L’utilizzo di app per incontri nella popolazione genderqueer: esperienze, vissuti e motivazioni

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Monica Arbia, Annalisa Anzani, Antonio Prunas
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 32-52 Dimensione file: 334 KB
DOI: 10.3280/PDS2021-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Background. Le persone genderqueer affrontano numerose sfide nel corso della loro vita e sono esposte ad un rischio aumentato di violenza e molestie dovute alla diffusione della cultura eterossessista e cisgenderista. Per ciò che concerne le relazioni sessuali e romantiche, negli ultimi anni, le app per incontri sono diventate sempre più popolari, cambiando il modo in cui le persone vengono in contatto con nuovi e potenziali partner. Scopo. Lo scopo di questo studio è quello di indagare le esperienze, le emozioni e le moti-vazioni delle persone genderqueer nell’ambito delle app per incontri. Attingendo alla cornice teorica delle microaggressioni gli autori hanno condotto tre interviste qualitative individuali con individui genderqueer adulti. Analisi dei dati. Per analizzare i dati emersi dalle interviste gli autori si sono serviti dell’analisi tematica. Risultati. Le esperienze dei partecipanti riflettono diverse forme di discriminazione, vitti-mizzazione e oggettivazione ma anche forme più positive di interazione, sottolineando così il potenziale positivo delle applicazioni per incontri. I risultati hanno rivelato tre tematiche principali: 1) utenza, motivazioni e benefici relativi all’utilizzo di app per incontri, 2) self-disclosure, 3) esperienze nel contesto delle app per incontri. L’ultimo tema comprende, a sua volta, tre sotto-temi: a) omologazione e morbosità, b) feticizzazione e oggettivazione, c) delegittimazione e discriminazione. Nonostante i suoi limiti, questo studio potrebbe aiutarci a fare luce sull’impatto psicologico che le diverse esperienze vissute nell’ambito delle app per incontri hanno, sul benessere della minoranza genderqueer.

Monica Arbia, Annalisa Anzani, Antonio Prunas, L’utilizzo di app per incontri nella popolazione genderqueer: esperienze, vissuti e motivazioni in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2021, pp 32-52, DOI: 10.3280/PDS2021-001004