Politiche di contrasto alla criminalità organizzata e limite dell’utilità sociale ex art. 41 Cost.: il modello del d.lgs. n. 159/2011

Titolo Rivista: ECONOMIA PUBBLICA
Autori/Curatori: Leandra Abbruzzo
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 55-75 Dimensione file: 98 KB
DOI: 10.3280/EP2021-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nel nostro ordinamento le limitazioni alla capacità giuridica possono incidere su diritti costituzionalmente riconosciuti, come l’iniziativa economica privata, senza rispettarne i limiti. Uno degli istituti che rischia di pregiudicare seriamente l’operatore economico, pur essendo presentato come uno strumento di lotta alla criminalità organizzata, è l’interdittiva antimafia, considerata anche la disciplina pretoria che ne ha ampliato i confini.

Leandra Abbruzzo, Politiche di contrasto alla criminalità organizzata e limite dell’utilità sociale ex art. 41 Cost.: il modello del d.lgs. n. 159/2011 in "ECONOMIA PUBBLICA " 1/2021, pp 55-75, DOI: 10.3280/EP2021-001004