Clicca qui per scaricare

La creatività dell’impresa creativa: reti, racconti e tecnologie nello sviluppo di un’applicazione smartphone
Titolo Rivista:  STUDI ORGANIZZATIVI
Autori/Curatori: Claudio Coletta
Anno di pubblicazione: 2016 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 37-57 Dimensione file: 214 KB
DOI: 10.3280/SO2016-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più, clicca qui e qui


Il presente articolo si pone l’obiettivo di disegnare una topologia dell’agire creativo concentrandosi sugli aspetti situati della creatività, sul modo in cui essa si articola in pratica, sul senso dell’essere creativi all’interno di un settore definito appunto "economia creativa". L’idea di partenza è che il processo creativo occupi una posizione autonoma rispetto ai processi di invenzione e innovazione e che la creatività consista nella creazione di conoscenza e di nuove configurazioni sociali a partire dalla ricombinazione, dall’assemblaggio e dall’attualizzazione di reti, racconti e tecnologie in situazioni specifiche. Lo studio prende in esame l’agire creativo imprenditoriale di Being Here Now (BHN), digital start-up attiva nel design di applicazioni smartphone. L’attenzione è rivolta in particolare ai processi inter-organizzativi e al rapporto tra creatività e le forme di spazializzazione e tempo¬ralizzazione, di identificazione e differenziazione, di iscrizione e prescrizione at¬traverso cui opera. L’articolo pone l’accento sull’esistenza autonoma, sulla rilevanza e sugli aspetti relazionali del processo creativo, sganciandolo dalla cornice psi¬cologica individuale ed enfatizzandone gli aspetti legati alla spazialità. Lo studio si inserisce nel programma di ricerca della "sociologia delle associazioni" combinato con gli approcci narrativi allo studio delle organizzazioni. In questo senso, la riflessione vuole contribuire da un punto di vista organizzativo al dibattito su come le transazioni di conoscenza incontrano i meccanismi di governance nelle organizzazioni, osservando empiricamente quali siano le convenzioni, le abitudini, i dati per scontato a cui rinvia il discorso della creatività nella pratica imprenditoriale.



Keywords: Creatività, topologia, start-up, governance.


