Trasformazioni del dolore. Tra psicoanalisi e arte: Freud, Bion, Grotstein, Munch, Bacon, Viola
Autori e curatori
Contributi
Lorena Preta
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 320,      1a edizione  2015   (Codice editore 1217.3.10)

Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 24,00
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891732613
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Discreta




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891725325
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book

In breve
Che fine fa il dolore? Quello delle frustrazioni quotidiane, dei traumi dell’esistenza, di perdita, abbandono, violenza, vecchiaia. Il soggetto è realmente in grado di sopportare la pena che la vita non risparmia, di soffrire il dolore impensabile della morte, di trasformarlo, o è necessario trasferirlo a qualcuno che si occupi di noi? Sono queste le domande che l’autore si pone e che pone al pensiero di Freud, Bion e Grotstein, e all’arte di Munch, di Bacon e di Viola.
Utili Link
Interazioni Recensione (di Alfredo Lombardozzi)… Vedi...
Presentazione del volume

Che fine fa il dolore? Quello delle frustrazioni quotidiane, dei traumi dell'esistenza, la perdita, l'abbandono, la violenza, la vecchiaia. Il soggetto è realmente in grado di sopportare la pena che la vita non risparmia, di soffrire il dolore impensabile della morte, di trasformarlo, o è necessario trasferirlo a qualcuno che si occupi di noi? E l'opera pietosa dell'oblio è sempre possibile o più spesso ricorriamo alla finzione? Sono queste le domande che l'autore si pone e che pone al pensiero di Freud, Bion e Grotstein, che più di altri hanno affrontato tali questioni. Freud aveva elaborato una originale teoria del dolore che implicava un legame stretto con la realtà e la biologia, ma rinuncia alla teoria del trauma mettendo tra parentesi la sua iniziale teoria del dolore. Più tardi dirà che del dolore sappiamo pochissimo. Bion capisce che chi non è in grado di soffrire il dolore non è in grado neppure di vivere il piacere, rifiutare il dolore significa l'anestesia emozionale. Il nostro apparato per pensare di fronte agli aspetti traumatici della realtà, la paura del cambiamento e la responsabilità del pensare, mette in atto processi evacuativi per alleviare il dolore impensabile. La cultura dell'evacuazione segna dunque i limiti del sistema, ma paradossalmente ne indica anche i mezzi più potenti di comunicazione e trasformazione. Per Grotstein il gioco psicoanalitico deve permettere al paziente di trasferire il suo dolore all'analista, in quello che egli chiama il patto di pietà. Se la psicoanalisi mostra i limiti nella possibilità di trasformare il dolore, cosa può fare l'arte? La bellezza potrebbe essere la via più sicura per seguire i percorsi del dolore, nella sua trasformazione. Il Grido di Munch, quale esito del fallimento di un sogno; la bellezza lacerante dei dipinti di Bacon, con il loro sguardo allucinato sulla verità urlante; la dilatazione del tempo nelle immagini di Viola, fino alla magia del sacro e l'ascesi mistica, sono esempi straordinari delle capacità trasformative dell'oggetto estetico.

Goriano Rugi, psichiatra, psicoterapeuta, psicoanalista di gruppo, è membro con funzioni di training dell'Istituto Italiano Psicoanalisi di Gruppo e direttore della Scuola di Psicoanalisi di gruppo di Milano, didatta dell'Istituto di Ricerche Europee di Psicoterapia Psicoanalitica e socio del Nodo Group. Vive e lavora a Verona, ove per molti anni ha esercitato presso l'Ospedale Santa Giuliana. Ha pubblicato numerosi lavori su riviste italiane e straniere e curato i volumi Il Sapere e lo scarto (Edizioni Kappa, 1985); con E. Gaburri, Il Campo gruppale (Borla,1998).

Indice

Lorena Preta, Prefazione
Prologo. Il dolore necessario e la memoria della cenere
Introduzione. La solubilità del dolore: tra trasformazione, trasferimento e finzione. Elogio di un anello imperfetto
Freud e il dolore
(Dal Progetto al Progetto; In principio era l'inerzia (neuronica). Il grido e la coscienza di dolore; La rimozione come dogma del freudismo; L'illusione ermeneutica; L'inconscio non rimosso e il dolore; Realtà e pulsione di morte; Le idee (e le paure) di Freud sul dolore)
Il dolore in Bion. Tra paradosso e fondamento
(Origini di un paradosso; Uno sguardo d'insieme; Descartes e la metateoria bioniana; Metateoria e metapsicologia)
Origini del pensiero
(Il pensiero e l'assenza; La clinica assente. Gruppi e psicosi; Che cosa significa pensare; Il modello alimentare del pensiero)
Identificazione proiettiva e teoria del legame
(Identificazione proiettiva. Ombelico del mondo o cul-desac della psicoanalisi?; Un "mostro concettuale" per fenomeni inquietanti; Il contenitore negativo e l'altro polo dell'identificazione proiettiva; Dalla stanza d'analisi al modello contenitore/contenuto; L'identificazione proiettiva, gli oggetti e la mente estesa)
Dolore ed elemento beta
(La prova dell'esistenza del dolore; Elemento beta, sogno e dolore; Dolore trasformabile e dolore non trasformabile; Vicissitudini dell'elemento beta)
Trasformazioni
(Brevi divagazioni di griglia; Invarianti e trasformazioni; L'ingresso (rumoroso) di "O"; Trasformazioni a moto rigido; Trasformazioni proiettive; Indagine, colpa e causalità morale)
Allucinosi e cambiamento catastrofico
(Dolore e allucinosi; La esperienza del dolore, tra feeling e suffering; Sospensione di memoria, desiderio e comprensione; Intuizione, forma e incarnazione; Cambiamento catastrofico; Uno sguardo "finale")
Grotstein e il dolore
(La lotta con l'angelo; Trans-identificazione proiettiva; Sognare il dolore; Il patto di pietà e il trasferimento del dolore)
Il Grido di Munch. Il percorso di un 'sogno mancato'
(Il Grido tra passione e Hybris; Anatomia del Grido; Udire labbra e vedere voci; Allucinazione come fallimento di un sogno; Un ricordo impossibile e la cripta segreta)
Bacon e il grido della carne
(Il grido come destino; La crocifissione e il teatro di dolore; L'arte di Bacon e le categorie psicoanalitiche; Il reale o la brutalità delle cose; Deformazioni e Trasformazioni)
Viola e lo spazio dell'attesa. Elogio della lentezza
(Immagine come esperienza globale; La funzione alfa al lavoro; L''opera' come 'sogno condiviso'; Ascesi e dolore)
Bibliografia
Indice analitico.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi
Le nostre spedizioi verranno sospese per la pausa estiva dal 27 Luglio al 21 Agosto inclusi. Gli ordini ricevuti a partire dal 27 Luglio verranno evasi dal 22 Agosto.
  • Psichiatria, neuropsichiatria, neuroscienze, psicofisiologia, psicobiologia
  • Psicologia cognitiva, psicologia della personalità
  • Psicologia sociale, di comunità, politica, ambientale, dell'emergenza, del turismo
  • Scienze e tecniche psicologiche per l'intervento clinico

    Scienze e tecniche psicologiche per il lavoro, l'impresa, le organizzazioni

    Teoria e tecniche dei test, psicometria, psicodiagnostica

    Scienze e tecniche psicologiche dello sviluppo e dell'educazione

    Teoria e tecniche per la riabilitazione

    Prevenzione e clinica delle dipendenze

    Psicologia giuridica, investigativa, forense, criminale, psicologia della devianza

    Psicologia della salute, psicologia del benessere, educazione al benessere

    Psicologia dell’arte e della letteratura, psicologia estetica

    Storia della psicologia

    Professione psicologo

    Servizi di cura


    Segnalazioni

    Pubblicità