"> La "grande paura" rossa. L'Italia delle spie bolsceviche (1917-1922) - FrancoAngeli

La "grande paura" rossa

L'Italia delle spie bolsceviche (1917-1922)

Autori e curatori
Contributi
Georges-Henri Soutou
Livello
Studi, ricerche. Textbook, strumenti didattici
Dati
pp. 312,      1a edizione  2015   (Codice editore 1581.20)
Peer reviewed content
Peer Reviewed Content

La
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 34,00
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788891725868

In breve

Basato su fonti in larga parte inedite, il volume ricostruisce il pericolo bolscevico nella visione delle autorità italiane, svelandone i tratti fondamentali in politica interna, nella genesi di un anticomunismo radicale, e a tratti irrazionale, e in politica internazionale, nell’analisi del ruolo delle missioni militari per la prevenzione dell’ingresso di agenti ostili nel territorio europeo, e dei tentativi di coordinamento tra le potenze dell’Intesa nel fronteggiare la minaccia bolscevica.

Utili Link

Archiviostorico.net Recensione… Vedi...
Ventunesimo Secolo Recensione (di Michele Marchi)… Vedi...

Presentazione del volume

Fin dalle sue origini, il comunismo maturò l’ambizione di scatenare una rivoluzione su scala europea. Così, già sul finire degli anni Dieci, il Comintern promosse l’azione di agenti in alcuni Paesi europei nel tentativo di generare un moto rivoluzionario. Dopo la Germania, l’Inghilterra e la Francia, anche l’Italia, che ospitava una nutrita colonia di esuli russi sin dalla fine dell’Ottocento, divenne il terreno nel quale spie russe e ungheresi, e agitatori italiani, nel periodo tumultuoso del biennio rosso, attuarono un’opera di propaganda e di infiltrazione che mise in uno stato di massima allerta le autorità italiane.
Questo studio – basato su fonti in larga parte inedite del Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, del Ministero degli Affari Esteri, dell’Archivio Centrale di Stato, nonché di alcuni Archivi di Stato locali – ricostruisce il pericolo bolscevico nella visione delle autorità italiane, svelandone i tratti fondamentali in politica interna, nella genesi di un anticomunismo radicale, e a tratti irrazionale, e in politica internazionale, nell’analisi del ruolo delle missioni militari per la prevenzione dell’ingresso di agenti ostili nel territorio europeo, e dei tentativi di coordinamento tra le potenze dell’Intesa nel fronteggiare la minaccia bolscevica. La storia di una ossessione rossa, di cui le autorità italiane furono – al contempo – vittime e artefici.

Valentine Lomellini è ricercatrice presso il Dipartimento SPGI (Università degli Studi di Padova). Ha ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica e il Premio Veil della Fundacion Europea de Yuste; è stata Visiting Scholar a La Sorbonne, Affiliated Researcher all’Università di Heidelberg e membro del COWASO (Università di Vienna). È autrice di L’appuntamento mancato. La sinistra italiana e il dissenso nei regimi comunisti (2010) e Les relations dangereuses.The French Communists and Socialists and the Human Rights Issue in the Eastern Countries (2012).Tra il 2013 e il 2014 ha curato un numero speciale di Zeitgeschichte con O. Rathkolb e due volumi sui movimenti di protesta con A.Varsori.

Indice

Abbreviazioni
Georges-Henri Soutou, Prefazione
Introduzione – Il nesso tra nazionale e internazionale nell’Italia delle spie bolsceviche
Dalla Rivoluzione russa alla pace di Versailles. L’Italia come obiettivo della sovversione bolscevica
(Dopo Caporetto, la rivoluzione? L’allerta delle autorità italiane all’indomani dei fatti del novembre 1917; «Babbo ammalato. Mi metto in congedo per 24 ore». L’ultimo anno di guerra: tra propaganda disfattista e annunci rivoluzionari; E pace sia… purché proletaria. Propaganda nella società e nell’Esercito in vista della Conferenza di Versailles)
La pandemia bolscevica. Concreti timori di un’insurrezione
(La primavera del 1919: il timore del contagio, la necessità di una credibilità internazionale; L’estate 1919 (I). Nitti, lo sciopero generale e storie di pericolosi bolscevichi; L’estate del 1919 (II). Guardie rosse e «mene rivoluzionarie» nella società e nell’Esercito. L’Italia sull’orlo del baratro?)
Il “biennio rosso” in Italia, la Repubblica dei Consigli in Ungheria. Imprevisti di una special relationship
(Un’Italia filobolscevica o un’Italia bolscevizzata? Scandali internazionali e la questione del prestigio di Roma; Una «situazione rivoluzionaria latente»: le radici dell’immagine dell’Italia in bilico; Una nuova patria per Béla Kun? Evoluzioni nel réseau internazionale della sovversione)
Roma come garante e obiettivo della bolscevizzazione: aspetti interni ed internazionali di una epidemia globale
(«Salvare il Paese della peste più schifosa». L’insofferenza italiana per le infiltrazioni rivoluzionarie; Strategie contro il bolscevismo. Tra tentativi di collaborazione internazionale e modus operandi italiano: “Conosci il nemico per sconfiggerlo”; La strumentalizzazione interna del pericolo bolscevico: prove d’istituzione di un regime)
L’Italia come guardiano della vecchia Europa
(Il tramonto delle infiltrazioni rivoluzionarie; Un fronte comune antibolscevico: tentativi di intesa nell’Intesa?; La Missione Caprini a Costantinopoli ed il Servizio di controllo sui cittadini russi)
Conclusioni – La “grande paura rossa”. Da irrazionale panico da rivoluzione a razionale strumento di condizionamento politico
Appendice documentaria
Fonti e bibliografia
Indice dei nomi.