La transizione italiana degli anni '90. Reti, contesti, attori in una società che cambia
Contributi
Arnaldo Bagnasco, Maria Luisa Bianco, Ivo Colozzi, Giuseppe Della Rocca, Davide La Valle, Mauro Magatti, Enrica Morlicchio, Massimo Paci, Paolo Perulli, Italo Piccoli, Sergio Scamuzzi, Adriana Signorelli, Giovanna Vicarelli
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 256,      1a edizione  1997   (Codice editore 1529.63)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 24,50
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846402394

Presentazione del volume

I contributi raccolti in questo numero e presentati al Convegno triennale dell'AIS, tenutosi ad Ancona nell'ottobre 1996, analizzano in successione: la consistenza di più formazioni sociali nel capitalismo italiano e i nuovi cleavages di ceto e di classe connessi con i mutamenti dell'economia (Bagnasco) la crescente importanza del settore della "produzione immateriale" (Scamuzzi); il ruolo dei distretti industriali come "contesti formativi" per l'azione (Perulli); la crescente autonomia della società civile e l'aumento degli spazi di scelta degli attori (La Valle); l'importanza delle reti di relazioni sociali nella formazione dei nuovi raggruppamenti di classe (Bianco); il "sistema della corruzione" (Magatti) e la "regolazione particolaristica della sanità (Vicarelli); il ruolo della "micro-regolazione negoziata" del mercato del lavoro (Della Rocca); la precarizzazione del lavoro come causa fondamentale della povertà (Morlicchio); la minore prevedibilità dei consumi degli anni '90; il "mutuo adattamento" tra pubblico e privato nei servizi sociali (Colozzi) e le difficoltà di implementazione delle politiche pubbliche per le pari opportunità (Signorelli).

Ma la riflessione qui offerta non riguarda soltanto i contenuti del cambiamento.Essa investe anche le categorie, gli approcci e le teorie di riferimento, costituendo un importante momento di confronto teorico e metodologico.Come viene sottolineato nella Presentazione (Paci), si rivela così, una interessante crescita disciplinare nell'affrontare, in modo aggiornato e lontano da ogni schematismo, il ruolo (cruciale, per i sociologi dell'economia, del lavoro e dell'organizzazione) dei rapporti tra struttura e azione o, meglio, tra contesti e istituzioni strutturanti e autonomia strategica degli attori.

Indice

Massimo Paci, Categorie, approcci e teorie di riferimento nell'analisi della transizione italiana - Contesti strutturanti e autonomia del sociale - Arnaldo Bagnasco, Il contributo della "political-economy" all'analisi della struttura sociale - Davide La Valle, Mutamento sociale e mutamento politico: specificità o caratteri generali del caso italiano? - Paolo Perulli, Capitalismi italiani e post-fordismo - Sergio Scamuzzi, Politica, società e produzione di beni immateriali - Reti, mercati e regolazione micro-sociale - Maria Luisa Bianco, Meccanismi regolativi della stratificazione sociale nella società post-fordista - Mauro Magatti, I mercati come sistemi d'azione concreti. Il caso della corruzione diffusa - Giovanna Vicarelli, Vecchi e nuovi attori nella regolazione "particolaristica" della sanità - Giuseppe Della Rocca, Mutamenti e ambivalenze nella regolazione sociale dei mercati interni del lavoro - Mercati e politiche pubbliche - Enrica Morlicchio, Povertà e mercato del lavoro - Italo Piccoli, I comportamenti di consumo negli anni '90 - Ivo Colozzi, Il ruolo del terzo settore nei servizi sociali a livello locale - Adriana Signorelli, L'implementazione delle politiche per le pari opportunità.





newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi