Paura, auto-sostegno e "Introietti buoni" Fear, Self-Support, and "Good Introjects"

Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT
Autori/Curatori: Bernd Bocian
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 9 P. 51-59 Dimensione file: 156 KB
DOI: 10.3280/GEST2021-001006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Parlare di trauma collettivo nella situazione attuale per l’autore implica sottovalutare il si-gnificato stesso di trauma collettivo, che invece si può riferire alle due guerre mondiali e al Medio Oriente, dove le persone vivono sotto le bombe e rischiano la vita per anni. Il trauma nella nostra situazione è individuale e dipende dalla salute, dalla classe sociale, dal lavoro e soprattutto dalla nostra capacità di reagire. L’autore sottolinea l’importanza per il terapeuta di prendersi cura di sé. Un altro aspetto che prende in considerazione è il concetto di auto-sostegno, già importante per i fondatori della terapia della Gestalt, Fritz e Lore Perls, perché riflette le loro esperienze di sopravvivenza (trauma di guerra, Shoa, emigrazione). Con il termine auto-sostegno si intende la capacità di mobilitare le risorse personali nei momenti di pericolo e quando potrei essere solo. L’articolo sottolinea, in questo contesto, l’importanza del nostro mondo interiore (psichi-co) e soprattutto degli introietti, che per Perls avevano una connotazione negativa e che a volte chiamava "demoni interni". L’autore suggerisce l’immagine degli introietti buoni o "protettori interni" rappresentazioni di relazioni positive internalizzate sé-altro (introietti di sostegno), come parte di un sistema di auto-sostegno in situazioni di crisi.

  1. Bocian B. (2012). Fritz Perls a Berlino 1993-1933: Espressionismo, psicoanalisi, ebraismo. Milano: FrancoAngeli.
  2. Bocian B. (2019). From Character Analysis to Interpersonal Psychoanalysis to Gestalt therapy. In: Perls F.S., Robin J.-M., Bowman C. (eds.), Psychopathology of Awarness. St. Romain la Viverèe, France: L’Exprimerie, pp. 105-136.
  3. Bromberg P.M. (2009). Multiple Self-states, the Relational Mind, and Dissociation: A Psychoanalytic Perspective. In: Dell P.F., O’Neil J.A. (eds.), Dissociation and the Dissociative Disorders: DSM-V and Beyond. London, UK: Routledge/Taylor & Francis Group, pp. 637-652.
  4. Delisle G. (2013). Object Relations in Gestalt Therapy. London, UK: Karnac.
  5. Goldstein K. (2000). The Organism: A HolisticAapproach. Brooklyn, NY: Zone Books.
  6. Goodman P. (1972). Little Prayers and Finite Experience. New York, NY: Harper Collins.
  7. Goodman P. (2010). Drawing the Line Once Again. Oakland, CA: PM Press.
  8. Orange D. (2011). The Suffering Strange: Hermeneutics for Every Clinical Practice. Abingdon on-Thames, UK: Routledge.
  9. Perls F.S. (1977). In and Out the Garbage Pail. Palo Alto, CA: Bantam Books.
  10. Perls F.S. (1978). The Gestalt Approach and Eye Witness to Therapy. Palo Alto, CA: Bantam Books (trad. it.: L’approccio della Gestalt e Testimone oculare della terapia. Roma: Astrolabio-Ubaldini, 1977).
  11. Perls F.S. (2012). From Planned Psychotherapy to Gestalt Therapy. Essays and Lectures: 1945-1965. Gouldsboro, ME: Gestalt Journal Press.
  12. Perls F.S. Robine J.-M., Bowman C. (eds.) (2019). Psychopathology of Awareness. St. Romain la Viverèe, France: L’Exprimerie.
  13. Perls L. (1992). Living at the Boundery. Gouldsboro, ME: Gestalt Journal Press.
  14. Taylor M. (2014). Trauma Therapy and Clinical Practice: Neuroscience, Gestalt and the Body. Maidenhead, UK: Open University Press-McGraw-Hill (trad. it.: Psicoterapia del trauma e pratica clinica. Corpo, Neuroscienze e Gestalt. Milano: FrancoAngeli, 2016).

Bernd Bocian, Paura, auto-sostegno e "Introietti buoni" Fear, Self-Support, and "Good Introjects" in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2021, pp 51-59, DOI: 10.3280/GEST2021-001006