La trasmissione transgenerazionale del dolore: espressione dell’abitare l’altro

Titolo Rivista: INTERAZIONI
Autori/Curatori: Manuela Antenucci, Fiorella Ceppi, Lucio Maciocia, Chiara Manfredini
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. 47-57 Dimensione file: 161 KB
DOI: 10.3280/INT2022-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gli autori mettono in evidenza come, nella pratica clinica del gruppo di Psicoanalisi Multi-familiare, l’emergere di ricordi traumatici e dei vissuti emotivi ad essi correlati consenta di percepire l’esistenza, nel mondo interno delle persone sofferenti, di "presenze" patogene, "presenze" che possiedono un potere di condizionamento permanente, segreto e occulto, molto difficile da cogliere in altri contesti. Intorno a tali "presenze" si strutturano identificazioni patogene che bloccano lo sviluppo di proprie risorse egoiche e il soggetto si vivrà abitato e posseduto da altri che gli impediscono di essere se stesso. In questo lavoro si descrive come gli specifici funzionamenti del gruppo consentano di avviare processi di costruzione di identificazioni trasformative che riducano gradualmente il potere patogeno di tali presenze; i rispecchiamenti reciproci, il funzionamento del gruppo come "mente ampliada", l’emergere della virtualità sana personale sono gli elementi che consentono di potere iniziare a pensare, attraverso l’altro, ciò che risultava impossibile pensare da solo, in particolare rispetto alle proprie interdipendenze patogene. La presenza dell’altro diventa sostegno nella scoperta di Sé autentico e la costruzione di un’identità soggettiva integra.

  1. Badaracco J.G. (1985). Identificaciòn e sus vicisitudines en la psicosis. La importancia del concepto de “objeto enloquecedor”. Revista de Psicoanàlis, XLII, 3: 214-242.
  2. Badaracco J.G. (1991). Conceptos de cambio psìquico: aporte clinico. Revista de Psicoanàlisis, XLVIII, 3: 213-242.
  3. Badaracco J.G. (2007). La virtualità sana nella psicosi. Interazioni, 28, 2: 16-24. DOI: 10.3280/INT2007-00200
  4. Bowen M. (1980). Dalla famiglia all’individuo. La differenziazione del Sé nel sistema familiare. Roma: Astrolabio.
  5. Mitre M.E. (2009). El proceso de des-identificaciòn de las identificaciones enloquecadoras a través de un ejemplo clinico. Inedito.
  6. Morin E. (2002). Il metodo 5. L’identità umana. Milano: Raffaello Cortina.
  7. Narracci A. (2021). Da oggetto di intervento a soggetto della propria trasformazione. Milano: Bruno Mondadori.

Manuela Antenucci, Fiorella Ceppi, Lucio Maciocia, Chiara Manfredini, La trasmissione transgenerazionale del dolore: espressione dell’abitare l’altro in "INTERAZIONI" 1/2022, pp 47-57, DOI: 10.3280/INT2022-001007