Clicca qui per scaricare

Lo specialista del trattamento per l’apprendimento trasformativo nei contesti penitenziari: la costruzione di identità del funzionario giuridico-pedagogico
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Francesca Torlone 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 112  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  25 P. 103-127 Dimensione file:  393 KB
DOI:  10.3280/QUA2020-112008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le trasformazioni occorse nel tempo nella cultura del sistema penale e peni-tenziario hanno inciso sulla identità professionale dei professionisti della funziona-lità giuridico-pedagogica. Il passaggio ad una cultura "rieducante" del sistema-carcere nel secondo dopo-guerra ha messo in luce una nuova identità, un nuovo ruolo cui non sempre si accompagnano nuove consapevolezze e pratiche educative. Il contributo intende ricostruire l’identità di ruolo del funzionario giuridico-pedagogico all’interno delle professioni educative e formative. A tal fine sono utilizzati elementi di rappresentazioni degli attori organizzativi e prospettive identita-rie legate al modo in cui ogni istituto costruisce il senso della professionalità giuridi-copedagogica con i dispositivi in uso e alimenta la cultura del lavoro educativo in carcere. Il contributo si conclude con alcune riflessioni sulla configurazione del funzionario giuridico-pedagogico come "specialista del trattamento" in relazione alla sua capacità di gestire ogni elemento del proprio lavoro in chiave educativa e di co-struire in autonomia il senso del suo ruolo professionale.


Keywords: Identità; senso della pena; sensemaking organizzativo; sensema-king individuale; organisational learning outcomes.

  1. Accordini M., Saita E. e Tramontano M. (2015). Identità in cambiamento: il ruolo del funzio-nario della professionalità giuridico-pedagogica nelle carceri. NarrarI i Gruppi, 10(3): 253-268.
  2. Argyris C. (1990). Overcoming organizational defenses. Boston: Allyn & Bacon.
  3. Argyris C. and Schön D.A. (1974). Organizational Learning: A Theory of Action Perspec-tive. San Francisco: Jossey-Bass.
  4. Basilisco S. (2016). La formazione esperienziale e online nei programmi di trattamento della persona detenuta. In: Torlone F., a cura di, Il diritto al risarcimento educativo dei detenuti. Firenze: Firenze University Press.
  5. Benelli C. e Mancaniello M.R. (2014). Professionista dell’educazione penitenziaria Vs Fun-zionario giuridico-pedagogico: alcune proposte per superare le criticità e sviluppare i po-tenziali della professionalità educativa in carcere. Lifelong Lifewide Learning, 23: 1-14.
  6. Bertelli B. e Crepaldi, B. (2011). Opportunità rieducative e sicurezza nella rappresentazione degli operatori carcerari. Risultati e riflessioni da un’indagine condotta in 7 istituti del Nord-Italia. Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, Gennaio-Aprile, V(1): 4-33.
  7. Boffo V. (2010). La comunicazione formativa: tra ascolto ed empatia. In: Guetta S., a cura di, Saper educare in contesti di marginalità. Analisi dei problemi ed esperienze di apprendi-mento mediato. Roma: KOINÈ Centro Interdisciplinare di Psicologia e Scienze dell’Educazione.
  8. Boffo V. (2012). Costruire relazioni educative. La cura dell’empatia. In: Mannucci A. e Col-lacchioni L., a cura di, Emozioni, Cura, Riflessività. Valorizzare le differenze per promuo-vere la formazione di ognuno. Pisa: Edizioni ETS.
  9. Boffo V. and Melacarne C. (2019). Employability in Adult and Higher Education. New Direc-tions for Adult and Continuing Education.
  10. Borghi L. (1962). Educazione e sviluppo sociale. Firenze: La Nuova Italia.
  11. Catino M. e Patriotta G. (2013). Learning from Errors: Cognition, Emotions and Safety Cul-ture in the Italian Air Force. Organizational Studies, 34(4): 437-467-, DOI: 10.1177/0170840612467156
  12. De Sanctis F.M. (1975). Educazione in età adulta. Firenze: La Nuova Italia.
  13. De Sanctis F.M. (1979). Educazione permanente. Firenze: La Nuova Italia.
  14. Canepa M. e Merlo S. (1996). Manuale di diritto penitenziario: le norme, gli organi, le mo-dalità dell’esecuzione delle sanzioni penali. Milano: Giuffrè Editore.
  15. Chaiklin S. and Lave J., a cura di (1993). Understanding practice: Perspectives on activity and context. Cambridge: Cambridge University Press.
  16. DAP-Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (2020). Decreto 5 maggio 20–0 - Concorso pubblico, per esami, a 95 posti a tempo indeterminato per il profilo professio-nale di Funzionario della professionalità giuridi–o - pedagogica, III Area funzionale, fa-scia retributiva F1, nei ruoli del personale del Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, -- «testo disponibile al sito: https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_8_1.page?contentId=SDC274978&previsiousPage=mg_1_6_1» (20.12.2020).
  17. Decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 2000, n. 230. Regolamento recante norme sull’ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà (G.U. n. 195 del 22-08-2000).
  18. Dubar C. (1991). La socialisation, Construction des identite’s sociales et professionnelles. Paris: Armand Colin Editeur.
  19. Fabbri L. (2007). Comunità di pratica e apprendimento riflessivo. Roma: Carocci.
  20. Federighi P. (1997). Le teorie critiche sui processi formativi in età adulta: tendenze e aspetti problematici nei principali orientamenti contemporanei. In: Orefice P., a cura di, Forma-zione e processo formativo. Ipotesi interpretative. Milano: FrancoAngeli.
  21. Federighi P. (2015). La formazione in servizio. In: Federighi P. e Torlone F., a cura di, La formazione al rispetto dei diritti umani nel sistema penale. Firenze: Firenze University Press.
  22. Federighi P. (2016a). Educazione degli adulti e università. Le origini nella scuola fiorentina. In: Cambi F., Federighi P. e Mariani A., a cura di, La pedagogia critica e laica a Firenze: 1950-2015. Firenze: Firenze University Press.
  23. Federighi P. (2016b). Il carcere come città educativa. La prevenzione educativa dei comporta-menti criminali. In: Torlone F., a cura di, Il diritto al risarcimento educativo dei detenuti. Firenze: Firenze University Press.
  24. Di Gennaro G., Breda R. e La Greca G. (1997). Ordinamento penitenziario e misure alterna-tive alla detenzione. Milano: Giuffrè.
  25. Hill B. and Tande C. (2006). Total Rewards – the Employment Value Proposition. Workspan. 10: 19-22. Scottsdale, United States: WorldatWork Press
  26. Lave J. and Wenger E. (1990). Situated Learning: Legitimate Periperal Participation. Cam-bridge: Cambridge University Press.
  27. Lave J. and Wenger E. (2006). L’apprendimento situato, Dall’osservazione alla partecipa-zione attiva nei contesti sociali. Milano: Erickson.
  28. Legge 26 luglio 1975, n. 354. Norme sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà (G.U. n. 212 del 09-08-1975-Suppl. Ordinario).
  29. Legge 10 ottobre 1986, n. 663. Modifiche alla legge sull’ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà (G.U. n. 241 del 16-10-1986 – Suppl. Ordinario).
  30. Legge 27 maggio 1998, n. 165. Modifiche all’articolo 656 del codice di procedura penale ed alla Legge 26 luglio 1975, no. 354 e successive modificazioni (G.U. n. 124 del 30-05-1998).
  31. Marbach M., Hainmueller J. and Hangartner D. (2018). The long-term impact of employment bans on the economic integration of refugees. Science Advances. 4. eaap9519.
  32. Mancaniello M.R. (2017). La professionalità educativa in ambito penitenziario: l’Educatore e il suo ruolo pedagogico. Studi sulla Formazione, (2)20: 365-374.
  33. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2001). Circolare n. 3554/6004 del 28.5.2001. Costituzione, assetto organizzativo e funzionalità delle aree educative nei Provveditorati e negli Istituti.
  34. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2003). Circolare n. 3593/6043 del 9.10.2003. Le aree educative degli Istituti.
  35. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2004). Circolare GDAP-0376744-2004 del 20.10.2004. Gli Uffici del Trattamento Intramurale dei Provveditorati. Settore Osservazione e Trattamento.
  36. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2005). Circolare GDAP-0217584-2005 del 14.06.2005. L’area educativa: il documento di sintesi ed il patto trat-tamentale.
  37. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2007). Circolare GDAP-0181045-2007 del 6.6.2007. I detenuti provenienti dalla libertà: regole di accoglienza. Linee di indirizzo.
  38. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2010). Circolare GDAP-0438879-2010 del 27.10.2010. Operatività del Funzionario della professionalità giuridi-co-pedagogica.
  39. Ministero della Giustizia-Direzione Amministrazione Penitenziaria (2011). Circolare GDAP-0024103-2011 del 20.1.2011. Progetto di Istituto: evoluzione del Progetto Pedagogico. Linee di indirizzo per l’anno 2011.
  40. Ministero della Giustizia (2016). Stati Generali dell’Esecuzione Penale. Documento finale, -- «testo disponibile al sito: https://www.giustizia.it/resources/cms/documents/documento_finale_SGEP.pdf» (20.12.2020).
  41. Patriotta G. and Brown A.D. (2011). Sensemaking, metaphors and performance evaluation. Scandinavian Journal of Management, 27: 34-43.
  42. Pavarini M. (2012). La cultura patibolare della sinistra, -- «testo disponibile al sito: https://www.dirittiglobali.it/2012/04/la-cultura-patibolare-della-sinistra/» (20.12.2020).
  43. Pitzalis M. (2004). L’educatore penitenziario: ipotesi per una socio-analisi. Quaderni del Di-partimento di Ricerche Economiche e Sociali-Sezione Sociologia. Università degli Studi di Cagliari.
  44. Regio Decreto 19 ottobre 1930, n. 1398. Approvazione del testo definitivo del Codice Penale (G.U. n. 251 del 26-10-1930).
  45. Regio Decreto 18 giugno 1831, n. 787. Regolamento per gli Istituti di prevenzione e di pena. (GU n.147 del 27-06-19–1 - Suppl. Ordinario n. 147).
  46. Sartarelli G. (1998). Riflessioni sulla formazione e sul ruolo dell’educatore penitenziario. Ras-segna penitenziaria e criminologica, 1(3): 214-231, -- «testo disponibile al sito: http://www.rassegnapenitenziaria.it/cop/24948.pdf» (20.12.2020).
  47. Torlone F., a cura di (2016). Il diritto al risarcimento educativo dei detenuti. Firenze: Firenze University Press.
  48. Vicari S. (2008). Conoscenza e impresa. Sinergie, 76: 43-66.
  49. Vignoles V.L., Schwartz S.J. and Luyckx K. (2011). Introduction: Toward an integrative view of identity. In: Schwartz S.J., Luyckx, K. e Vignoles V.L., editors, Handbook of identity theory and research. Springer Science + Business Media., DOI: 10.1007/978-1-4419-7988-9_1
  50. Weber K. and Glynn M.A. (2006). Making Sense with Institutions: Context, Thought and Action in Karl Weick’s Theory. Organization Studies, 27(11): 1639-1660., DOI: 10.1177/0170840606068343.
  51. Weick K.E. (1995). Sensemaking in organizations. Thousand Oaks, CA: Sage.
  52. Weick K.E. (1979). The social psychology of organizing. II ed., Newbery: Award Records.
  53. Weick K.E., Sutcliffe K.M. and Obstfeld D. (2005). Organizing and the process of sensemak-ing. Organization Science, 16: 409-421.
  54. Wenger E. (2006). Comunità di pratica: apprendimento, significato e identità. Milano: Raf-faello Cortina.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Francesca Torlone, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 112/2020, pp. 103-127, DOI:10.3280/QUA2020-112008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche