Capitale sociale delle famiglie e processi di socializzazione. Un confronto fra scuole statali e di privato sociale
Contributi
Federica Bertocchi, Clemente Lanzetti, Riccardo Prandini, Luigi Tronca
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 240,      1a edizione  2006   (Codice editore 1534.2.20)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 22,00
Disponibilità: Buona




Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846479945
Informazioni sugli e-book

Clicca qui per provare l'e-book
Tipologia: E-book (PDF) per PC, Mac, Tablet
Prezzo: € 15,50
Possibilità di stampa:  No
Possibilità di copia:  No
Possibilità di annotazione:  Si
Formato: PDF con DRM per Digital Editions
Scarica Adobe® Digital Editions

Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846493248
Disponibile anche in:
Informazioni sugli e-book


Clicca qui per provare l'e-book

Presentazione del volume

Negli ultimi anni si sono moltiplicate le ricerche sul ruolo che il capitale sociale svolge all’interno della società. Questo volume si propone di mostrare se e come il capitale sociale – nelle sue varie forme (familiare, comunitario allargato, generalizzato o civico) influisca sull’educazione scolastica e sui processi di socializzazione dei ragazzi e se c’è differenza fra il ruolo che il capitale sociale gioca nelle scuole statali e in quelle di privato sociale.
La ricerca empirica è stata condotta a Bologna su due campioni di genitori con figli di 6-18 anni iscritti rispettivamente nelle scuole statali e in quelle di privato sociale. I risultati dell’indagine rivelano come le scuole di privato sociale siano capaci di valorizzare il capitale sociale nei processi di socializzazione educativa più di quanto non facciano le scuole statali. Le differenze riguardano soprattutto il modo di valorizzare il capitale sociale (come bene relazionale) nelle dinamiche interne alla scuola.
Nel complesso, si evidenzia come il mondo della scuola sia ancora scarsamente consapevole dei vantaggi educativi che provengono dall’operare nell’ottica della promozione del capitale sociale delle famiglie e della comunità intorno. Si tratta di ripensare la scuola come nodo di una rete di vita quotidiana tra le famiglie che è tanto più soddisfacente ed efficace nella socializzazione dei giovani quanto più promuove tutte le forme di capitale sociale.
Il libro si rivolge in primo luogo agli operatori scolastici di tutti i gradi e ai genitori interessati a partecipare direttamente all’educazione scolastica dei loro figli.

Pierpaolo Donati insegna Sociologia (Corso avanzato) nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna.
Ivo Colozzi insegna Sociologia nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna.

Il volume è un’ulteriore tappa di un percorso di ricerca che li ha visti curatori dei seguenti volumi: Generare «il civile»: nuovi scenari nella società italiana (il Mulino 2001); Religione, società civile e Stato: quale progetto? (EDB 2002); La cultura civile in Italia: fra stato, mercato e privato sociale (il Mulino 2002); Il privato sociale in Italia: culture e pratiche (FrancoAngeli 2004); Il privato sociale che emerge: realtà e dilemmi (il Mulino 2004); La valorizzazione del capitale sociale in Italia: luoghi e attori (FrancoAngeli 2006); Il paradigma relazionale nelle scienze sociali: le prospettive sociologiche (il Mulino 2006).

Indice


Pierpaolo Donati, Introduzione. Chi e come valorizza il capitale sociale nei processi di socializzazione delle nuove generazioni?
(Lo sfondo della ricerca: perché analizzare il capitale sociale nei processi di socializzazione?; Il disegno della ricerca; I due campioni di riferimento e gli indici; Il messaggio che proviene dai risultati: ripensare la scuola alla luce del capitale sociale, di chi e come lo genera)
Riccardo Prandini, Il capitale sociale familiare: cos’è, come si distribuisce e quali correlazioni ha con gli altri capitali sociali
(Il problema e il disegno della ricerca; I tempi della e per la famiglia: prima colazione, pranzo, cena e fine settimana; La costruzione degli indici di capitale sociale familiare “interno” ed “esterno”: definizione concettuale e operazionalizzazione; La sintesi: quale relazione esiste tra il capitale sociale familiare e gli altri capitali sociali?; Un universo molto variegato di relazioni tra famiglie e servizi educativi scolastici e non)
Luigi Tronca, Il capitale sociale comunitario allargato
(Il disegno e l’ipotesi della ricerca; Variabili strutturali e di contesto; Il capitale sociale comunitario allargato generato dai servizi; L’analisi multidimensionale degli indicatori di capitale sociale comunitario: dall’esame della qualità all’esame della “forma”; Le relazioni tra le variabili strutturali e di contesto e il capitale sociale comunitario allargato; Conclusioni)
Ivo Colozzi, Il capitale sociale “generalizzato” delle famiglie bolognesi
(Una definizione di capitale sociale “generalizzato”; Il percorso teorico di validazione empirica del concetto; La validazione empirica; La relazione fra capitale sociale generalizzato ed agire; Conclusioni)
Pierpaolo Donati, La socializzazione educativa e il capitale sociale: in che modo famiglie e scuole generano beni relazionali?
(La socializzazione educativa come bene relazionale; Il divario fra scuola statale e scuola di privato sociale; Beni relazionali e capitale sociale; Due mondi?; Chi sono i genitori che creano maggiori beni relazionali nei due tipi di scuole? E quale capitale sociale hanno?; Conclusioni)
Federica Bertocchi, Gli stili educativi delle famiglie con figli nelle scuole statali e in quelle di privato sociale: quali differenze?
(Gli obiettivi conoscitivi; Stili di dialogicità familiare e di aiuto parentale nelle famiglie delle scuole statali e di privato sociale; La fiducia verso la parentela e lo sviluppo di atteggiamenti prosociali; Scuole statali e scuole di privato sociale: due stili educativi?)
Ivo Colozzi, Conclusioni. Il capitale sociale delle famiglie con figli iscritti nelle scuole statali e di quelle che hanno scelto scuole di privato sociale: le differenze quantitative e qualitative
(Cosa intendiamo per capitale sociale; Le ipotesi della ricerca; I principali risultati)
Clemente Lanzetti, Luigi Tronca, Appendice metodologica
(Introduzione; Il campionamento; La distribuzione delle variabili strutturali; La costruzione degli indici; La cluster analysis; Il questionario utilizzato)
Bibliografia di riferimento
Gli autori.