  1. Akrich, M., Latour, B. (1992), “A summary of convenient vocabulary for semiotics of human and non human assemblies”, in Bijker W., Law J. (Eds.), Shaping technology/building society (pp. 259-264) (trad. it. in Mattozzi, A., a cura di, Il senso degli oggetti tecnici, Roma, Meltemi, 2006, pp. 407-414).
  2. Bruni, A. (2008), “Attivare e stabilizzare un network nel settore delle biotecnologie: il caso Tek-Tek”, in Gherardi, S. (a cura di), Apprendimento tecnologico e tecnologie di apprendimento, Bologna, il Mulino, pp. 147-178.
  3. Bruni, A. (2005), “Shadowing Software and Clinical Records: On the Ethnography of Non-Humans and Heterogeneous Contexts”, Organization, 12(3), pp. 357-378.
  4. Bruni, A., Gherardi, S. (2007), Studiare le pratiche lavorative, Bologna, il Mulino.
  5. Cole, M., Engeström, Y. (1993), “A cultural-historical approach to distributed cognition”, in Salomon, G. (Ed.), Distributed cognitions: Psychological and educational considerations, Cambridge, Cambridge University Press.
  6. Compagnucci, F., Cusinato, A. (2015), “Urban geographies in creativity led economies. Evidence from the Italian case”, in Atti della XXXVI Conferenza Italiana di Scienze regionali, Arcavacata di Rende (Cosenza), 14-16 settembre 2015.
  7. Cusinato, A. (2015), “A hermeneutic approach to the knowledge economy”, Cusinato A., Philippopoulos-Mihalopoulos, A. (Eds.), Knowledge creating Milieus in Europe: Firms, Cities, Territories, Berlin, Springer.
  8. Czarniawska, B. (2008), “Alterity/Identity Interplay in Image Construction”, in barry D., Hansen H., The SAGE Handbook of New Approaches in Management and Organization, London, Sage, pp. 49-62.
  9. Czarniawska, B. (2004), Narratives in Social Science Research, London, Sage.
  10. Czarniawska, B. (1997), Narrating the organization, Chicago, The University of Chicago Press (trad it. Narrare l’organizzazione, Torino, Edizioni di Comunità, 2001).
  11. Czarniawska, B., Joerges, B. (1996), “Travels of ideas. Translating organizational change”, in Czarniawska B., Sevòn G., Translating Organizational Change. Berlin, Walter de Gruyter, pp. 13-48.
  12. Czarniawska, B., Sevón, G. (2005), Global ideas: how ideas, objects and practices travel in the global economy, Oslo-Copenhagen, Liber e Copenhagen Business School Press.
  13. Eisenhardt, K.M. (1989), “Building Theories from Case Study Research”, The Academy of Management Review, 14(4): 532.
  14. Fagerberg, J., Martin, B.R., Andersen, E.S. (Eds.) (2013), Innovation Studies: Evolution and Future Challenges, Oxford, Oxford University Press.
  15. Foss, N.J. (2007), “The Emerging Knowledge Governance Approach: Challenges and Characteristics”, Organization, 14(1): 29-52.
  16. Gagliardi, P. (Ed.) (1990), Symbols and Artifacts, New York, Aldine de Gruyter.
  17. Glăveanu, V.P. (2014), Distributed Creativity, New York, Springer.
  18. Grabher, G. (2004), “Temporary Architectures of Learning: Knowledge Governance in Project Ecologies”, Organization Studies, 25(9): 1491-1514.
  19. Grabher, G., Ibert, O. (2013), “Distance as asset? Knowledge collaboration in hybrid virtual communities”, Journal of Economic Geography, 14(1): 97-123.
  20. Grandori, A. (2001), “Neither Hierarchy nor Identity: Knowledge Governance Mechanisms and the Theory of the Firm”, Journal of Management and Governance, 5: 381-99.
  21. Hirsch, P.M. (1972), “Processing Fads and Fashions: An Organization-Set Analysis of Cultural Industry Systems”, American Journal of Sociology, 77(4): 639-659.
  22. Hutchins, E. (1995), Cognition in the wild, Cambridge, MIT Press.
  23. Latour, B. (2005), Reassembling the social, Oxford, Oxford University Press.
  24. Latour, B. (1992), “Where are the missing masses?”, in Bijker, W., Law, J. (Eds.), Shaping technology/building society, Cambridge, MIT Press (trad. it. in A. Mattozzi, a cura di, Il senso degli oggetti tecnici, Roma, Meltemi, 2006).
  25. Latour, B. (1991), “Technology is Society Made Durable”, in Law, J. (Ed.), A Sociology of Monsters Essays on Power, Technology and Domination, Sociological Review Monograph, 38.
  26. Law, J., Mol, A. (2001), “Situating technoscience: an inquiry into spatialities”, Environment and Planning D: Society and Space, 19: 609-621.
  27. Lévy, P. (1997), Il Virtuale, Milano, Cortina.
  28. Lovink, G., Rossiter, N. (Eds.) (2007), MyCreativity reader: a critique of creative industries, Amsterdam: Institute of Network Cultures.
  29. Mattozzi, A., Piccioni, T. (2012), “A Depasteurization of Italy? Mediations of Consumption and the Enrollment of Consumers within the Raw-Milk Network”, Sociologica, 3., DOI:10.2383/72702
  30. Nonaka, I., Takeuchi, H. (1995), The Knowledge-Creating Company: How Japanese Companies Create the Dynamics of Innovation, Oxford, Oxford University Press.
  31. Schumpeter, J.A. (1912), The Theory of Economic Development: An Inquiry into Profits, Capital, Credit, Interest and the Business Cycle, Cambridge, Harvard University Press.
  32. Schumpeter, J.A. (1947), “The creative response in economic history”, Journal of Economic History, 7(2): 149-59.
  33. Terranova, T. (2000), “Free Labor: producing culture for the digital economy”, Social Text, 18(2): 33-58.
  34. Weick, K. (1995), Sensemaking in Organizations, London, Sage (trad. it. Senso e significato nell’organizzazione, Milano, Cortina, 1997).
Claudio Coletta, La creatività dell’impresa creativa: reti, racconti e tecnologie nello sviluppo di un’applicazione smartphone in "STUDI ORGANIZZATIVI " 1/2016, pp. 37-57, DOI:10.3280/SO2016-001002

     


FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche
Acquista qui

Informazioni sulla rivista

Sottoscrivi il FEED
per conoscere subito
i contenuti dell'ultimo fascicolo di questa Rivista

English Version

Download credit

Pubblicità