Editoriale. I principali punti di riferimento teorici della Psicoanalisi Multifamiliare

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Alessandro Antonucci, Andrea Narracci
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 27-37 Dimensione file: 169 KB
DOI: 10.3280/INT2022-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

  1. Badaracco J.G. (1986). Identification and its vicissitudes in the psychoses. The importance of the concept of the “maddening object”. The International Journal of Psycho-Analysis, 67: 133-146.
  2. Badaracco J.G. (1997). La comunità terapeutica di struttura multifamiliare. Milano: FrancoAngeli.
  3. Badaracco J.G. (2004). Psicoanalisi Multifamiliare. Torino: Bollati Boringhieri.
  4. Badaracco J.G. (2018). Selection de trabajos. Buenos Aires: Editorial Associacion Psicoanalitica Argentina y Editorial Antigua.
  5. Badaracco J.G., Narracci A. (2011). La Psicoanalisi Multifamiliare in Italia. Torino: Antigone.
  6. Mitre M.E. (2021). Le voci del silenzio. Roma: Giovanni Fioriti.
  7. Narracci A. (a cura di) (2015). Psicoanalisi Multifamiliare come esperanto. Torino: Antigone.
  8. Narracci A. (2021). Da oggetto di intervento a soggetto della propria trasformazione. Milano-Torino: Pearson Italia.

Alessandro Antonucci, Andrea Narracci, Editoriale. I principali punti di riferimento teorici della Psicoanalisi Multifamiliare in "INTERAZIONI" 1/2022, pp 27-37, DOI: 10.3280/INT2022-001004