Ritiro sociale in adolescenza. Il caso di Sara in una visione cognitivista

Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO
Autori/Curatori: Elena Grassi, Nicola Marsigli
Anno di pubblicazione: 2022 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 118-125 Dimensione file: 622 KB
DOI: 10.3280/PSOB2022-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nell’articolo viene presentato il caso clinico di Sara, una ragazza di 14 anni ritirata da 8 mesi, inquadrato secondo una visione terapeutica cognitivo-comportamentale. Verrà evidenziata la particolarità e l’importanza dei primi contatti, che, come spesso avviene per questa tipologia di pazienti, passa attraverso l’uso delle nuove tecnologie di comunicazione. L’aggancio e l’instaurarsi di una relazione terapeutica validante sono spesso, infatti, le chiavi per poter avviare un percorso di cura.

  1. American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (5th ed.). Washington DC: American Psychiatric Publishing.
  2. Carcione A., Nicolò G., Semerari A. (1999). Curare i casi complessi. Roma-Bari: Laterza.
  3. Chan H.L., Lo T.W. (2014). Quality of life of the ridde youth in Hong Kong. Applied Research in Quality of Life, 9(4): 951-969.
  4. Dimaggio G., Semerari A. (a cura di) (2003). I disturbi di personalità. Modelli e trattamento. Stati mentali, metarappresentazione, cicli interpersonali, Roma-Bari: Laterza.
  5. Kato T.A., Shinfuku N., Sartorius N., Kanba S. (2011). Are Japan’s hikikomori syndrome and depression in young people spreading abroad?. The Lancet, 378(9796): 1070.
  6. Procacci M., Semerari A. (a cura di) (2019). Ritiro sociale. Psicologia e clinica. Trento: Erickson.
  7. Teo A.R., Fetters M.D., Stufflebam K., Tateno M., Balhara Y., Choi T.Y. et al. (2015). Identification of the hikikomori syndrome of social withdrawal: psychosocial features and treatment preferences in four countries. International Journal of Social Psychiatry, 61(1): 64-72.
  8. Teo A.R., Gaw A.C. (2010). Hikikomori, a Japanese culture-bound syndrome of social withdrawal? A Proposal for DSM-5. Journal of Nervous and Social disease, 198(6): 444-449.

Elena Grassi, Nicola Marsigli, Ritiro sociale in adolescenza. Il caso di Sara in una visione cognitivista in "PSICOBIETTIVO" 2/2022, pp 118-125, DOI: 10.3280/PSOB2022-002010