Il giovane Jung e il suo daimon

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Brigitte Allain Dupré
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 11 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. Dimensione file: 68 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’Autrice mostra come la concezione di Jung a proposito del daimon rinvii a vissuti di dissociazione della psiche, che testimoniano dell’esperienza precoce dell’inaccessibilità del sentimento unitario. Il daimon sarebbe nello stesso tempo ciò che Jung chiama disunione psichica e, anche, il tentativo di umanizzarne le componenti, per rendere possibile il confronto. Partendo dai primi capitoli di "Ricordi sogni riflessioni", l’Autrice sviluppa e amplifica la comprensione delle difficoltà del giovane Carl Gustav Jung, collegandole al suo lavoro attuale di analista di bambini.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Brigitte Allain Dupré, Il giovane Jung e il suo daimon in "STUDI JUNGHIANI" 11/2000, pp , DOI: