Clicca qui per scaricare

Fuori aula: contesti, ruoli e interlocutori dei professionisti della formazione 2020
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Daniela Frison 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 112  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 185-197 Dimensione file:  202 KB
DOI:  10.3280/QUA2020-112012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La professione del formatore è stata caratterizzata nell’ultimo ventennio da profondi cambiamenti che richiedono ai corsi di studio universitari e ai servizi di placement di interrogarsi sulla variabilità e multidimensionalità di ruoli, compiti e contesti nei quali essa può declinarsi. Con l’obiettivo di avviare un processo di riflessione sul tema, il contributo intende, da un lato, esplorare le linee di sviluppo della letteratura scientifica e metodologica rivolta ai formatori ed emergente dal lavoro e della ricerca sul campo, e dall’altro sollecitare una conversazione con pro-fessionisti del settore volta ad esplorare tendenze e traiettorie recenti della profes-sione. In conclusione, si identificano linee di sviluppo della professione accanto a spazi e bisogni di approfondimento e di analisi collegati a tre dimensioni chiave emergenti: il ribaltamento da una prospettiva di teaching ad una prospettiva di learning, l’urgenza di un ampliamento della formazione metodologica e l’importanza dell’adozione di metodi afferenti al non-formale ed ai processi di in-novazione.


Keywords: Formazione, consulenza; training inventory; cambiamento; meto-dologia della formazione; learning-related work.

  1. Amietta P.L. e Amietta F. (1996). Valutare la formazione: da una ricerca di interformazione. Milano: Unicopli.
  2. Baldassarre V.A., Zaccaro F. e Ligorio M.B. (2001). Progettare la formazione. Dall’analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati. Roma: Carocci.
  3. Block P. (1999). Flawless consulting: A guide to getting your expertise used (2nd ed.). New York: Pfeiffer.
  4. Brostrom R. (1975). Training style inventory. Developing effective teaching styles. COMCOR, -- «testo disponibile al sito: www.my.ilstu.edu/» (28.12.2020).
  5. Castagna M. (1993). Progettare la formazione: guida metodologica per la progettazione del lavoro in aula. Milano: FrancoAngeli.
  6. Castagna M. (1998). La lezione nella formazione degli adulti. Milano: FrancoAngeli.
  7. Castagna M. (2010). L’analisi delle esigenze: dal fabbisogno all’intervento formativo. Principi, metodi e strumenti per il formatore. Milano: FrancoAngeli.
  8. Cripple G. (1996). Instructional styles diagnosis inventory. The 1996 Annual, 2: 147-160. San Francisco, CA: Pfeiffer.
  9. Crispiani P. e Rossi P.G. (2006). E-learning: formazione, modelli, proposte. Roma: Armando.
  10. Demetrio D., a cura di (1996). Il metodo autobiografico. Milano: Guerini e Associati.
  11. Di Nubila R.D., a cura di (2005). Professione formatore. Il ruolo, le competenze, i luoghi e le prospettive. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  12. Di Nubila R.D. (2005). Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  13. Di Nubila R.D. (2008). Dal gruppo al gruppo di lavoro. Lecce: Pensa Multimedia.
  14. Di Nubila R.D. e Fedeli M. (2008). L’esperienza quando diventa fattore di formazione e di sviluppo. Dall’opera di David A. Kolb alle attuali metodologie di Experiential Learning. Lecce: Pensa Multimedia.
  15. Fabbri L. e Romano A. (2017). Metodi per l’apprendimento trasformativo. Casi, modelli, teorie. Roma: Carocci.
  16. Fabbri L. e Torlone F. (2018). La formazione dei professionisti dell’educazione tra obiettivi formativi e learning outcomes. Prove di condivisione. Form@re, 18(3):1-6.
  17. Fedeli M. e Frison D. (2018). Metodi e tecniche per il supporto e la facilitazione dei processi di apprendimento nei diversi contesti sociali. Form@re, 18(3): 153-169.
  18. Federighi P. (2018). I contenuti ’ore dell’offerta formativa dei Corsi di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione. Form@ re, 18(3): 19-36.
  19. Formenti L. (2005). I metodi autobiografici nella formazione. In: Di Nubila D. R., Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  20. Frison D. e Tino C. (2019). The transformative value of professional development. Research into consultants’ perspectives regarding training and consultancy. Form@re, 19(2): 225-237.
  21. Galliani L. (2005). Professione formatore: curricolo universitario e competenza pedagogica. In: Di Nubila R. D., a cura di, Professione formatore. Il ruolo, le competenze, i luoghi e le prospettive. Napoli: Edizioni Scientifiche Italiane.
  22. Galliani L. e Costa R. (2003). Valutare l’e-learning. Lecce: Pensa Multimedia.
  23. Lipari D. (2012a). Formatori. Etnografia di un arcipelago professionale. Milano: FrancoAngeli.
  24. Lipari D. (2012b). Pratiche professionali tra modelli consolidati e nuovi schemi d’azione. FOR Rivista per la formazione, 92: 13-17.
  25. Lipari D. (2014). Storie di formatori. Esperienza, apprendimento, professione. Milano: FrancoAngeli.
  26. Lippitt R. e Lippitt G. (1986). The consulting process in action (2nd ed.). San Diego, CA: Pfeiffer.
  27. Munari A. (1998). Una metodologia degli eventi per la formazione e la ricerca. Studium Educationis, 3: 429-436.
  28. Pratt D.D. e Collins J.B. (2000). The teaching perspectives inventory (TPI), -- «testo disponibile al sito: https://files.eric.ed.gov/fulltext/ED452417.pdf#page=362» (28.12.2020).
  29. Pratt D.D., Collins J. B. e Selinger S.J. (2001). Development and use of the Teaching Perspectives Inventory (TPI). In: Annual Meeting of the American Educational Research Association, Seattle Washington.
  30. Quaglino G.P. (1989). Valutare i risultati della formazione. Torino: Isper.
  31. Quaglino G.P. (2005). Fare formazione. I fondamenti della formazione ei nuovi traguardi. Milano: Cortina.
  32. Quaglino G.P. e Carozzi G.P. (2003). Il processo di formazi’ne. Dall'analisi dei bisogni alla valutazione dei risultati. Milano: FrancoAngeli.
  33. Quaglino G. P., Casagrande S. e Castellano A. (1992). Gruppo di lavoro. Lavoro di gruppo. Milano: Cortina.
  34. Ranieri M. e Giampaolo M. (2018). Educators at university. A blended and problem- based teaching model for the training course of “socio-pedagogical educator. Form@ re-Open Journal per la formazione in rete, 18(3): 108-125.
  35. Reggio P. G. (2014). Postfazione. Esperienza professionale e apprendimento dei formatori. In: Lipari D., Storie di formatori. Esperienza, apprendimento, professione. Milano: FrancoAngeli.
  36. Rivoltella P. C. (2005). Criteri metodologici per l’apprendimento e la formazione on line. In Di Nubila D. R., Saper fare formazione. Manuale di metodologia per giovani formatori. Lecce: Pensa Multimedia.
  37. Rotondi M. (2000). Facilitare l’apprendere. Modi e percorsi per una formazione di qualità. Milano: FrancoAngeli.
  38. Schein E.H. (1985). Defining organizational culture. Classics of organization theory, 3(1): 490-502.
  39. Schein E.H. (1987). Process consultation: Lessons for managers and consultants (Vol. 2). Reading, MA: Addison-Wesley.
  40. Spier M. (1994). Student-Content Teaching Inventory. New York: Pfeiffer & Company Library.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Daniela Frison, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 112/2020, pp. 185-197, DOI:10.3280/QUA2020-112012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche