The economics of EU enlargement

Economia dell'allargamento dell'Unione Europea

Autori e curatori
Contributi
Carlo Altomonte, Filadelfio Basile, Giuseppe Casale, Mario Centorrino, Paul De Grauwe, Pierangelo De Pace, Francesco Farina, Friedrich Heinemann, Miroslav N. Jovanovic, David King, Mafalda Marenco, Tibor Palànkai, Bruno Sergi, Domenico Spampinato, Roberto Tamborini
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 336,      1a edizione  2003   (Codice editore 365.258)

The economics of EU enlargement. Economia dell'allargamento dell'Unione Europea
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 30,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846448330

Presentazione del volume

Dopo la firma dei trattati di adesione dei nuovi paesi che entreranno a far parte dell'UE nel maggio 2004, il quadro dei problemi istituzionali ed economici che l'Unione allargata dovrà affrontare si presenta altamente complesso e per molti versi incerto. Da una parte sarà necessario superare i limiti dell'attuale meccanismo decisionale delle istituzioni comunitarie, che - mantenendo in larga misura intatti i poteri di veto dei singoli governi - rischia di portare l'UE alla paralisi. Dall'altra occorrerà far fronte alle tensioni e alle maggiori difficoltà della governance economica dell'UEM associate alla accresciuta eterogeneità dell'economia della UE a 25-27, approntando nuovi strumenti di stabilizzazione e procedendo a nuove riforme nel campo della politica agricola e delle politiche strutturali. In entrambi i casi, la speranza è che la futura Costituzione europea possa fornire strumenti utili di intervento sotto forma di avanzamenti in direzione di un vero e proprio governo europeo e di un sistema fiscale comunitario dotato di appropriate risorse. Con l'avvertenza che se tali strumenti non saranno approntati, i rischi di fragilità e di disgregazione dell'Unione saranno destinati ad aggravarsi.

After the signing of the accession treaties paving the way for the joining of new member countries in 2004, the framework of the institutional and economic challenges confronting the enlarged Union seems highly intricate and uncertain. On the one hand it will be necessary to go beyond the limits of the present decision mechanism based on national government veto powers, which risks bringing the EU to a state of paralysis. On the other hand it will be necessary to manage the strains and the increased difficulties in the economic governance of EMU. All this follows in the wake of increased heterogeneity of the EU-25 or EU-27, with the setting up new stabilisation tools and launching of new reforms in the agricultural and structural policies. In both cases a solution could come from the future European Constitution, if it could make progress towards a fully fledged European government and a community-wide fiscal system endowed with suitable resources.

Indice


Franco Praussello , Introduzione
Parte I. Il quadro generale dell'allargamento
Friedrich Heinemann, The Political Economy of UE Enlargement and the Treaty of Nice
Miroslav N. Jovanovic, Eastern Enlargement of the EU: a Topsy-turvy Endgame or Permanent Disillusionment
Parte II. La governance dell'UEM
Carlo Altomare, Pierangelo De Pace, An Anlarged Economic and Monetary Union: Effects and Policy Implications
Francesco Farina, Roberto Tamborini, Macroeconomic Stabilisation and the EU Enlargement
Franco Praussello, The Stability of EMU in the Aftermath of Eastward Enlargement of the European Union
Paul De Grauwe, The Challenge of the Enlargement of Euroland
Parte III. Gli effetti dell'allargamento sulle politiche dell'Unione e dei Paesi candidati
Tibor Palánkai, Hungary and the Euro
David King, Decentralisation in EU Applicant States
Filadelfio Basile, Domenico Spampinato, La Convenzione sul futuro dell'Europa, l'allargamento dell'UE e l'impatto sul settore agricolo
Mafalda Marenco, Reforming the CAP in the Response to Eastward Enlargement of the EU
Giuseppe Casale, Bilancio comunitario e allargamento all'Est dell'UE
Mario Centorrino, Bruno S. Sergi, L'allargamento dell'Unione europea può produrre effetti sulla criminalità internazionale?




newsletter facebook rss

Linkedin Facebook Twitter RSS Informatemi