Il certificato COVID digitale nel contesto del federalismo europeo, tra tutela della privacy e libertà di circolazione, e il suo impiego nell’ordinamento italiano

Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA)
Autori/Curatori: Arianna Carminati, Matteo Frau
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 29 P. 5-33 Dimensione file: 310 KB
DOI: 10.3280/CEU2021-002001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo descrive il processo decisionale che ha portato all’introduzione, a livello europeo, di una disciplina unitaria in materia di certificati COVID digitali, proponendo un confronto con la differente situazione in cui versa il sistema federale statunitense, e affronta alcune delle questioni di ordine costituzionale connesse all’uso del c.d. green pass, sia con riguardo alla tutela della privacy sia con riguardo all’utilizzo di tale strumento da parte degli Stati membri.

Arianna Carminati, Matteo Frau, Il certificato COVID digitale nel contesto del federalismo europeo, tra tutela della privacy e libertà di circolazione, e il suo impiego nell’ordinamento italiano in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 2/2021, pp 5-33, DOI: 10.3280/CEU2021-002001