Agricoltura, popolazione rurale, ambiente. Uno studio sul Catasto agrario del 1929

Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA
Autori/Curatori: Alessio Fornasin, Segio Zilli
Anno di pubblicazione: 2021 Fascicolo: 297 Lingua: Italiano
Numero pagine: 19 P. 76-94 Dimensione file: 204 KB
DOI: 10.3280/IC2021-297004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le trasformazioni del paesaggio agrario sono il risultato di elementi molto vari. Alcuni di questi riguardano le modifiche strutturali del territorio, che ne cambiano l’aspetto in termini di lungo periodo. Vi sono fattori, invece, che agiscono in tempi molto più brevi, come l’alternarsi delle stagioni. Il presente studio rappresenta un primo tentativo di introdurre il tema dell’ambiente e del paesaggio attraverso una lettura del territorio che viene vista in relazione al periodo vegetativo del frumento e del mais. Le informazioni, raccolte a livello di zona agraria e provincia, sono tratte dal Catasto agrario del 1929. Nel lavoro si propongono alcune osservazioni riguardo alle principali coltivazioni cerealicole dell’agricoltura italiana, in relazione alla superficie a essi dedicata, alla popolazione rurale e al calendario dei lavori agricoli.

Alessio Fornasin, Segio Zilli, Agricoltura, popolazione rurale, ambiente. Uno studio sul Catasto agrario del 1929 in "ITALIA CONTEMPORANEA" 297/2021, pp 76-94, DOI: 10.3280/IC2021-297004