Clicca qui per scaricare

Locus amoenus: dalla noia come vuoto di senso e svalorizzazione di sé alla solitudine come pienezza di vita
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Emanuela Trotta 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 111  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 291-300 Dimensione file:  155 KB
DOI:  10.3280/QUA2020-111013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La diffusione del coronavirus ci ha obbligato ad affrontare non solo la precaria e fragile condizione dell’esistenza umana, ma anche l’incapacità di gestire sé stessi e il proprio tempo, mettendo in risalto la futilità di tante nostre attività, e della loro natura strumentale, consistente nel tenerci distanti da quel vertiginoso vuoto che ognuno è per sé stesso. La solitudine pone l’individuo in una condizione di completa nudità di fronte a sé stesso e alla propria esistenza, diventa espressione di un disagio culturale, sociale e relazionale, mentre dovrebbe essere una peculiarità posi-tiva. In un mondo saturo di informazioni, la solitudine, dovrebbe rappresentare la possibilità di ritrovare il silenzio dentro la propria anima, e in questo silenzio risco-prire la nostra condizione esistenziale. Quest’articolo propone una riscoperta del valore del silenzio, non solo come strumento per richiamare l’uomo contemporaneo a sé stesso, ma anche, parados-salmente come possibile modalità comunicativa. Solo chi è sceso in profondità, nella propria solitudine, è veramente capace di comunione con gli uomini. Questo è l’uomo che abita il silenzio. Così percepito, il silenzio, non è vuoto, ma pienezza, perché apre l’uomo all’incontro. L’esperienza della solitudine costituisce la prezio-sa possibilità di prendere coscienza di ciò che è veramente importante: gli altri, la socialità. Sarebbe questo il lascito costruttivo, ristabilire le priorità, promuovere la possi-bilità di rinnovamento e ristrutturazione di sé, come base necessaria su cui instaurare un rapporto autentico con l’Altro.


Keywords: Isolamento, solitudine, noia, ascolto, silenzio, incontro.

  1. Nietzsche F. (2017). Il crepuscolo degli idoli. Adelphi.
  2. Trotta E. (24 Maggio 2020). Offline il diritto alla disconnessione. Filosofia e nuovi sentieri.
  3. Trotta E. (12 Luglio 2020). Abitare la solitudine. Filosofia e nuovi sentieri.
  4. Selby J. (1999). Elogio della solitudine. Milano: Armenia.
  5. Sarte J. (1990). La Nausea. Torino: Einaudi Tascabili.
  6. Platone, a cura di Reale P. (1991). Tutti gli scritti. Milano: Rusconi.
  7. Pascal B. (2014). Pensieri. Milano: Edizioni UTET.
  8. Merleau-Ponty M. (1965). Fenomenologia della percezione. Milano: Il Saggiatore.
  9. Masullo A. (2019). L’Arcisenso, dialettica della solitudine. Macerata: Quodlibet Studio.
  10. Mancini R. (2002). Il silenzio, via verso la vita. Biella: Qiqajon, Magnano.
  11. Maggini C., Dalle Luche (1991). Il paradiso e la noia. Torino: Bollati Boringhieri.
  12. Lèvinas E., a cura di Ciglia F.P. (1997). Il Tempo e l’Altro. Genova: Il Melangolo.
  13. Lèvinas E. (1999). Il Pensiero dell’altro. Roma: Lavoro.
  14. Heidegger M. (2015). Milano: Longanesi.
  15. Greenson R. R.(1993). L’entusiasmo. Entusiasmo, fiducia e Perfezione.
  16. Greenson R.R. (1993). La noia. Noia e Apatia.
  17. Fromm E. (1995). L’arte di amare. Milano: Mondadori.
  18. Fromm E. (1963). Fuga dalla libertà. Milano: Edizioni di Comunità.
  19. Frankl V. (1982). La sofferenza di una vita senza senso. Psicoterapia per l’uomo d’oggi. Torino: Editrice Elle Di Ci.
  20. Camus A. (2009). La Peste. Milano: Tascabili Bompiani.
  21. Borgna E. (2001). L’arcipelago delle emozioni. Milano: Feltrinelli.
  22. Bauman Z. (2000). La solitudine del cittadino globale. Milano: Feltrinelli.
  23. Arendt H. (2004). Le origini del totalitarismo. Torino: Einaudi.

Emanuela Trotta, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 111/2020, pp. 291-300, DOI:10.3280/QUA2020-111013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche