Clicca qui per scaricare

Quando l’Action Française rientrò nell’alveo dei nazionalismi ammessi dalla Chiesa
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Alfonso Botti 
Anno di pubblicazione:  2021 Fascicolo: 1  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  44 P. 47-90 Dimensione file:  440 KB
DOI:  10.3280/MON2021-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo integra, sulla base della documentazione degli archivi vaticani, quanto messo a fuoco dalla storiografia sull’impatto nel mondo cattolico ed ecclesiastico francesi del decreto del Sant’Offizio che nel 1926 mise all’Indice alcune opere di Charles Maurras e il giornale L’Action Française. Ricostruisce poi per la prima volta, attraverso fonti del Sant’Offizio, il processo decisionale che portò il 10 luglio del 1939 al decreto con il quale il quotidiano fu ritirato dall’Indice, pur restando la precedente interdizione di alcune opere di Maurras e del giornale fino a quel momento. In un decennio segnato dalla minaccia rappresentata dai nazionalismi e dagli antisemitismi di Stato, l’articolo conferma che in tutta la vicenda la questione disciplinare prevalse di gran lunga su quella dottrinale, che prestò scarsissima attenzione alle principali caratteristiche, come la politique d’abord, dell’Action Française: il «nazionalismo integrale» e l’antisemitismo. Infine, l’articolo mette in luce il ruolo del cardinale Ottaviani e la discontinuità tra Pio XII e il suo predecessore.


Keywords: Action Française, Pio XI, Pio XII, Alfredo Ottaviani, nazionalismo, antisemitismo



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The request was aborted: Could not create SSL/TLS secure channel.

Alfonso Botti, in "MONDO CONTEMPORANEO" 1/2021, pp. 47-90, DOI:10.3280/MON2021-001002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche