La ricerca scientifica al tempo dei social media
Autori e curatori
Contributi
Pier Giuseppe Rossi
Livello
Dati
pp. 136,      1a edizione  2017   (Codice editore 11096.5)

Codice ISBN: 9788891757494

In breve
L'uso dei social media nel workflow della produzione scientifica. Oggi al ricercatore è richiesto di padroneggiare ambienti non sempre progettati per essere fruiti dalla comunità accademica, di comprendere le implicazioni di carattere metodologico ed etico insite nella propria attività. Chiude il volume una riflessione sulle tecnologie come oggetto della ricerca introducendo il tema della digital etnography.
Presentazione del volume

Il processo di pianificazione e sviluppo di una ricerca risente, oggi, dell'impatto delle nuove dinamiche di comunicazione e dei diversi spazi di interazione online del web sociale. La costruzione, la condivisione e la promozione del prodotto della ricerca risultano modificati dal valore partecipativo della cultura 2.0.
Al ricercatore di oggi sono richieste nuove attitudini. Il cosiddetto digital scholar è colui che padroneggia con consapevolezza ambienti non sempre progettati per essere fruiti dalla comunità accademica. Inoltre orientarsi nel ricco panorama dei servizi 2.0 significa soprattutto comprendere le implicazioni di carattere metodologico e etico insite nella esternalizzazione della propria attività e dei prodotti di ricerca a essa collegati.
Il testo, dopo aver introdotto il concetto di digital scholarship e i nodi interpretativi ad esso connessi, ripercorre, nei singoli capitoli, i temi legati alle implicazioni dell'uso dei social media nel workflow della produzione scientifica.
Una riflessione conclusiva sposta il focus dalle tecnologie come supporto alla ricerca alle tecnologie come oggetto della ricerca introducendo il tema della digital etnography e delimitando l'ambito di discussione a uno specifico medium, i mondi virtuali multiutente.

Laura Fedeli è ricercatrice in Didattica e Pedagogia speciale presso il Dipartimento di Scienze della Formazione, dei Beni Culturali e del Turismo dell'Università degli Studi di Macerata. Svolge attività di ricerca nell'ambito delle tecnologie educative con un interesse specifico per i social media e i mondi virtuali, argomenti su cui ha pubblicato diversi saggi e le monografie Social Media e didattica. Opportunità, criticità e prospettive (Pensa Multimedia, 2012) e Embodiment e mondi virtuali. Implicazioni didattiche (FrancoAngeli, 2013).

Indice
Pier Giuseppe Rossi, Prefazione
Introduzione
Nuovi scenari per la ricerca
(Introduzione; Il concetto di "digital scholarship"; Il rapporto tra ricerca e social media; L'uso dei social media: alcuni dati; Giovani ricercatori nel web: futuri "digital scholar"?)
L'avvio della ricerca: la dimensione esplorativa
(Introduzione; Information literacy; Identificare fonti appropriate: strategie di ricerca; Digital content curation: verso un personal information management; Il campione: strategie di contatto; Sistemi di finanziamento 2.0)
La validazione della ricerca: la dimensione partecipativa
(Introduzione; Peer-review: origini, funzioni e modalità; Il web e il processo di peer-review; Modalità alternative di peer review)
La promozione della ricerca: la dimensione di condivisione
(Introduzione; La questione "open access"; Social network accademici; Il ricercatore: identificazione, visibilità e reputazione)
La ricerca di approccio etnografico sui/nei mondi virtuali sociali: la dimensione metodologica
(Introduzione; La ricerca etnografica in Internet; Mondi virtuali: tipologie e caratteristiche; Il concetto di embodiment nei mondi virtuali; MUVE, MOOG e MMORPG: tre studi di caso)
Conclusioni
Bibliografia.