Clicca qui per scaricare

Professionisti X. Quando lo sviluppo professionale non è prevedibile
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Loretta Fabbri, Alessandra Romano 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 112  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 49-58 Dimensione file:  190 KB
DOI:  10.3280/QUA2020-112004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il contributo articola una riflessione sulle nuove sfide per le professioni che sono elicitate dalle radicali trasformazioni in atto nel mondo del lavoro, sempre più digitalizzato, ubiquo e in rapido e costante cambiamento. Che cosa richiedono queste profonde e radicali trasformazioni ai professionisti? Quali interrogativi pon-gono ai sistemi formativi? Come si formano professionisti X, in grado di attraversare scenari lavorativi incerti e di farlo con capacità di immaginazione e competenza di creatività? L’articolo risponde a queste domande facendo riferimento agli studi sul neo-professionismo (Butera, 2020), agli studi sulle pratiche (Gherardi e Lippi, 2000; Sennett, 2000; Wenger, 2006) e agli studi organizzativi (Weick e Sutcliffe, 2010) che hanno offerto chiavi interpretative per intercettare le sfide future della ricerca sulle trasformazioni organizzative e professionali.


Keywords: Apprendimento organizzativo; creatività; professionisti X; neopro-fessionalismo; digitalizzazione; lavoro ubiquo.

  1. Bauman Z. (2014). La società dell’incertezza. Bologna: il Mulino.
  2. Beck U. (2013). La società del rischio. Verso una seconda modernità. Roma: Carocci Editore.
  3. Buck J. e Villines S. (2017). We the People: Consenting to a Deeper Democracy. Sociocracy. Info Press.
  4. Butera F. (2020). Le condizioni organizzative e professionali dello smart working dopo l’emergenza: progettare il lavoro ubiquo fatto di ruoli aperti e di professioni a larga banda. Studi organizzativi, 1: 142-166.
  5. Fabbri L. (2021). Governare l’inatteso. La sfida per la pedagogia del futuro. In: Stramaglia M., a cura di, Per una pedagogia del futuro. Studi in onore di Michele Corsi. Lecce: Pensa Multimedia.
  6. Fabbri L. e Romano A. (2017). Metodi per l’apprendimento trasformativo. Casi, modelli, teorie. Roma: Carocci Editore.
  7. Federighi P. (2020). Margini di autonomia relativa delle Università, mercato della formazione e mercato del lavoro dei professionisti dell’educazione e della formazione. Nuova Secondaria Ricerca, 10: 67-79.
  8. Floridi L. (2019). Pensare l’Infosfera. La filosofia come design concettuale. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  9. Gherardi S. e Lippi A. (2000). Tradurre le riforme in pratica. Le strategie della traslazione. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  10. Latour B. (2020). What protective measures can you think of so we don’t go back to the pre-crisis production model? (translated from French by Stephen Muecke), -- «testo disponibile al sito: https://aoc.media/opinion/2020/03/29/imaginer-les-gestes-barrieres-contre-le-retour-a-la-production-davant-crise/» (28.12.2020).
  11. Lave J. and Wenger E. (1991). Situated Learning: Legitimate Peripheral Participation. Cambridge: Cambridge University Press.
  12. Law J. (1992). Notes on the theory of the actor-network: Ordering, strategy, and heterogeneity. Systems practice, 5(4): 379-393.
  13. Marsick V.J. and Neaman A. (2017). Adult Informal Learning. In: Kahnwald N. and Täubig V., editors, Informelles Lernen. Wiesbaden: Springer.
  14. Pendleton-Jullian A.M. and Brown J.S. (2018). Design unbound: Designing for emergence in a whitewater world. Boston: MIT PRESS.
  15. Resnick M. (2018). Come i bambini: immagina, crea, gioca e condividi. Trento: Erickson.
  16. Schön D.A. (2006). Formare il professionista riflessivo. Milano: FrancoAngeli.
  17. Sibilio M. (2020). L’interazione didattica. Brescia: Morcelliana Scholé.
  18. Suchman L. (2007). Human-Machine Reconfigurations: Plans and Situated Actions. Cambridge: Cambridge University Press.
  19. Sennett R. (2000). L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli.
  20. Tiraboschi M. (2019). Persona e lavoro tra tutele e mercato. Per una nuova ontologia del lavoro nel discorso giuslavoristico. Modena: Adapt Press.
  21. Watkins K. and Marsick V. (2020). Informal and Incidental Learning in the time of COVID-19. Advances in Developing Human Resources, 1(9): 1-9.
  22. Weick K.E. e Sutcliffe K.M. (2010). Governare l’inatteso. Organizzazioni capaci di affrontare le crisi con successo. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  23. Wellman N., Applegate J.M., Harlow J. and Johnston E.W. (2020). Beyond the Pyramid: Alternative Formal Hierarchical Structures and Team Performance. Academy of Management Journal, 63: 997-1027.
  24. Wenger E. (2006). Comunità di pratica. Apprendimento, significato e identità. Milano: Raffaello Cortina Editore.

Loretta Fabbri, Alessandra Romano, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 112/2020, pp. 49-58, DOI:10.3280/QUA2020-112004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche