Il disegno di legge piemontese "Allontanamento zero": non supportato da evidenze di ricerca

Titolo Rivista: MINORIGIUSTIZIA
Autori/Curatori: Paola Ricchiardi
Anno di pubblicazione: 2020 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 100-109 Dimensione file: 93 KB
DOI: 10.3280/MG2020-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

A fronte dell’approvazione da parte della giunta regionale piemontese del ddlr n. 64 di riordino dell’affido familiare, si è avviato nella regione un ampio dibattito. Tale norma risulta infatti fondarsi su presupposti non supportati da evidenze di ricerca empirica. Si riportano, in particolare, gli esiti di un’indagine condotta sul territorio piemontese sugli affidi dal 1995 al 2019, che descrive i motivi di accoglienza e le carriere di affido. Lo studio testimonia la consistenza e gravità dei fattori di rischio copresenti nei nuclei da cui vengono temporaneamente allontanati i minori. L’ipotesi di una tendenza ad inserire i minori in accoglienza extrafamiliare con eccessiva facilità non è dunque supportata.

Paola Ricchiardi, Il disegno di legge piemontese "Allontanamento zero": non supportato da evidenze di ricerca in "MINORIGIUSTIZIA" 1/2020, pp 100-109, DOI: 10.3280/MG2020-001010