Clicca qui per scaricare

Esperimento: estetica e reciprocità nella clinica contemporanea
Titolo Rivista: QUADERNI DI GESTALT 
Autori/Curatori: Luca Pino 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 109-119 Dimensione file:  201 KB
DOI:  10.3280/GEST2021-001012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autore offre una riflessione rispetto all’utilizzo dell’esperimento nella clinica gestaltica. Partendo dagli sviluppi e dagli studi attuali sulla Conoscenza Relazionale Estetica e sulla reci-procità in psicoterapia (Spagnuolo Lobb, 2017a; 2017b; 2020), presenta l’uso dell’esperimento come possibilità del campo fenomenologico, piuttosto che come una tecnica rigida e pre-ordinata. L’attenzione epistemologica è finalizzata a chiarire come il focus terapeu-tico sia principalmente il contatto e il sé in contatto. L’esperimento può essere un modo per inserire la “novità” nel processo terapeutico utilizzando gli strumenti estetici e fenomenologici della terapia della Gestalt. In particolare, l’autore, vuole definire l’esperimento in un’ottica rela-zionale e di campo. Si tratta di ricontestualizzare un tema importante dell’epistemologia gestal-tica riconducendolo sia alla teoria del sé, che ai bisogni e alle sofferenze che oggi i pazienti portano in terapia.


Keywords: Contatto, esperimento, teoria del sé, reciprocità, tecnica

  1. Borino T. (2013). Il Training Autogeno in psicoterapia della Gestalt. Rilassamento, consapevolezza, vitalità. Quaderni di Gestalt, XXVI, 1: 109-123., DOI: 10.3280/GEST2013-001009
  2. Damasio A.R. (1995). L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano. Milano: Adelphi.
  3. Damasio A. (2000). Emozione e Coscienza. Milano: Adelphi.
  4. Damasio A. (2012). Il sé viene alla mente. Milano: Adelphi.
  5. Frank R. (2005). Il corpo consapevole. Un approccio somatico ed evolutivo alla psicoterapia. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Body of Awarness. A Somatic and Developmental Approach to Psychotherapy. Highland, NY: Gestalt Press, 2001).
  6. Wallin D.J. (2009). Psicoterapia e teoria dell’attaccamento. Bologna: Il Mulino (ed. or.: Attachment in Psychotherapy. New York, NY: Guilford Press, 2007).
  7. Kepner J.I. (1997). Body Process. Il lavoro con il corpo in psicoterapia. Milano: FrancoAngeli (ed. or.: Body Process. Working with Body in Psychotherapy. San Francisco, CA: Jossey-Bass Inc., 1993).
  8. Kepner J.I. (2013). Verso un approccio più profondamente incarnato in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXVI, 1: 67-80., DOI: 10.3280/GEST2013-001005
  9. Macaluso M.A. (2018). Intenzionalità e spontaneità nell’azione terapeutica gestaltica. Quaderni di Gestalt, XXXI, 1: 33-57., DOI: 10.3280/GEST2018-00100
  10. Ogden P., Fisher J. (2016). Psicoterapia sensomotoria. Interventi per il trauma e l’attaccamento. Milano: Raffaello Cortina (ed. or.: Sensorimotor Psychotherapy: Interventions for Trauma and Attachment. New York, NY: W.W. Norton & Co. Inc., 2014).
  11. Perls F.S., Hefferline R.F., Goodman P. (1997). Teoria e pratica della terapia della Gestalt. Vitalità e accrescimento nella personalità umana. Roma: Astrolabio (ed. or.: Gestalt Therapy: Excitement and Growth in the Human Personality. New York, NY: The Gestalt Journal Press, 1951; 1994).
  12. Porges S.W. (2018). La guida alla teoria polivagale. Il potere trasformativo della sensazione di sicurezza. Roma: Giovanni Fioriti Editore (ed. or: The Pocket Guide to the Polyvagal Theory. The transformative Power of Feelings Safe. New York, NY: W.W. Norton & Co. Inc., 2017).
  13. Rossi S. (2020). Psicoterapie della Gestalt. Come la sensibilità percettiva modula il setting terapeutico. Milano: FrancoAngeli.
  14. Ruggiero G.M. (2011). Terapia cognitiva. Una storia critica. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  15. Spagnuolo Lobb M. (2011). Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Milano: FrancoAngeli.
  16. Spagnuolo Lobb M. (2014). I principi di base e lo sviluppo della psicoterapia della Gestalt nella società contemporanea. In: Francesetti G., Gecele M. e Roubal J. (a cura di), La psicoterapia della Gestalt nella pratica clinica. Dalla psicopatologia all’estetica del contatto. Milano: FrancoAngeli, pp. 31-63.
  17. Spagnuolo Lobb M. (2015). Il sé come contatto. Il contatto come sé. Un contributo all’esperienza dello sfondo secondo la teoria del sé della psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXVIII, 2: 25-56., DOI: 10.3280/GEST2015-002003
  18. Spagnuolo Lobb M. (2017a). From Losses of Ego Functions to the Dance Steps between Psychotherapist and Client. Phenomenology and Aesthetics of Contact in the Psychotherapeutic Field. British Gestalt Journal, 26, 1: 28-37.
  19. Spagnuolo Lobb M. (2017b). La conoscenza relazionale estetica del campo. Per uno sviluppo del concetto di consapevolezza in psicoterapia della Gestalt e nella clinica contemporanea. Quaderni di Gestalt, XXX, 1: 17-33., DOI: 10.3280/GEST2017-00100
  20. Spagnuolo Lobb M. (2019). La psicoterapia della Gestalt con i bambini: sostenere lo sviluppo polifonico dei domini in un campo di contatti. In: Spagnuolo Lobb M., Levi N., Williams A. La psicoterapia della Gestalt con i bambini. Dall’epistemologia alla pratica clinica. Milano: FrancoAngeli, pp. 27-68.
  21. Spagnuolo Lobb M. (2020). Dalla perdita delle funzioni-io ai “passi di danza” tra psicoterapeuta e paziente. Fenomenologia ed estetica del contatto nel campo psicoterapeutico. Quaderni di Gestalt, XXXIII, 1: 21-40., DOI: 10.3280/GEST2020-00100
  22. Spagnuolo Lobb M., Mione M., Francesetti G. (2010). Il processo di contatto formativo in psicoterapia della Gestalt. Quaderni di Gestalt, XXIII, 2: 26-46., DOI: 10.3280/GEST2010-00200

Luca Pino, in "QUADERNI DI GESTALT" 1/2021, pp. 109-119, DOI:10.3280/GEST2021-001012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche