Clicca qui per scaricare

Psicologia buddista e psicoterapia della Gestalt integrate per tempi difficili
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Eva Gold , Stephen Zahm 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  8 P. 83-90 Dimensione file:  240 KB
DOI:  10.3280/GEST2021-001009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Questo articolo nasce dal contributo presentato al webinar internazionale "Dialoghi sulla psicoterapia al tempo del Coronavirus", organizzato dall’Istituto di Gestalt HCC Italy. L’intervento descrive l’approccio sviluppato dagli autori relativamente alla "Psicologia buddista e psicoterapia della Gestalt integrate" (BPGT), proponendo una breve panoramica della BPGT e poi la focalizzazione su un aspetto specifico di questo modello. Nell’attraver¬sare questa pandemia globale, gli psicoterapeuti hanno bisogno di nuove risorse e prospettive per sostenersi nel loro lavoro e per affrontare le sfide che i pazienti stanno portando nell’incontro terapeutico. In un periodo come questo di crisi senza precedenti, l’umanità si trova quotidia-namente confrontata con le sfide universali affrontate direttamente dalla Psicologia buddista e l’approccio BPGT si dimostra di particolare rilevanza. Queste sfide includono il comprendere da parte della Psicologia buddista la realtà dell’impermanenza, come ci si relaziona alla soffe-renza e i modi per identificarsi e lavorare con questa stessa sofferenza.


Keywords: Buddismo, Gestalt, Mindfulness, compassione, trasformazione.

  1. Beisser A. (1970). The Paradoxical Theory of Change. In: Fagan J., Shepherd I.L. (eds.), Gestalt Therapy Now. New York, NY: Harper Colophon, pp. 77-80.
  2. Bodhi B. (1994). The Noble Eightfold Path: The Way to the End of Suffering. Onalaska, WA: Pariyati Publishing.
  3. Crocker S. (2005). Phenomenology, Existentialism, and Eastern Thought. In: Woldt A.L., Toman S.M. (eds.), Gestalt Therapy: History, Theory and Practice. Thousand Oaks, CA: Sage Publications, Inc., pp. 65-80.
  4. Fronsdal G. (2011). Dharma Talk. Woodacre, CA: Spirit Rock Meditation Center.
  5. Gold E., Zahm S. (2018). Buddhist Psychology and Gestalt Therapy Integrated: Psychotherapy for the 21st Century. Portland, OR: Metta Press.
  6. Gunaratana B. (2015). Mindfulness in Plain English. Somerville, MA: Wisdom Publications.
  7. Kornfield J. (2008). The Wise Heart: A Guide to the Universal Teachings of Buddhist Psychology. New York, NY: Bantam.
  8. Olendzki A. (2005). The Roots of Mindfulness. In: Germer C.K., Siegel R.D., Fulton P.R. (eds.), Mindfulness and Psychotherapy. New York, NY: The Guilford Press, pp. 241-261.
  9. Perls F.S., Hefferline R.F., Goodman P. (1951). Gestalt Therapy: Excitement and Growth in the Human Personality. New York, NY: Dell Publishing Co., Inc. (trad. it.: La terapia della Gestalt: eccitazione e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio, 1997).
  10. Siegel D.J. (2007). The Mindful Brain: Reflection and Attunement in the Cultivation of Well-being. New York, NY: W.W. Norton & Company.
  11. Stevens J. (1971). Awareness: Exploring, Experimenting, Experiencing. Moab, Utah: Real People Press.
  12. Yeshe T. (1998). Becoming Your Own Therapist: An Introduction to the Buddhist Way of Thought. Boston, MA: Lama Yeshe Archive.
  13. Yontef G. (1993). Awareness, Dialogue, & Process: Essays on Gestalt Therapy. Highland, NY: The Gestalt Journal Press, Inc.

Eva Gold , Stephen Zahm, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2021, pp. 83-90, DOI:10.3280/GEST2021-001009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche