Ciudad Juarez. La violenza sulle donne in America Latina, l'impunità, la resistenza delle Madri
Contributi
Patricio Bustos Streeter, Simona Carnino, Matteo Dean, Clara Ferri, Stefania Ninatti, Patrizia Peinetti, Servando Pineda Jaimes, Paolo Pobbiati, Maria Cristina Secci, Rita Laura Segato, Laura Silvestri, Manuelita Simental, Angela Vitale Negrin, Diana Washington Valdez
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 196,   1a ristampa 2011,    1a edizione  2010   (Codice editore 62.69)

Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Disponibilità: Discreta


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788856816877

In breve
Il testo, prendendo spunto dai numerosi casi di femminicidio verificatisi a Ciudad Juárez, fornisce un panorama sulla violenza in Messico e in altri paesi latinoamericani, intrecciando antropologia, sociologia, letteratura, testimonianza diretta, medicina legale, diritti umani. Chiudono il testo la voce delle vittime e quella delle Madri (di Plaza de Mayo e dell’organizzazione Nuestras Hijas de Regreso a Casa) che continuano a combattere la violenza, affermando la verità dei fatti e proponendo un nuovo modo di agire e pensare.
Utili Link
Leggendaria La strategia dell'invisibilità (di Francesca Gargallo Celentani)… Vedi...
La Provincia di Como La strage delle innocenti dimenticata dalla giustizia (di Manuela Moretti)… Vedi...
Presentazione del volume

Ciudad Juárez (stato di Chihuahua, Messico) è famosa non solo per essere la città simbolo della criminalità organizzata, ma anche per le centinaia e centinaia di ragazze che, dal 1993, vengono rapite e uccise: alcune spariscono per sempre, altre vengono trovate sepolte nel deserto che circonda la città, violentate, seviziate, fatte a pezzi per poi essere trattate come spazzatura. E il peggio è che la polizia e il governo si nascondono dietro alla giustificazione che le uccisioni e le sparizioni sono conseguenze di situazioni familiari compromesse o di imprudenze irresponsabili da parte delle vittime stesse.
La verità - emersa grazie a giornaliste e giornalisti coraggiosi - è invece che ci troviamo di fronte a un caso eclatante di violenza di genere. Ovvero: di violenza subita dalle donne per il solo fatto di essere tali. Non per nulla a proposito di Juárez si parla di femminicidio, un vero e proprio genocidio nascosto.
In questo libro si cerca di andare oltre le ragioni fornite dal governo e dai media, per interrogarsi sulle situazioni che rendono possibili le uccisioni: le imponenti migrazioni, il collegamento con le "nuove guerre", l'efferatezza dei carnefici che utilizzano i corpi delle donne per inviare un messaggio violento e manifestare il proprio potere, stipulando così un patto di impunità con i pari delle corporazioni mafiose. Ma anche la "cultura del sacrificio", di tradizione preispanica, che rivive attraverso nuovi culti, come la Santa Muerte, dove silenzio e negazione ostacolano la formazione di una coscienza civile.
Il testo fornisce, inoltre, un panorama sulla violenza in Messico e in altri paesi latinoamericani, intrecciando discorsi provenienti da ambiti disciplinari diversi. Non mancano infine la voce delle vittime, raccontate nella loro profonda verità umana, e quella delle Madri che hanno combattuto, e continuano a combattere, la violenza, affermando la verità dei fatti e proponendo un nuovo modo di agire e pensare.

Silvia Giletti Benso insegna Lingua Spagnola, presso la Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Torino e Antropologia della scrittura, presso la Facoltà di Lettere della stessa Università.

Laura Silvestri insegna Lingua e Letteratura Spagnola, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata".

Indice


Silvia Giletti Benso, I vortici della violenza
Rita Laura Segato, Territorio, sovranità e crimini da secondo stato: la scrittura sul corpo delle donne assassinate
Patrizia Peinetti, Diniego e percorsi della verità
Diana Washington Valdez, La cultura del sacrificio
Laura Silvestri, Voci dal silenzio
Servando Pineda Jaimes, Ciudad Juárez: dal femminicidio alla speranza
Paolo Pobbiati, Ciudad Juárez: il luogo del femminicidio
Patricio Bustos Streeter, Identificazione di detenuti scomparsi in Cile
Stefania Ninatti, La lingua "franca" dei diritti umani
Angela Vitale Negrin, Simona Carnino, America Centro-Meridionale: dove l'impunità trova casa. Le denunce di Amnesty International
Matteo Dean, Assemblando donne
Cristina Secci, Senza approssimazione per eccesso: il femminicidio nel Districo Federal e in altri stati del Messico
Clara Ferri, Al di sopra di ogni sospetto
Manuelita Simental, La mia vita
Bibliografia
Gli autori.



Pubblicità