Lo sviluppo dell'analisi delle reti sociali. Uno studio di sociologia della scienza

Autori e curatori
Livello
Dati
pp. 192,      1a edizione  2007   (Codice editore 1044.58)

Lo sviluppo dell'analisi delle reti sociali. Uno studio di sociologia della scienza
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 20.00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846489609

In breve

Freeman è tra i padri della moderna network analysis. La storia dell’analisi delle reti sociali di Freeman è un’analisi finalizzata alla dimostrazione della centralità del paradigma strutturale come fondamento teorico dell’analisi delle reti sociali. Freeman prende in esame la biografia e il lavoro dei singoli personaggi che hanno contribuito allo sviluppo dell’analisi delle reti sociali. La storia qui raccontata si incrocia con la carriera dell’autore e rappresenta uno spaccato inedito della realtà accademica americana a cavallo del ’900.

Utili Link

Sociologia e Politiche Sociali Recensione (di Luigi Tronca)… Vedi...

Presentazione del volume

Da tempo la pratica della network analysis si va estendendo a numerosi campi professionali, dall'economia, alla sociologia, alla psicologia sociale, come approccio strategico allo studio delle organizzazioni, delle politiche del lavoro, della salute, della famiglia, del servizio sociale.
Linton Freeman, tra i padri fondatori della moderna network analysis, testimone privilegiato ed attore di gran parte degli avvenimenti che hanno caratterizzato il consolidamento di questi studi, fino a sancirne la piena maturità scientifica, qui introduce la storia dello sviluppo dell'analisi di rete. Il testo non è solo il resoconto dell'origine di un insieme di tecniche, ma è un'analisi storica finalizzata alla dimostrazione della centralità del paradigma strutturale come fondamento teorico delle reti sociali. Con uno stile piacevole, coinvolgente e divulgativo, egli prende in esame non solo la biografia e il lavoro dei singoli personaggi che hanno contribuito al suo sviluppo, ma anche l'ambiente, ossia le dinamiche culturali interne alle università europee e americane, dagli anni '20 del Novecento teatro degli studi in questo settore.
La storia raccontata in questo libro, che mira a scoprire il processo sociale all'origine di quest'attività scientifica, assumendo una prospettiva di rete, si incrocia così indissolubilmente con la carriera dell'autore.
Il volume, rivolto sia agli addetti ai lavori, sia agli studenti e a tutti coloro che si avvicinano a questa disciplina, è di sicuro stimolo per il lettore per lo studio e l'approfondimento delle potenzialità di questo approccio.

Linton C.Freeman
è Research Professor del Dipartimento di Sociologia e dell'Istituto di Matematica e Scienze del comportamento dell'Università di California, Irvine. Durante la sua lunga carriera è stato profondamente coinvolto nell'analisi delle reti sociali. Iniziò a Syracuse, New York, nel 1958 quando, insieme a Wamer Bloomberg Jr., Stephen Koff, Morris H. Sunshine, Sue Freeman e Thomas J. Fararo, progettò uno studio strutturale di comunità sui processi decisionali. Proseguì poi con le lezioni di analisi delle reti sociali nelle università di tutto il mondo e nella sua pluriennale attività ha formato, in questa disciplina, allievi delle Università di Syracuse, Pittsburgh, Hawai, Dalhousie, Lehigh e UC, Irvine. Nell'aprile 2000 Freeman tenne la Lezione Magistrale sulla storia dell'analisi delle reti sociali alla ventesima Conferenza dell'International Network for Social Network Analysis di Vancouver, spunto di questo libro.

Indice



Rosanna Memoli, Prefazione all'Edizione italiana
Linton C. Freeman, Prefazione
Introduzione
Preistoria. Le origini delle reti sociali, idee e pratiche
(Intuizioni strutturali iniziali; I dati empirici sistematici; Le immagini grafiche; Modelli matematici e di calcolo)
La nascita dell'analisi delle reti sociali: la sociometria
La nascita dell'analisi delle reti sociali: il primo impulso di Harvard
L'analisi delle reti sociali durante gli anni bui: gli anni '40
(Un Gruppo Mobile: dallo Iowa al MIT ed alla Michigan University negli anni '30 e '40; Il Michigan State College nella metà degli anni '40; L'Università di Chicago e la Sorbona verso la fine degli anni '40)
L'analisi delle reti sociali durante gli anni bui: gli anni '50
(L'Università di Lund all'inizio degli anni '50; L'Università di Chicago all'inizio degli anni '50; La Columbia University a metà degli anni '50; La Iowa State University e la Michigan State University a metà degli anni '50; La Manchester University e la London School of Economics a metà degli anni '50; Massachussetts Institute of Technology alla fine degli anni '50; Syracuse University alla fine degli anni '50)
L'analisi delle reti sociali durante gli anni bui: gli anni '60
(La Sorbona all'inizio degli anni '60; L'Università del Michigan a metà degli anni '60; L'Università di Chicago alla fine degli anni '60; L'Università di Amsterdam alla fine degli anni '60; Gli anni bui: retrospettiva e prospettiva)
La rinascita di Harvard
Verso l'organizzazione
(La mobilità ed i collegamenti; I programmi computerizzati; I convegni; L'INSNA ed i collegamenti; Le reti sociali: il giornale; L'EIES: Electronic Information Exchange System; La Sun Belt ed i congressi europei; Il ruolo dell'UCI)
Una sintesi ed alcune sorprese
Bibliografia.




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi