  10.3280/ic293-oa2
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 

 

Articolo Open Access
Clicca qui per vederlo.

Il democratico Jimmy Carter venne eletto presidente degli Stati Uniti nel novembre del 1976.Pochi mesi prima, il Partito comunista italiano (Pci) aveva ottenuto uno straordinario risultatoelettorale che aveva garantito incarichi istituzionali ad alcuni suoi esponenti. Durante lacampagna elettorale, i membri dell’entourage di Carter rilasciarono dichiarazioni che sembravanopreludere all’abbandono del veto anticomunista posto dai governi precedenti e per circaun anno dall’insediamento l’amministrazione mantenne una posizione ambigua. Il 12 gennaio1978, tuttavia, gli Stati Uniti ribadirono ufficialmente la contrarietà a qualsiasi forma dipartecipazione dei comunisti nel governo italiano. Utilizzando fonti di natura diversa e includendonell’analisi una pluralità di attori non statali tra cui think tank e centri di ricerca universitari,questo saggio mira a ricostruire il dibattito interno all’amministrazione Carter sulla "questione comunista" in Italia e a collocarlo all’interno di una discussione più ampia che attraversòla cultura liberal statunitense.


Keywords:  Amministrazione Carter, Eurocomunismo, Guerra fredda, Liberalismo americano,Partito comunista italiano, Stati Uniti e Italia

Alice Ciulla, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 293/2020, pp. 254-279, DOI:10.3280/ic293-oa2

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche