Clicca qui per scaricare

«Moderno, veloce, di servizio»: il conservatorismo popolare de «La Notte»
Titolo Rivista: STORIA IN LOMBARDIA 
Autori/Curatori: Marco Cuzzi 
Anno di pubblicazione:  2020 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 67-89 Dimensione file:  154 KB
DOI:  10.3280/SIL2020-001003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Voluto dall’industriale del cemento Carlo Pesenti come quotidiano elettorale per contrastare le sinistre alle elezioni politiche italiane del 1953, «La Notte» diventò un protagonista del giorna-lismo di Milano dagli anni Cinquanta ai Settanta. Caratterizzato da uno stile dinamico, «La Notte» fu un quotidiano di informazione, riportando notizie di ogni tipo, dalla politica naziona-le alla vita economica, sociale e persino notturna. Fu il primo tabloid italiano. Il suo direttore Nino Nutrizio, un giornalista di destra, schierò il giornale con la Maggioranza silenziosa e con il "blocco d?ordine" anticomunista. Quando si accorse che l?estremismo neofascista stava mo-nopolizzando la reazione moderata milanese, Nutrizio si allontanò dal Movimento Sociale Ita-liano, schierandosi con le istituzioni. L?avvento delle televisioni commerciali ne fece declinare il successo. Dimessosi il direttore nel 1979, nella fase più acuta del terrorismo, il giornale so-pravvivrà fino al 1994, all?alba di una nuova epoca per Milano e per l?Italia.


Keywords: Italia 1953-1994, giornali conservatori, strategia della tensione, estrema destra italiana, Maggioranza silenziosa italiana, terrorismo in Italia.

  1. Blondet M. e Buonocore L. (1987), La Maggioranza Silenziosa, Milano, Edizioni Area.
  2. Boatti G. (2009), Piazza Fontana. 12 dicembre 1969: il giorno dell’innocenza perduta, Torino, Einaudi.
  3. Castellaneta C. (1974), Storia di Milano. Dalle origini ai nostri giorni, Milano, Il Milanese.
  4. Cuzzi M. (2008), Le uova del drago: l’estrema destra nella Milano degli anni Sessanta (1960-1967), in Lacaita C. G. e Punzo M., a cura di, Milano. Anni Sessanta. Dagli esordi del centro-sinistra alla contestazione, Manduria-Bari-Roma, Piero Lacaita Editore, pp. 191-232.
  5. Dianese M. e Bettin G. (2000), La strage. Piazza Fontana. Verità e memoria, Milano, Feltrinelli.
  6. Dondi M. (2015), L’eco del boato. Storia della strategia della tensione 1965-1974, Roma-Bari, Laterza.
  7. Id. (2018), 12 dicembre 1969, Roma-Bari, Laterza.
  8. Festa L. e Tognoli C. (2010), Milano e il suo destino. Dalla città romana all’Expo 2015, Milano, Boroli Editore.
  9. Giannuli A. (2018), La strategia della tensione. Servizi segreti, partiti, golpe falliti, terrore fascista, politica internazionale: un bilancio definitivo, Milano, Ponte alle Grazie.
  10. Gigli Marchetti A. (2013), Nutrizio, Stefano, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 79, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani.
  11. Granata I. (2013), «La Notte», un quotidiano del pomeriggio (dicembre 1952-luglio 1953), in Landi P., a cura di, Fare impresa con la cultura. Milano nel secondo dopoguerra (1945-1960), Bologna, Clueb.
  12. Landoni E. (2007), Il laboratorio delle riforme. Milano dal centrismo al centro-sinistra (1956-1961), Manduria-Bari-Roma, Piero Lacaita Editore.
  13. Morando P. (2019), Prima di Piazza Fontana. La prova generale, Roma-Bari, Laterza.
  14. Murialdi P. (1995), La stampa italiana dalla Liberazione alla crisi di fine secolo, Roma-Bari, Laterza.
  15. Parlato G. (2017), La Fiamma dimezzata. Almirante e la scissione di Democrazia Nazionale, Milano, Luni Editrice.
  16. Salvini G. e Sceresini A. (2019), La maledizione di Piazza Fontana. L’indagine interrotta. I testimoni dimenticati. La guerra tra i magistrati, Milano, Chiarelettere.
  17. Servello F. (2006), 60 anni in Fiamma. Dal Movimento Sociale ad Alleanza Nazionale, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore.
  18. Turani G. (1980), Padroni senza cuore, Milano, Rizzoli.

Marco Cuzzi, in "STORIA IN LOMBARDIA" 1/2020, pp. 67-89, DOI:10.3280/SIL2020-001003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche