L’evoluzione delle procedure di gara, alla ricerca di un bilanciamento tra le ragioni dell’efficienza economica e le ragioni dell’imparzialità amministrativa

Titolo Rivista: ECONOMIA PUBBLICA
Autori/Curatori: Maurizio Cafagno
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 26 P. 55-80 Dimensione file: 308 KB
DOI: 10.3280/EP2021-003003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Lo scritto muove dalla constatazione che studi ed osservazioni empiriche illu-strano come la disomogenea distribuzione di informazioni tra soggetti che si tro-vano a negoziare alimenta l’incertezza e concede spazio all’opportunismo, in-nalzando i costi di transazione. Calando, però, la questione strategica della miti-gazione dell’opportunismo all’interno dei tre diversi ordini di rapporti chiamati in causa dalle negoziazioni pubbliche, ossia il rapporto tra pubblica amministrazio-ne e funzionari, tra pubblica amministrazione e concorrenti e tra pubblica am-ministrazione e contraenti, possono affiorare delle prospettive legittime che, uscendo dalle strettoie della modellistica contabile familiare alla prassi giuridica , consentano di acquisire e sfruttare nuova informazione, in corso di gara, adat-tando stime e proposte e consentendo, in tal modo, di guadagnare parecchio in termini di efficienza. In definitiva ed in sintesi, teoria ed esperienza, che trovano ampio supporto ed ispirazione nel diritto europeo, inducono a pensare che l’obiettivo di innalzare efficienza e convenienza dei meccanismi di gara postula il ricorso a modelli di-versificati, aperti a gradi variabili di flessibilità. A ben vedere il diritto europeo, assumendo il patrocinio di procedure contrattuali più aperte e di criteri di bilan-ciamento più flessibili, ispirati dall’idea che la stretta sorveglianza dei funzionari e delle amministrazioni non sia la finalità incondizionatamente prioritaria, ac-credita piuttosto l’idea che gli oneri del formalismo vadano sopportati soltanto sinché si può supporre che ne discendano benefici superiori in termini di stimolo all’intensificazione degli scambi. Lo scritto approda alla conclusione che l’efficienza vada considerata alla stregua di una variabile endogena, e non esogena, rispetto alle politiche di promozione della concorrenza. Onde, sarebbe utile convalidare anche nel nostro ordinamento un criterio di libertà delle forme procedimentali, almeno per i cosiddetti contratti esclusi, che non sempre e non necessariamente siano tenute a tradursi in procedure di gara, fatta salva la possibilità di accesso alla tutela giurisdizionale per l’aspirante che dimostri di aver subito gli effetti lesivi e discriminatori della violazione dei principi generali.

Maurizio Cafagno, L’evoluzione delle procedure di gara, alla ricerca di un bilanciamento tra le ragioni dell’efficienza economica e le ragioni dell’imparzialità amministrativa in "ECONOMIA PUBBLICA " 3/2021, pp 55-80, DOI: 10.3280/EP2021-003003