La transizione ecologica: dalle persone alle politiche e viceversa

Titolo Rivista: ECONOMIA PUBBLICA
Autori/Curatori: Donato Berardi, Filippo Galimberti, Antonio Pergolizzi, Michele Tettamanzi
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 23 P. 159-181 Dimensione file: 477 KB
DOI: 10.3280/EP2021-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

È necessario ricostruire i modelli di produzione e di consumo, abilitando il reddito come strumento in grado di generare sostenibilità. Tra gli strumenti atti a misura-re la relazione tra ambiente e sviluppo economico vi sono la curva di Kuznets e il disaccoppiamento: il primo indaga i modelli di consumo e il rapporto che inter-corre fra il reddito pro capite e l’inquinamento prodotto da ciascun cittadino quale relazione tra reddito e diseguaglianza sociale. L’ipotesi di questa teoria è che al crescere del reddito pro capite l’impatto ambientale cresca fino a segnare un picco, per poi decrescere disegnando una curva ad "U rovesciata". Il disac-coppiamento, invece, si occupa dei modelli di produzione e ha un’accezione più ampia, studiando l’esistenza di un sistema nel quale il benessere e la qualità della vita delle persone possono crescere senza generare ulteriore pressione sull’ambiente: in altre parole, quando alla crescita economica non corrisponde un aumento proporzionale della produzione di rifiuti da parte delle attività eco-nomiche. Il progresso tecnologico è chiamato a trovare il modo di coniugare il miglioramento del tenore di vita con la tutela dell’ambiente. Se i modelli di con-sumo saranno orientati all’ambiente anche la produzione vi si dovrà adeguare. È questo il senso più intimo della transizione ecologica.

Donato Berardi, Filippo Galimberti, Antonio Pergolizzi, Michele Tettamanzi, La transizione ecologica: dalle persone alle politiche e viceversa in "ECONOMIA PUBBLICA " 3/2021, pp 159-181, DOI: 10.3280/EP2021-003007